Quentin Tarantino: Il regista dice sì ai cinecomic

Durante una recente intervista rilasciata al New York Magazine e realizzata in occasione della sua ultima fatica (il film di prossima uscita The Hateful Eight), il celebre regista Quentin Tarantino non si è tirato indietro dall’esprimere le sue personali opinioni riguardo gli ultimi fenomeni televisivi e cinematografici, non risparmiando alcune critiche per lo più rivolte alla famosa serie True detective, definita noiosa e pessima.quentin_tarantino_-_h_-_2015

Il regista ha quindi parlato dell’industria legata ai cinecomics:

Leggo fumetti fin da quando ero un ragazzino e ho avuto le mie personali ossessioni sul Marvel Universe per anni. Non ho alcun problema con le storie di supereroi, eccetto che non avrei voluto aspettare fino ai cinquant’anni perché diventasse il genere dominante. Negli anni ’80, quando i film facevano schifo ed i prodotti redditizi di Hollywood erano i peggiori dagli anni ’50, ho guardato più film di quanti ne abbia visti in tutto il resto della mia vita. Ecco, quello sarebbe stato un ottimo momento per l’avvento dei cinecomic.”

Tarantino ha poi aggiunto:

All’epoca lavoravo in un negozio di videocassette, ma mi sarebbe piaciuto vedere questi film. Era il periodo giusto per me. Avevo vent’anni ed ero come i ragazzi del Comic-Con che al giorno d’oggi vanno a vedere ogni film DC e Marvel. Ma ora ho cinquant’anni. Non li guardo tutti.”

quentin-tarantino-comic-con-2015

Il maestro, ospite peraltro all’ultima edizione del San Diego Comic-Con, promuove quindi questo giovane genere cinematografico che in pochi anni ha già raggiunto le più alte vette di gradimento, un grande vanto per chiunque ne abbia fatto parte.

Fonte: comicbookmovie.com

Francesco Marchi

Newser in prova

Potrebbero interessarti anche...

1 Risposta

  1. 5 settembre 2015

    […] un articolo di pochi giorni fa, vi abbiamo parlato di Quentin Tarantino e delle sue opinioni favorevoli sui […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.