[LiveNews] Recchioni: “Dylan Dog deve osare di più, è un tesoro culturale”

Roberto Recchioni visto da Stefano “StenTwo” Sergiampietri

La parola passa a Roberto Recchioni durante la conferenza stampa della Sergio Bonelli Editore. Così il nuovo curatore di Dylan Dog riguardo la rivoluzione che attende l’opera:

“Sapevo che il mio sarebbe stato un lavoro difficile, che il confronto con Tiziano Sclavi sarebbe stato impietoso. Se non fosse stato lui a chiedermelo, non avrei accettato. È stato un anno molto difficile, di lucidatura e messa a punto di quanto avevamo già in magazzino. Il nuovo Dylan Dog vuole tradire la propria origine proprio per riuscire ad esserne fedele. Ogni volta che qualcuno ha provato a codificare Dylan Dog, il personaggio ha perso qualcosa. Il cambiamento che sta per arrivare non è un upgrade, ma un downgrade: un tornare a un sistema operativo precedente, più rischioso e brutale, ma più vicino all’originale. Dylan Dog è un tesoro culturale dell’Italia, ha interpretato un sentire specifico dei suoi tempi. L’impresa è riportare Dylan a raccontare il momento attuale, che non significa mettergli in mano un cellulare, ma fargli interpretare lo spirito dei tempi.
Ho chiesto a tutti i miei sceneggiatori di osare di più, di mandarmi soggetti che sarò costretto a bocciare perché saranno ‘troppo’, ma mai perché saranno ‘troppo poco’.”

Nicholas Venè

Leggo, scrivo, gioco, guardo, commento. Osservo e prendo appunti, provando a fare cose.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.