C4 Corso Manga GENSAKUSHA SPECIAL: Lezione #2 – La Tavola Manga e la 4koma

intestazione-scenegg2Benvenuti alla seconda lezione di C4 Corso Manga “Gensakusha Special”!
In questo articolo affronteremo il primo step dell’utilizzo dei quattro tempi narrativi, trattando la creazione di una 4Koma.

La Yonkoma (o 4Koma), semplicemente tradotto in Italiano 4 Vignette, è il formato di striscia a fumetti più utilizzato in Giappone e nel Manga: dal contenuto solitamente umoristico, può essere utilizzato dagli autori di Story Manga per realizzare Omake (omaggi per i lettori) o siparietti comici in cui inserire i propri personaggi, o essere il formato scelto da alcuni autori per realizzare i proprio manga.

Il manga di Hidekaz Himamura, inizialmente pubblicato unicamente online sul suo blog personale, narra le vicende delle nazioni durante la WWII in chiave comica e umanizzata: per la maggior parte sono 4koma, collegate tra loro dal filo narrativo e che narrano ciascuna piccoli siparietti comici Hetalia Axis Power, © 2006, Hidekaz Himamura

Attenzione! Prima di iniziare a lavorare sulla nostra 4Koma ricordiamoci la regola d’oro della creazione di un manga: mai lavorare direttamente in bella e sul supporto finale, creiamo sempre prima il Name 😉

Per realizzare la 4Koma i giapponesi hanno adattato lo schema utilizzato nella poesia cinese in quattro versi: la struttura Kishotenketsu.
Questa ci permette di utilizzare al meglio i quattro tempi narrativi distribuendoli nelle vignette, nel modo che segue:

  • Ki, l’introduzione: costituisce la base della nostra storia e presenta la situazione iniziale.
  • Sho, lo sviluppo: prosegue la storia sulle premesse della prima vignetta senza introdurre cambiamenti significativi.
  • Ten, la svolta: rappresenta il culmine della storia con l’inserimento di uno sviluppo imprevisto.
  • Ketsu, la conclusione: si vedono gli effetti degli avvenimenti raccontati nella terza vignetta.

In fase di stesura di una 4Koma ricordiamoci di seguire alcune piccole regole:

  • Non utilizzare mai battute, gag o situazioni comprensibili solo per una cerchia ristretta di persone: in pratica, una striscia sul macellaio del vostro quartiere farà ridere la vostra vicina di casa ma non un lettore esterno.
  • Attenti alla coerenza della storia (anche si sviluppa solo in poche vignette): l’inserimento di elementi assurdi nella trama può sicuramente rendere divertente la striscia, ma l’eccesso di poca coerenza potrebbe ottenere l’effetto opposto rendendo poco comprensibile la gag rappresentata.
  • Prestare attenzione alle inquadrature usate nelle quattro vignette: anche solo piccoli spostamenti nel punto di vista rendono più piacevole la lettura e ci permettono di distinguere la 4Koma dalla Comic Strip americana più tradizionale, caratterizzata dalla “telecamera fissa” sui personaggi (come, per fare un esempio celeberrimo, nelle strisce dei Peanuts di Charles M. Schulz, dove i personaggi, di norma inquadrati di fronte e alla stessa distanza, si muovono sullo sfondo, spesso fisso anch’esso).

Nella realizzazione della striscia dobbiamo anche decidere che aspetto avrà questa scegliendo lo schema delle vignette che vogliamo utilizzare.

MODELLO 1:
Lo schema classico a colonna che permette l’inserimento di due 4Koma per foglio.

K-ON!_v05_ch01_p05

K-On! © 2007, Kakifly

MODELLO 2:
Questo modello permette di inserire un’immagine o il titolo della 4Koma accanto alla striscia stessa. Questa illustrazione può essere racchiusa o meno da linee di vignetta.

lucky-star-687017

Lucky☆ Star © 2004, Kagami Yoshimizu

K-ON!_v01_p075_ch09_p01

K-On! © 2007 Kakifly

MODELLO 3:
Modello più particolare: prevede una disposizione in due piccole colonne delle vignette e un grande riquadro contenente un’illustrazione di testa.

Principe001

Il Principe Nudo, © 2014, The King’s Dream Studio

Una volta pronto il Name non ci resta che riprodurre la 4Koma sulla Tavola Manga e iniziare a matitare, chinare e retinare :D!!

Siccome questo è il primo utilizzo che vi mostriamo della tavola manga cogliamo l’occasione per spiegarvi la squadratura e le sue funzioni.
Il formato standard della tavola manga è il B4, la cui distribuzione si sta ampliando in Italia soprattutto nei formati già squadrati: se volete utilizzare fogli bianche lo schema della squadratura è il seguente.

Foglio Manga già squadrato, l’aspetto può variare a seconda delle marche potreste trovare lo spazio per le note in alto o in basso, oppure diviso sopra e sotto e cose simili) ma restano invariate le sue misure

Se non riuscite a reperire il formato di carta B4 è possibile utilizzare la Serie A dei formati ISO: in Giappone il Formato A4 è utilizzato dagli autori di Doujinshi (manga i cui autori decido di autoprodurre, possono essere sia originali sia con trame e personaggi ispirati da Anime e Manga celebri).

Se si vuole utilizzare il formato A4 le misure subiscono questa variazione:

  • Kihon: 150 x 220mm
  • Tachikiri: 182 x 257mm
  • Taglio Esterno: 196 x 265mm

Infine ecco gli schemi per realizzare le vostre 4Koma 😀

Un paio di note:

  • Il senso di lettura da noi proposto è quello occidentale perché il primo pubblico di riferimento su cui potrete lavorare è, ovviamente, quello italiano. Inoltre questo aiuta noi occidentali a lavorare, essendo abituati fin dall’infanzia con un  certo schema di scrittura (cioè da sinistra a destra e non viceversa, come i giapponesi).
  • Questi schemi sono pensati per il formato B4, se è vostra intenzione utilizzare un formato differente dovrete modificare le misure in proporzione.
  • Ci teniamo a evidenziare come le vignette della 4Koma, in quanto vignette chiuse, si trovano tutte all’interno del Kihon.

ZMA-MangaPaperGuideZMA-MangaPaperGuideZMA-MangaPaperGuide

E con questi ultimi schemi si conclude la nostra lezione, iniziate a provare a realizzare qualche 4koma ;)!

Chiunque abbia voglia di inoltrarci i suoi elaborati per giudizi critiche e complimenti può farlo sulla nostra pagina Facebook 🙂
Arrivederci 😀
Stay Tuned!

The King's Dream Studio

"The King's Dream Studio©" nasce nel 2012 grazie alla collaborazione tra Martina e Nicolò. Martina "Dream" Longinotti: Diplomata al liceo classico, laureata in Arti Figurative e Pittura presso l'Accademia di Belle Arti di Carrara (laurea triennale e specialistica). Disegnatrice da sempre. Nicolò "K.i.S." Belloglio: Diplomato al Liceo Classico, ha frequentato l'Università degli Studi di Pisa, corso di laurea in Lettere Moderne. Appassionato di lettura, manga e scrittura fin dalle medie, si dedico alla sceneggiatura, in particolare a quella manga.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.