Soldi Sporchi: Quando il Graphic Novel è anche inchiesta

Spesso ci siamo chiesti se oltre a un mero fatto di cultura, la nona arte potesse raccontarci qualcosa che va oltre la semplice fantasia. Molte volte il termine fumetto viene associato al supereroe o al personaggio Disney di turno ma, come è giusto che sia, non è sempre così.

Un fervido esempio di fumetto impegnato è sicuramente Soldi Sporchi, un graphic novel edito da Round Robin, realizzato dall’associazione Re:common e dalla disegnatrice Claudia Giuliani. La storia raccontata in quest’opera ci porterà in Niger, dove attraverso gli occhi dei due protagonisti, James Ibori e Dotun Olko, scopriremo un meschino riciclaggio di denaro sporco, ma soprattutto avremo modo di vedere l’incredibile corruzione di cui è affetto il continente nero.

Soldi Sporchi non è solo un graphic novel, ma una vera e propria inchiesta portata avanti da giornalisti dell’associazione Re:common su una faccenda passata purtroppo inosservata.

Fonte e immagini: comunicato stampa Round Robin

Renato Pipitò

Appassionato di tutto, forse anche di troppo. Passa l'intera giornata cercando di conciliare tutte le sue passioni, riuscendo a non combinare mai nulla. Una costante è quella del fumetto infatti, tra un flame e l'altro su League of Legends, scopre C4Comic, un modo utile per continuare a coltivare almeno una delle cose che ama.

Potrebbero interessarti anche...