C4Classifica: top 10 morti che hanno scosso il mondo del fumetto

C4CLASSIFICA

Chi legge i fumetti sui supereroi sa bene, che la morte di un eroe non è mai (o quasi mai) definitiva. All’ingresso nell’aldilà dei fumetti c’è una porta girevole, quando si entra, si può anche uscire. In questa classifica voglio elencare le morti che a loro tempo diedero uno scossone al comicdom fumettistico. Di tutti i personaggi passati a miglior vita e presenti in questo elenco solo uno è rimasto ancora morto e sepolto, si tratta della povera Alexandra DeWitt (spero l’abbiano tolta dal frigo prima!), anche se Gwen non è mai realmente resuscitata, i suoi molteplici cloni hanno fatto più volte capolino nei fumetti dell’Uomo Ragno, soprattutto durante la famigerata Saga del Clone.

10- Kyle Rainer fu il sostituto di Hal Jordan quando quest’ultimo divenne Parallax e distrusse il corpo delle Lanterne Verdi. La povera ragazza che vedete nel frigo si chiamava Alexandra DeWitt ed era fidanzata con Kyle proprio il periodo in cui lui ricevette l’anello. Questo incredibile evento diede nuova passione alla loro relazione in crisi, ma attirò le mortali attenzioni di Major Force che prima la uccise e poi la incastrò nel frigo!

9- Lo so che non è carino dirlo, ma chi non ha tirato un respiro di sollievo, quando Ben Really si è trasformato in cenere, togliendo ogni dubbio su chi fosse il vero clone!? Ben è morto da vero eroe, salvando la vita di Peter in uno scontro all’ultimo sangue contro il Goblin originale: Norman Osborn.

8- Quando Johnny Storm sacrificò la sua vita, affrontando da solo l’intera onda Annihilation, ha dimostrato a tutto il mondo che quell’aria di spensieratezza e superficialità sono solo una maschera che celava un vero eroe! Fortuna che Annihilus ha deciso di prendere i resti della Torcia Umana e resuscitarlo: i Fantastici Quattro senza Johnny non erano più quelli di una volta.

7- Non penso proprio che la morte della Visione diede uno scossone ai fan o al mondo dei comic, ma il sintezoide è da sempre stato il mio Vendicatore preferito e non potevo non inserirlo in questa lista. In breve: Scarlet perde il lume della ragione, distrugge la villa dei Vendicatore e uccide chi le capita a tiro. Nel caso della Visione, altera le probabilità in modo da far perdere le staffe a She-Hulk che lo strappa in due il come un foglio di carta.

6- La morte di Flash fu un record per il mondo dei comics americani, perché rimase tale per più di 20 anni! Una vera perla rara se si parla di supereroi. Barry Allen morì per salvare il suo universo e i suoi cari durante Crisi su Terre Infinite.

5- La morte di un Robin ormai non fa più notizia; ma quando fu la volta di Jason Todd era tutt’altra storia! La DC chiese ai propri fan di decidere del destino del secondo Robin, anni fa non c’era internet, quindi bisognava chiamare un numero di telefono e condannare a morte o salvare il povero Robin. Indovinate com’è andata a finire.

4- La morte di Gwen Stacy segnò uno spartiacque nell’universo supereroi stico e nelle menti dei fan, c’era il prima quando le tragedie venivano sempre sfiorate per un soffio, i comprimari importanti di un fumetto non potevano realmente morire e un dopo in cui la ragazza più dolce, pulita e carina è brutalmente uccisa da uno psicopatico! (Se qualcuno nomina Straczynski lo caccio fuori!)

3- Hal Jordan è forse la Lanterna Verde più amata in assoluto. Quando impazzì, distruggendo il corpo delle Lanterne Verdi e cerco di riscrivere letteralmente il tempo dell’universo, i fan avevano il cuore infranto. In fondo al cuore di Jordan c’era rimasto ancora del buono e quando si trattò di sacrificare la propria vita per salvare la Terra, non ci pensò due volte: uccise un mostro dai forti appetiti che voleva mangiarsi il Sole e riaccese il Sole stesso, che nel frattempo si era spento!

2- Dopo la guerra fratricida di Civil War, il capitano fu arrestato e chiamato in giudizio per essere giudicato. Ma un piano orchestrato nei minimi dettagli dal perfido Teschio Rosso fa in modo che venga ucciso da un cecchino mentre saliva le scale del tribunale. Personalmente se io avessi il nulla osta di uccidere Capitan America lo avrei fatto in modo spettacolare con una battaglia all’ultimo colpo e all’ultimo sangue: secondo me è stata un’occasione persa.

1- Superman muore combattendo un mostro inarrestabile: Doomsday! Niente e nessuno riesce a fermarlo, la JLA a malapena lo ha rallentato, Superman è l’unico uomo che può salvare Metropolis dalla devastazione totale. Sconfigge il mostro, ma muore nell’intento. Altri quattro Supermen prendono il suo posto, ma nessuno di essi è il vero Superman. Cost City brucia, Hal Jordan impazzisce e annienta il corpo delle Lanterne Verdi. Superman resuscita, torna a casa e fa (letteralmente) a pezzi chi minaccia il mondo. In poche parole ho riassunto forse il più bel ciclo di storie dell’uomo d’acciaio. Ideato da Dan Jurgens.

Death_of_Superman

Marcello Davide De Negri

L'autore è Marcello Davide De Negri, figlio degli anni '80, cresciuto a pane e fumetti. La sua grande passione sono i supereroi e ci sono ben poche cose che sfuggono alla sua conoscenza quasi maniacale dell'argomento.

Potrebbero interessarti anche...

1 Risposta

  1. 3 aprile 2016

    […] farà il suo ritorno dall’aldilà (Per saperne di più date un’occhiata questo link).  Il kryptoniano, invece, è stato il primo supereroe a mordere la polvere ed è stato un […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.