C4 Corso Manga GENSAKUSHA SPECIAL: Lezione #6 – La creazione di un personaggio, l’antagonista

intestazione-scenegg6

Ben ritrovati con il sesto appuntamento con C4 Corso Manga Gensakusha Special 🙂

Nella lezione precedente abbiamo trattato la creazione del protagonista di una storia: ripartiamo da questo punto e vediamo come la “scheda” del nostro protagonista ci fornisce le basi per definire altri ruoli all’interno della nostra sceneggiatura.

Iniziamo parlando dell’Antagonista: può sembrare ovvio ma è importante ricordare che questo personaggio è colui che si contrappone al protagonista, questo rapporto permette quindi all’autore di rappresentare e far esprimere al protagonista il suo carattere e di farlo sviluppare.
Possiamo quindi arrivare a dire che il protagonista è il centro attorno a cui si sviluppa la vicenda, ma è l’antagonista che gli da modo di esprimere sé stesso ed evolvere.

Dato il rapporto di contrasto che distingue questo personaggio, sfruttiamo la caratterizzazione del protagonista per compilare lo schema di creazione dell’antagonista:

NOTA: continueremo, in linea con la scorsa lezione, a creare come esempio  i personaggi della storia con protagonista Joshua.

Aizen_closes_in

In Bleach ( ©2001, Tite Kubo) i contrasti tra protagonista e antagonista partono dalle basi. Aizen è più grande di Ichigo (il che lo pone, escludendo i suoi obbiettivi, su un livello di comportamenti e motivazioni diversi dal protagonista che è un adolescente) e anche a livello visivo di discostano già nell’abbigliamento, riflesso poi nelle due fazioni a confronto (gli Shinigami sono neri, gli Arrancar bianchi)

Aspetto Fisico e Info  Anagrafiche: nel delineare il sesso e l’età del personaggio scegliere lo stesso sesso  e un’età simile (solitamente uguale o maggiore) a quella del protagonista ci aiuta a creare un confronto più diretto tra i due.

Possiamo inoltre scegliere un design agli antipodi rispetto a quello del protagonista per fare in modo che al primo sguardo si capisca il contrasto tra i due.

sceneg-antag

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’antagonista di Joshua sarà Nigel, un ragazzo di 18 anni, abitante dello stesso paese del protagonista e con una situazione vitae simile. Una volta che il conflitto ha raggiunto la loro città ha scelto, a differenza di Joshua, di arruolarsi nell’esercito nemico, convinto che una nazione più forte non avrebbe permesso che la guerra raggiungesse i propri abitanti.

Il contrasto visivo inizia a questo punto della storia con la divisa nemica ha colori scuri rispetto a quella di Joshua.

Carattere: per definire il carattere dell’antagonista prendiamo almeno uno degli elementi principali del protagonista e ribaltiamolo, donandogli poi diverse sfumature e profondità con la nostra “Regola del però“.

Usando questo accorgimento possiamo definire meglio il carattere di Nigel: otteniamo così un personaggio serioso e con dei valori familiari abbastanza radicati ma convinto che l’unico metodo per difendere quello a cui si tiene sia la forza e con un forte desiderio di far carriera e ottenere riconoscimenti a qualunque costo.

Procediamo come di consueto con i punti 3 e 4 dello schema di creazione di un personaggio tenendo sempre a mente che solitamente l’antagonista va contro i principi positivi e “morali” espressi dal protagonista e per cui si batte, o nel caso in cui abbiano un obbiettivo comune tende a compiere scelte opposte al protagonista per raggiungerlo.

s

Ikki, protagonista di Air Gear (©2003, Oh! Great) vede il suo rivale in colui che un tempo è stato amico e mentore, Sora (a sinistra nell’immagine): mentre l’obbiettivo di Sora è distruttivo e spietato, quello di Ikki è riuscire ad ottenere la libertà per tutti di volare e correre con le air treck

MB_lay3

Marmalade Boy (© 1992 Wataru Yoshizumi) è uno shojo “classico”, in cui i problemi sentimentali della protagonista nascono principalmente dal tentare di capire il ragazzo che le piace. Yuu (contorto e un po’ egoista) e dall’intricata situazione familiare in cui vive, dove i genitori hanno compiuto uno scambio di partner con quelli di Yuu… E vivono tutti sotto lo stesso tetto.

Una volta parlato dei  “trucchi” per rendere un contrasto ben delineato fra i personaggi e quindi un antagonista “rotondo” è necessario fermarsi per una riflessione: leggendo molti manga possiamo notare che l’antagonista non è sempre presente, o che ci sono più personaggi minori che si scontrano con il protagonista ma non una vera e propria nemesi; si potrebbe pensare che in questi casi il personaggio non riesca ad esprimersi e crescere ma vediamo che non è così.
Lo schema utilizzato nei manga che hanno un’impostazione più tradizionale può venire meno quando l’autore prende la decisione e ha l’abilità di far sì che tutto il motore della storia (plot, trama ed episodi) portino il protagonista ad un cambiamento: troviamo questo in storie dall’approccio più moderno e meno legate ai canoni classici; l’esempio migliore lo troviamo nei manga shoujo, in particolari quelli di tema romantico: qui la protagonista non sempre si trova a confrontarsi con un antagonista, ma è la sua stessa vicenda o, addirittura, il suo stesso carattere a rappresentare l’ostacolo più grande da superare.

In conclusione alla nostra riflessione dobbiamo sottolineare però che l’antagonista e il suo schema di creazione non sono cose che si possono ignorare o che nel manga “moderno” siano inutili: dobbiamo in fase di stesura capire che tipo di struttura vogliamo per la nostra storia (o che tipo ci “imponga” la storia stessa per poter funzionare) e scegliere di inserire un antagonista che si erga contro gli obbiettivi del nostro protagonista o che siano le vicende stesse a metterlo in difficoltà.

Rimandiamo l’appuntamento con la rubrica a tra circa un mese per scoprire come realizzare gli “aiutanti” del nostro protagonista.

Alla prossima, stay tuned!

The King's Dream Studio

"The King's Dream Studio©" nasce nel 2012 grazie alla collaborazione tra Martina e Nicolò. Martina "Dream" Longinotti: Diplomata al liceo classico, laureata in Arti Figurative e Pittura presso l'Accademia di Belle Arti di Carrara (laurea triennale e specialistica). Disegnatrice da sempre. Nicolò "K.i.S." Belloglio: Diplomato al Liceo Classico, ha frequentato l'Università degli Studi di Pisa, corso di laurea in Lettere Moderne. Appassionato di lettura, manga e scrittura fin dalle medie, si dedico alla sceneggiatura, in particolare a quella manga.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.