4 Comics: Superman #40, Amazing Spider-Man #20, Ringo #12 e Lanterna Verde #41

4 Comics settembre

Superman #40

Autori: Geoff Johns e John Romita Jr.
Formato: Spillato a colori, 96 pagine 16,8×25,6, € 4,50
Editore: RW Edizioni, Lion Comics

SUPERMANNella saga Gli Uomini del Domani, Superman sembra aver incontrato finalmente una persona che possa capire il suo stato di straniero in terra straniera”, Ulysses. Questi è, come lui, un esulo in un mondo alieno: arrivato bambino in una navicella in fuga da un pianeta morente e adottato da una famiglia amorevole che lo ha cresciuto, insegnandogli come utilizzare i suoi fantastici poteri e come integrarsi in una società altrimenti aliena. Ulysses giudica la Terra un posto governato dal disordine e dalla violenza e propone a 6 milioni di terrestri di essere ospitati dal suo luogo di origine: la quarta dimensione, dove non esistono guerre, malattie e ingiustizie. Ma sarà tutto vero? Se sì, allora perché Ulysses non vuole portare con sé i propri genitori? Lo sceneggiatore Geoff Johns ci ha abituati a leggere storie fantastiche e sorprendenti e anche questa volta non delude le aspettative dei lettori. La nota stonata in questo fumetto sono i disegni: cosa è successo a Romita Jr? Si può disimparare a disegnare? Beh, guardando i disegni su questo numero sembra proprio di sì.

Amazing Spider-Man #20

Autori: Gerry Conway, Carlo Barberi, Peter David, Will Sliney, Dennis Hopeless e Javier Rodriguez
Formato: Spillato a colori, 80 pagine, 17×26, € 3.30
Editore: Panini Comics, Marvel Italia

AMAZING-SPIDER-MANIl vero assassino di Gwen Stacy è tornato a scrivere le storie dell’Uomo Ragno. Magari ora che la bionda ha fatto il suo come back nei panni di Spider-Gwen, il veterano sceneggiatore ha la coscienza più leggera nel fare ritorno sul fumetto di Peter Parker. La saga RagnoVerso è terminata, e tutti gli Spider-Man del multiverso tornano nelle loro rispettive dimensioni. L’Uomo Ragno torna sulle strade di New York, dove imperversa l’ennesima guerra tra bande: questa volta troviamo il criminale albino Lapide alle prese con la polizia. Il Testa di Tela fa il suo ingresso per risolvere la situazione a suon di pugni e ragnatele, ma la vera battaglia si svolgerà in un’aula di tribunale, dove un giudice corrotto farà la differenza. Tornare a leggere le vicende urbane di Spider-Man, dopo le incredibili avventure vissute in infiniti mondi paralleli assieme a comprimari ogni giorni diversi e interessanti, è un po’ come viaggiare a 300 km/h su una macchina da F1 per poi passare su un monopattino a rotelle spinto dalla forza delle proprie gambe. Nel secondo “slot” del fumetto troviamo Spider-Man 2099, anche lui reduce degli eventi di RagnoVerso; cercare di tornare nel suo tempo. Qualcosa, però, è andato storto e si ritrova faccia a faccia con il Maestro, la terribile e sadica versione futura di Hulk! Contro il gigante di giada non c’è scampo e il povero Ragno del futuro dovrà trovare un modo per scamparla. Peter David ha a disposizione personaggi e ambientazioni da lui stesso create nel corso degli anni scrivendo per Marvel, questo gli permette di realizzare storie avvincenti e mai scontate, che difficilmente deludono il lettore. Peccato per i disegni di Will Sliney, che a parer mio sono statici e poco curati: sbaglia addirittura i fori da cui escono le ragnatele di Spider-Man 2099, che tutti sanno non si trovano sui polsi delle mani, ma sul dorso! (Non sono un nerd pignolo: è un errore grave!).
Terzo tassello del fumetto è occupato da Spider-Woman. Nuovo team di autori anche per la Donna Ragno, e una nuova vita: l’ex Avengers, ex spia dell’Hydra ed ex agente dello SHIELD decide di ritirasi a vita privata, fuggendo dal folle mondo delle maschere e dei supereroi. Ma persone come lei vanno sempre a finire in mezzo ai guai e si trova invischiata in un losco gioco di ricatti e supercriminali.
Teoricamente questo sarebbe un numero ideale per cominciare a leggere le storie del Ragno: nuovi autori e nuova trama. Ma personalmente non consiglierei a nessuno di leggere queste storie dell’Uomo Ragno che sanno digià letto. Discorso che non si può applicare né a Spider-Man 2099 e né Spider-Woman.

Orfani: Ringo #12

Autori: Roberto Recchioni e Roberto Zaghi
Formato: Bonelliano a colori, 16×21, € 4,50
Editore: Sergio Bonelli Editore

Orfani Ringo 12_coverIl viaggio intrapreso circa un anno fa da Ringo e i suoi “potenziali” figli è giunto alla fine. Della compagnia iniziale sono sopravvissuti sono lo stesso Pistolero e Rosa. I due sono feriti, stanchi e infreddoliti, ma hanno ancora la forza di andare avanti, soprattutto ora che la meta è così vicina. Fra le Alpi, infatti, è celata una base missilistica con una navicella pronta a lasciare il pianeta ormai morente. Che dire di quest’ultimo capitolo della serie Ringo? Personalmente a me è piaciuto moltissimo questo “finale di stagione”: non vorrei rovinare la lettura a chi non avesse ancora avuto tra le mani il fumetto, quindi attenzione agli eventuali spoiler in arrivo. Probabilmente la tragica fine di Ringo era inevitabile, il guerriero di mille battaglie sembrava sempre più stanco di questo mondo e sempre più privo di speranza per il proprio futuro. La nuova vita nel grembo di Rosa è stata la scintilla che ha ravvivato la sua motivazione e lo ha portato al sacrificio finale, pur di salvare sua figlia e la sua nipotina che deve ancora nascere. Il fumetto è una buona lettura, magari ancora più godibile se si è seguita l’intera saga dell’eroe. Per chi volesse approfondire l’argomento, può leggere la recensione completa qui.

Lanterna Verde #41

Autori: Robert Venditti e Billy Tan
Formato: Spillato a colori, 96 pagine 16,8×25,6, € 4,50
Editore: RW Edizioni, Lion Comics

lanterna verdeSi conclude Godhead: i Nuovi Dei decidono di muovere una guerra preventiva nei confronti di Darkseid, impadronendosi del potere della luce bianca della vita e conquistando e soggiogando in anticipo la popolazione della Terra ricca di eroi da usare contro gli dei di Apokolips. Bisogna ammettere che il piano di Altopadre sembra un po’ assurdo, ma se pensiamo alle “guerre preventive” mosse dagli Stati Uniti in questi ultimi decenni, allora la questione comincia ad avere più senso. Per tenere testa all’immenso potere dei Nuovi Dei, Hal Jordan , il capo del corpo delle Lanterne Verdi decide di allearsi con il suo peggior nemico: Mano Nera, il leader delle Lanterne Nere. Quest’ultimo pare sia la chiave di volta che cambia le sorti del conflitto, perché riesce dove gli altri avevano fallito: tocca il Muro della Fonte, ai confini dell’universo, e invece di rimanervi prigioniero resuscita” tutti i suoi occupanti, scatenandoli contro i nuovi dei. Finalmente dopo alcuni numeri decisamente noiosi, l’azione si fa interessante e la resurrezione dei Titani prigionieri del muro è un colpo di scena che non s’era mai visto prima d’ora in un fumetto DC.

Marcello Davide De Negri

L'autore è Marcello Davide De Negri, figlio degli anni '80, cresciuto a pane e fumetti. La sua grande passione sono i supereroi e ci sono ben poche cose che sfuggono alla sua conoscenza quasi maniacale dell'argomento.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.