Sergio Bonelli Editore: Il 2014 in numeri

Sergio BonelliIl quasi concluso 2014 è stato un anno intenso per tutto il fumetto italiano tanto da segnare sotto molti punti di vista una svolta epocale.

Tra le realtà più attive e vivaci dell’annata 2014 Sergio Bonelli Editore: con il lancio di nuove serie e rinnovamenti strutturali, quali la rinascita e rivoluzione  dell’universo di Dylan Dog, la casa editrice di via Buonarroti ha messo a tacere tutti coloro che ritenessero il fumetto popolare da edicola immobile per non dire morto.

orfani-bonelli-586x457Ci sembra utile indagare quali siano stati i personaggi più pubblicati e gli autori più operativi nel corso del 2014. Partendo dal maggior numero di pagine pubblicate in testa per il nono anno consecutivo troviamo Dylan Dog (2.500 pag.) seguito da due colonne portanti della Bonelli più storica: Tex (2276 pag.) e Zagor (1954 pag.).

Passando agli sceneggiatori più produttivi in testa troviamo Mauro Boselli (1730 pag.) suddivise tra Dampyr, Zagor e Tex; a seguire l’attivissimo curatore di Dylan Dog e creatore di Orfani Roberto Recchioni (1172 pag.); al terzo gradino de podio il creatore di Dragonero e Lilith Luca Enoch (1062 pag.)

Per quanto riguarda la classifica dei disegnatori più attivi ad aggiudicarsi il podio è il signore delle ombre Corrado Roi impegnato più po meno in tutte le testate bonelliane (631 pag.) seguito da Gianni Sedioli per Zagor (506 pag.) e Roberto Diso per Tex (334 pag.)

Relativamente ai copertinisti, il maggior numero di copertine pubblicate vede il primato di Claudio Villa per001texcivitelli Tex e Dylan dog Superbook (18 cover) seguito da Angelo Stano per Dylan Dog (17 cover) e Gallieno Ferri per Zagor (16 cover).

Chiudiamo questa carrellata di classifiche con i coloristi più produttivi: in testa troviamo Giovanna Niro per Orfani (318 pag.) seguita da GFB comics per Tex e Zagor (288 pag.) e al terzo posto abbiamo un ex aequo: Annalisa Leoni e Alessia Pastorello per Orfani  (282 pag.)

Per visionare le classifiche nella loro interezza vi rimandiamo QUI

Fonte: Dimeweb

Jacopo Cerretti

Classe '90, cresciuto a pane (tanto) e comics con approccio disinteressato, negli ultimi 3 anni ho sviluppato un vero e proprio amore per il fumetto grazie in primis all'indagatore dell'incubo, i colleghi di casa Bonelli e alle poesie grafiche di Gipi.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.