I diari di Lucca Comics & Games 2015: uno sguardo d’insieme da giovedì a domenica

Lucca Comics & Games manifesto 2015Questa, per me, è stata la prima edizione di Lucca Comics & Games vissuta da membro di redazione di C4 Comic. È stata anche la prima edizione che ho deciso di vivere nella sua interezza, quattro giorni su quattro. Non so se tra i due elementi ci sia una connessione, forse cercavo solo una scusa per restare quattro giorni in mezzo a mostre, appassionati e fumetti.
Con circa quaranta ore di fiera a disposizione ho potuto fare le cose con relativa calma, arrivando perfino ad avventurarmi tra stand e padiglioni senza un programma particolarmente rigido, e devo dire che le cose non sono state caotiche come pure avevo messo in conto.

Giovedì è stata giornata di caccia grossa: approfittando della moderata folla, il primo giorno è stato dedicato alla ricerca di dediche, autografi, sketch, impronte digitali e quant’altro.
james o barrOgni anno cerco di ricordarmi che stare in coda a lungo può essere un’esperienza estremamente sgradevole, ma quando hai la possibilità di incontrare leggende viventi del mondo del fumetto (vi dicono nulla i nomi Richard McGuire e James O’Barr?) e nuovi narratori in crescita ogni buon proposito finisce per essere messo da parte. Una menzione speciale a editori e autori che permettono di lasciare le copie dei propri volumi allo stand “in coda” per l’ospite di turno; il metodo è un po’ impersonale, ma permette a tutti di esplorare i meandri più reconditi di Lucca e al tempo stesso portare a casa un ricordo. Inoltre, nella maggior parte dei casi sono sempre tornato per un ringraziamento vis-à-vis.

anubi taddei angelini grrrz

Una tavola di “Anubi”, il nuovo volume GRRRz

Venerdì e domenica ho avuto il piacere di accompagnare il nostro buon Nicholas Venè a salutare e conoscere editori. Ormai C4 Comic inizia a ingranare la marcia, il nome gira, le case editrici ci conoscono (o ci conosceranno!) e qualcuno addirittura ci ringrazia. Impossibile nascondere l’emozione nel vedere la propria passione per il linguaggio del fumetto e per la narrazione concretizzarsi in questi brevi scambi con chi, con la nona arte, ci lavora dalla mattina alla sera. Non per fare preferenze, ma anche qui sento di dover ringraziare in particolar modo i ragazzi e gli autori di GRRRz Comic Art Books e l’intero staff Bao Publishing per la simpatia, la disponibilità e la professionalità mostrate a più riprese nel corso dei quattro giorni di manifestazione.

Sabato, in previsione di una mai sopraggiunta masnada oceanica, ho avuto modo di visitare alcune delle tantissime mostre sparse per la cittadina toscana; dai suggestivi acquerelli di Gipi per il suo nuovo Bruti alle fanciulle e le tipiche atmosfere oniriche di Tony Sandoval, passando per le opere multiformi e la passione per l’estathé di Tuono Pettinato, premiato con il Gran Guinigi per Miglior Autore Unico in occasione di Lucca Comics & Games 2014. Prima di tornare in hotel, infine, il sempre gradito salto in Self Area; l’ampio stand dove alcune fra le realtà italiane indipendenti più giovani e dinamiche “coltivano” i talenti di domani. Qualche nome su cui puntare l’anno prossimo per i meno avvezzi alle autoproduzioni? Delebile, Teiera (quest’anno presenti solo come spettatori), Studio Pilar, Inuit Bookshop, Manticora e Lucha Libre, il collettivo artistico che si è portato a casa il Gran Guinigi 2015 per Miglior Autoproduzione.

Gli appuntamenti con “I diari di Lucca Comics” saranno diversi, per permettere a chi tra voi non è riuscito a partecipare di avere una visione quanto più possibile completa dell’evento. Chiudo qui il mio modesto contributo e vi lascio agli interventi dei nostri altri validi redattori!

Marzio Petrolo

Appassionato e lettore di fumetti da più di un decennio. Affamato di fumetti intelligenti, bizzarri, magici, ermetici o almeno esoterici. Debitore a vita di Neil Gaiman e della sua prosa.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.