[Vivi e Vegeta] Dietro le quinte ep. #3: C4 Chiacchiere con… Cosimo Torsoli

Ed eccoci di nuovo pronti con un altro appuntamento dedicato al “Dietro le quinte” di Vivi e Vegeta. Oggi parleremo del secondo Episodio Speciale della serie o meglio, faremo due chiacchiere con colui che si è occupato dei disegni e dei colori dello speciale: Cosimo Torsoli, Junior Graphic Designer per BAO Publishing. Prima di lasciare la parola a Cosimo, vi segnalo un po’ di link utili:

Sommario degli episodi usciti su Verticalismi

Pagina Facebook Vivi e Vegeta

– L’esperimento degli esperimenti: Vegeta e Vivi #1 e #2

E ora, è tempo di chiacchiere e soprattutto di gif (tutte quelle che trovate all’interno dell’intervista arrivano direttamente da Cosimo), enjoy!

dettaglio_tav_1

Un dettaglio dell’episodio speciale disegnato da Cosimo.

C4Comic: Ciao, Cosimo! Benvenuto su C4 Comic!
Cosimo Torsoli: Ciao C4Comic e grazie per l’opportunità!

C4C: Prima di iniziare l’intervista ti diamo un po’ di spazio: ti va di raccontarci chi è Cosimo Torsoli, dove sta andando e dove è stato?

C.T. : Allora la mia formazione avviene in quel di Firenze dove mi divido tra l’università (Design e Comunicazione) e la Scuola Internazionale di Comics. In quest’ultima, insieme ai miei compagni di corso, partecipo alla realizzazione della fanzine Katlang! insieme a qualche lavoro di colorazione per la Francia (Edition Soleil). Alla fine però, decido di spostarmi a Milano e finire gli studi al Politecnico dove mi laureo in Desing della comunicazione. Oggi lavoro come grafico per BAO Publishing e nel tempo libero “scarabocchio” e colleziono le gif animate più stupide dell’internet sul mio blog (disagierrimo.tumblr.com).

katlang ok

C4C: Partiamo dalla fine, dal secondo speciale di Vivi e Vegeta di cui hai curato disegni e colori. Mi è stato detto che sei stato sottoposto a scadenze implacabili, ecco, qui puoi sfogarti liberamente e raccontarci com’è stato lavorare con Savino & Co., poniamo fine una volta per tutte al bullismo tipico del team creativo di Vivi e Vegeta.
C.T. : Ecco, bene, perché “la gente deve sapere”!!! Ehehe… Scherzi a parte, è stato molto divertente e ringrazio Francesco per l’opportunità e la fiducia. Era un sacco di tempo che non mi confrontavo con una vera a propria storia a fumetti, ed è stato bello rimettersi un po’ in gioco.
Comunque visto il tempo che avevo a disposizione per finire tutto, la parola chiave è stata: ANSIA!

C4C: Senza allontanarci troppo dalla domanda precedente: cosa ne pensi del fumetto sul web e quale pensi possa essere la strada “giusta” da percorrere?
C.T. : Mi piace e mi incuriosisce il fumetto web quando sfrutta le sue stesse potenzialità in termini di narrazione e fruizione. È vero che internet dà grande visibilità a chiunque, però limitarsi solo a pubblicare online una pagina a fumetti pensata per la stampa, credo che oggi sia un po’ riduttivo, ecco.

C4C: Lavori come Junior Graphic Designer per BAO Publishing, in cosa consiste il tuo lavoro e come si svolge una tua giornata tipo in redazione?
C.T. : Il lavoro di redazione è simile a una catena di montaggio; io, insieme al Senior Design “Officine Bolzoni”, mi occupo della fase di assemblaggio dei testi e delle immagini attraverso un complesso procedimento alchemico, ovviamente segretissimo.

C4C: Cosimo, ti vedremo ancora in veste di disegnatore? Hai qualche progetto nel proverbiale cassetto che vorresti vedesse la luce un giorno?
C.T. : Al momento nulla in cantiere, ma chissà, magari questa esperienza su Vivi e Vegeta ha riaperto un pochino quel cassetto…

dettaglio_tav_3

Un altro dettaglio tratto da una tavola dello speciale disegnato da Cosimo.

C4C: Noi di C4 Comic, potendo scegliere, preferiremmo non farlo, prendendo entrambi i formati, in egual misura e dignità culturale, ma siamo cattivi e quindi, immaginando un’ipotetica pistola alla testa: webcomic o carta stampata?
C.T. : Il team di Verticalismi me la farà pagare, ma senza esitazione scelgo la carta stampata: sono un feticista del “profumo” della carta inchiostrata.

C4C: Domanda finale, inevitabile: qual è la tua kryptonite?
C.T. : Poca roba, in ordine sparso: i pagliacci, il/la comic sans, il gelato stracciatella e fragola, i wurstel sulla pizza, il rotolo di carta igienica girata verso il muro e più di tutto i luoghi senza connessione internet.

C4C: Cosimo, grazie mille per la disponibilità, è stato un gran piacere averti nostro ospite!
C.T. : Grazie a voi per la chiacchierata, alla prossima!

Marcello Bertonazzi

Newser e recensore milanese. Ha passato due terzi della sua esistenza a drogarsi di fumetti, libri e a collezionare dischi. Entra ed esce in continuazione dal tunnel delle serie tv. Pare purtroppo non ci sia più niente da fare. Felicemente irrecuperabile.

Potrebbero interessarti anche...