C4 Classifica: Avengers: Age of Ultron – 10 Androidi nei comics che dovete conoscere

The-avengers-age-of-ultron

Protagonisti indiscussi di “Avengers: Age of Ultron sono i robot e più specificatamente le intelligenze artificiali. Noi, come specie, siamo quasi ossessionati dall’idea di creare la vita. Ne è riprova la moltitudine di romanzi, storie e avventure sull’argomento, iniziando da Frankestein di Mary Shelley fino ad arrivare ai giorni nostri, con Ultron: un essere artificiale che possiede una coscienza.

Nello sterminato modo dei comics di macchine “vive” ce ne sono moltissime. In questa Top Ten andiamo a ricercare quelle più famose.

1. R2 D2 e C3PO
I due androidi sono i protagonisti cibernetici indiscussi della lunga saga cinematografica di Star Wars. Ma la “strana coppia” non è apparsa solo sul grande schermo, come è successo per tutti i personaggi di Guerre Stellari, loro hanno vissuto le loro avventure anche nel bidimensionale mondo dei comics. R2 D2 è forse il robot che qualunque avventuriero vorrebbe avere al suo fianco in caso di guai: ingegnoso e coraggioso, a volte è il deus ex machina per situazioni altrimenti mortali. Tutto il contrario invece per C3PO, che riesce sempre a mettersi nei guai ed è un terribile fifone. L’unico pregio che sembri avere è quello di somigliare al dio pagano degli Ewoks!

star wars

2. La Visione
La Visione è il formidabile androide colonna portante del gruppo di eroi dei Vendicatori. I poteri della Visione sono molti: può volare (più precisamente planare), cambiare la densità del proprio corpo divenendo denso come il diamante o totalmente intangibile per poter attraversare i corpi solidi, possiede una mente analitica eccezionale che gli permette d’interfacciarsi con i computer, spara dei raggi ottici dagli occhi, è fortissimo ed è un buon incassatore. Ma ancor più eccezionale dei suoi poteri sono le sue origini. I pezzi con cui La Visione è stata costruita sono le parti della Torcia Umana originale, realizzati dallo scienziato Phineas Horton prima della Seconda Guerra Mondiale. Ultron trova l’androide originale e lo modifica per realizzare il suo progetto. Per non sbagliare, scarica nella testa del suo nuovo androide gli schemi mentali di Wonder Man, un altro eroico membro degli Avengers, e lo invia al palazzo dei Vendicatori per distruggerli. Come prevedibile, visto che gli schemi mentali dell’androide sono di un eroe, si rivela uno dei buoni e invece di eliminare gli Avengers ne diventa membro. Ma fa molto di più! Grazie alla sua spiccata sensibilità si innamora di Scarlet Witch e dopo non molto tempo i due convolano a nozze. L’androide è stato smantellato e strappato in due ma è sempre riuscito a tornare.

visione

3. Data
Data è il tenente comandate e ufficiale scientifico dell’astronave spaziale USS Enterprise, ed è un androide. In realtà è molto più famosa la sua controparte sul piccolo schermo nella serie cult Star Trek che il fumetto in cui compare, ma la sua presenza era doverosa in questa C4 Classifica. Data è un androide che ha coscienza di se stesso, quindi è una forma di vita artificiale. Ma a differenza di molte altri IA, Data è incapace di provare sentimenti. Almeno fino a quando il suo costruttore non lo ha fornito di un chip che gli permettesse di fare altrimenti.

star-trek data

4. La Torcia Umana originale
La Torcia Umana è in assoluto il primo personaggio comparso sui fumetti Marvel Comics quando ancora quest’ultima si chiamava Timely. Stiamo parlando dell’anteguerra e la Torcia Umana era un forte sostegno degli Alleati nella lotta al Nazismo in Europa durante il secondo conflitto mondiale. Se vi sentite confusi perché pensavate che in realtà la Torcia Umana fosse il simpatico Johnny Storm dei Fantastici Quattro, state tranquilli! In realtà nei comics  sono comparse parecchie “Torce Umane”. Jim Hammond (è questo il suo nome da civile) è la prima ed è un androide costruito dallo scienziato americano Phineas T. Horton. Fra  le intenzioni del costruttore c’era quella di creare una forma di vita artificiale in tutto e per tutto simile a un essere umano, cosa che lo scienziato riuscì a fare, ma ci fu un imprevisto: il suo androide prendeva fuoco quando entrava in contatto con l’ossigeno.
Spaventato da questo effetto secondario, sotterrò la sua creazione in un blocco di cemento, incurante del fatto che l’androide fosse vivo e potesse provare sentimenti umani. Ci pensò il fato al liberarlo con un fulmine che spaccò il blocco di cemento, liberandolo dalla prigionia.

Torcia Umana

5. Ultron
Un androide malvagio con il complesso di Edipo poteva solo apparire in un fumetto Marvel! Le origini di Ultron risalgono ai primi giorni di vita del gruppo di supereroi degli Avengers. Ant-Man, membro fondatore del gruppo e brillante scienziato, decise di creare una forma di vita artificiale, riuscendoci. Il guaio fu che la nuova creatura era estremamente malvagia e odiava profondamente tutti gli esseri di carne! L’androide Ultron è una spina al fianco dei Vendicatori e più volte è quasi riuscita ad eliminarli.

ultron

6. I Metal Men
Nonostante dal nome si possa pensare che si tratti di un gruppo Heavy Metal, i Metal Men sono invece 6 eroi cibernetici DC Comics. Creati in laboratorio dallo scienziato Magnus, i Metal Men sono stati realizzati come squadra di recupero e salvataggio in luoghi altrimenti ostili all’uomo. Quando il loro creatore scopre che in realtà i militari vogliono usare le sue creature per scopi bellici, le fa scappare dal laboratorio e le nasconde in casa propria. Ogni Metal Man ha i poteri e il carattere strettamente legati alla lega di cui è composto. Il capo è Oro che ha la capacità di allungarsi a dismisura, poi c’è il forzuto e testardo Ferro, l’invulnerabile e leale Piombo, il malleabile e testa calda Mercurio, l’insicuro Stagno e l’unica ragazza del gruppo, con il potere di cambiare forma: Platino.

metal_men

7. Jocasta
Abbiamo già parlato di Ultron, anticipandovi del suo complesso di Edipo. Oltre che voler uccider il suo creatore, Ultron si innamorò perdutamente della moglie di Ant-Man, quindi virtualmente della madre. Ma c’era un grandissimo problema per l’androide: Wasp, la moglie di suo padre è umana! E lui odia tutti gli essere che non sono sintetici. Così decide di trasferire gli schemi mentali dell’eroina e di trasferirli in un nuovo androide da lui costruito. Il risultato è stato Jocasta, che ovviamente avendo la coscienza di Wasp, un’eroina e Vendicatrice, non poteva che essere buona! Scappò immediatamente dalle grinfie di Ultron e si unì agli Avengers, di cui ora è un membro di riserva.

Jocasta

8. Red Tornado
Red Tornado è un androide realizzato dal malvagio scienziato T.O. Morrow per infiltrare e distruggere dall’interno la Justice League, ma a sorpresa l’androide capisce la differenza tra il bene e il male e decide di essere un alleato della Lega. Red Tornado, come altri esseri artificiali del fumettomondo, ha una coscienza e prova dei sentimenti. È innamorato di una donna con la quale ha deciso di adottare una bambina. La grande differenza con gli altri androidi è che lui è anche un essere elementale, cioè è un aspetto antropomorfo della natura, nel suo caso, del vento. Infatti ha il potere di controllarlo in ogni sua forma, creando vortici così potenti da mettere in difficoltà lo stesso Superman. Nel corso della sua carriera di supereroe, Red Tornado è stato più volte distrutto ma nonostante le avversità è riuscito sempre a tornare integro.

red tornado

9. Machine Man
Altro androide che imperversa sui comics Marvel è Machine Man. Oltre ai soliti poteri di forza, velocità e resistenza superiori, Machine Man possiede la peculiare capacità di allungare a dismisura sia le gambe che le braccia (!), potere che probabilmente sembrava molto figo negli anni ’70 ma non nei nostri giorni. Per aggiornare il personaggio gli autori hanno aggiunto diversi nuovi gadgets al robot, come un cannone al plasma montato sul torace e una miriade di armi e oggetti multifunzione, che possono essere montati sul braccio. Machine Man ha visto il suo momento di gloria nella saga Marvel Zombie, probabilmente le sue parti in metallo sono risultate indigeste ai morti viventi.

machine man

10. Adam Warlock
Adam Warlock è un essere artificiale con il complesso di Dio! Ma andiamo per gradi: Adam fu creato sulla Terra da un gruppo di scienziati che si facevano chiamare l’Enclave. Scopo dei ricercatori era di creare l’essere perfetto, senza colpe né peccati, in modo da poter realizzare un’intera razza di umani perfetti. Adam doveva essere il capostipite di questa nuova generazione ma, quando è ancora in “gestazione” nel suo bozzolo, l’androide percepisce il male nei suoi creatori, e appena nato decide di ucciderli e scappare. Verrà trovato poi da un essere dai poteri divini, l’Alto Evoluzionario, il quale decide di usarlo per ripopolare una Contro-Terra creata per l’occasione al lato opposto della nostra Terra. Per aiutarlo nell’impresa, Warlock riceve in dono una Gemma dell’Infinito, uno dei sei artefatti più potenti dell’universo. Sulla Contro-Terra l’androide affronta l’Uomo Bestia, che lo uccide per crocifissione. Ora arriviamo finalmente al complesso di Dio di Adam Warlock: l’androide, infatti, dopo pochi giorni resuscita, proprio come Gesù Cristo. La somiglianza tra le due vicende fa nascere un equivoco, che mette in moto una serie di eventi i quali porteranno alla nascita di una nuova religione. In pochissimo tempo si radunano così tanti fedeli che il nuovo credo si espande in tutto l’Universo. Qualcuno avrebbe dovuto dire ai nuovi credenti che nei comics le resurrezioni avvengono di continuo e non è niente di speciale. Adam stesso morirà un altro paio di volte nelle sue avventure in giro per il cosmo e comunque è sempre riuscito a resuscitare.

warlock

Marcello Davide De Negri

L'autore è Marcello Davide De Negri, figlio degli anni '80, cresciuto a pane e fumetti. La sua grande passione sono i supereroi e ci sono ben poche cose che sfuggono alla sua conoscenza quasi maniacale dell'argomento.

Potrebbero interessarti anche...