[Esclusiva] C4 Chiacchiere con… Nicoletta Baldari – Vivi e Vegeta

Ed eccoci qui ad alleviare l’attesa per la seconda parte della prima stagione di Vivi e Vegeta! Altro lunedì, altra intervista e, ancora una volta, parliamo di un’artista che i lettori di Vivi e Vegeta conoscono bene: Nicoletta Baldari. Nicoletta ha infatti curato le matite dello special natalizio uscito a dicembre! Qui di seguito trovate una chiacchierata sul mondo del fumetto, sui web comic e, of course, su Vivi e Vegeta! Enjoy!

Nicoletta Baldari Vivi e Vegeta 01

C4Comic: Ciao, Nicoletta. È un piacere averti ospite su queste pagine!
Nicoletta Baldari: Ciao C4Comic! Il piacere è tutto mio!

C4C: Nicoletta, come da tradizione nelle interviste qui su C4Comic, la prima domanda è uno spazio dedicato all’artista ospite per raccontarsi. Abbiamo avuto il piacere di gustare lo speciale natalizio di Vivi e Vegeta dove hai curato le matite, ti andrebbe di parlarci degli altri tuoi lavori e di te?
N. B.: Dopo la Scuola Internazionale di Comics, ho iniziato a collaborare con Aurea Editoriale, prima con delle illustrazioni per Garfield e Il Ruvido e poi fumetti per Skorpio e Lanciostory. Parallelamente, ho disegnato un volume di Geronimo Stilton per Bao Publishing. Ho illustrato tre libri per l’infanzia. Attualmente sono al lavoro per Atlantyca e per The Walt Disney Company, intenta a macinare tavole per Frozen e Violetta.

Nicoletta Baldari Vivi e Vegeta 02

C4C: Quali sono i tuoi progetti futuri? Tornerai a disegnare per Vivi e Vegeta?
N. B.: Per il futuro, spero di continuare su questa strada, i lavori che faccio attualmente sono un sogno che si è avverato. Sono anche al lavoro su un fumetto per ragazzi, ve ne parlerò presto. Vivi e Vegeta? Dipende tutto da Savino.

Nicoletta Baldari VIvi e Vegeta 03C4C: Qual è l’aspetto che più ti ha colpito di Vivi e Vegeta?
N. B.: Il fatto che fossero delle piante mi ha subito incuriosito, in particolar modo mi sono chiesta cosa potesse nascondere e raccontare un universo così apparentemente inanimato. Eppure, mi sbagliavo.

C4C: Dalla carta al web, quali sono le differenze nell’approccio al lavoro tra un fumetto su carta e un web-comic?
N. B.: Per quanto mi riguarda, dal punto di vista della produzione, niente in particolare, tranne per il fatto che ho potuto sfruttare l’elemento verticale e quindi sbizzarrirmi senza limiti di spazio.

speciale 05C4C: Dai blog (un nome per tutti: Zerocalcare) alle piattaforme come Verticalismi: i fumetti sono approdati definitivamente su internet e oggi abbiamo a disposizione prodotti di alta qualità, gratuiti e accessibili a tutti. Qual è la tua opinione sul formato web-comic e sulla sua diffusione?
N.B.: Trovo il web-comic molto “comodo”, scorro con il pollice usando una sola mano e posso ingrandire e quindi leggere un fumetto anche se ho dimenticato gli occhiali, cosa che mi succede spesso 🙂 È anche un’ottima vetrina, puoi farti conoscere con un click!

C4C: Che consiglio daresti a chi vuole intraprendere la carriera di disegnatore?
N.B.: Mangiare tanto.

C4C: Nicoletta, prima di salutarci ti sottoponiamo alla domanda di rito di C4Comic: qual è la tua kryptonite?
N.B.: Le patatine fritte. Ci sono residui sul mio computer, nel mio zaino, nel mio letto e sul mio ragazzo.

C4C: Grazie mille per la tua disponibilità, Nicoletta! A presto e in bocca al lupo per i tuoi progetti futuri!
N.B.: Grazie a voi, è stato un piacere <3

speciale 06

Marcello Bertonazzi

Newser e recensore milanese. Ha passato due terzi della sua esistenza a drogarsi di fumetti, libri e a collezionare dischi. Entra ed esce in continuazione dal tunnel delle serie tv. Pare purtroppo non ci sia più niente da fare. Felicemente irrecuperabile.

Potrebbero interessarti anche...