[BAO Boutique Xmas Edition] Incontro con Marta Baroni, Elisabetta Romagnoli e Flavia Biondi

Il Natale si avvicina ogni giorno di più e la frenesia aumenta. La corsa per fare gli ultimi regali si fa spietata, ma a portare un momento di quiete e di pausa dal trambusto natalizio arrivano le presentazioni alla BAO Boutique, il temporary store di BAO Publishing. L’evento di ieri sera era dedicato alla collana Le città viste dall’alto e in particolare alle tre uscite di questa annata tutta al femminile: Al sole come i gatti, Finisco di contare le mattonelle e La generazione, rispettivamente scritti e disegnati da Marta Baroni, Elisabetta Romagnoli e Flavia Biondi.

Noi di C4 Comic eravamo presenti e in questo articolo vi raccontiamo ciò che è stato detto nel corso della serata. Buona lettura!

Autrici viste dall'alto

Si inizia la chiacchierata parlando della genesi dei tre libri e dei semi che hanno portato alla loro nascita, donando una meravigliosa eco di qualcosa di vero alle storie delle autrici. Facciamo un piccolo passo indietro. Tempo fa il bravissimo Autrici viste dall'alto 06Cyril Pedrosa, a un incontro a Mantova, si è visto rivolgere la domanda “quanto c’è di vero nel tuo libro?”. Molto spesso gli autori le cui opere sembrano possedere una forte impronta autobiografica e che fanno sorgere nel lettore la curiosità di sapere quanto c’è di reale nel proprio libro, rispondono alla domanda con un sorprendente “non molto!”.

Si parla di realtà e di vero per spiegare che l’editore e le autrici hanno lavorato di concerto alla realizzazione dei tre libri, nel pieno rispetto dell’intenzione originale. Si è quindi curato molto l’aspetto personale della trama (perché, come ha osservato con intelligenza Pedrosa, “credo che alla gente interessi l’intimo, ma si annoi a leggere il privato”), ma allo stesso tempo si è fatto in modo che il risultato finale fosse fruibile a chiunque, specie a coloro che non leggono abitualmente fumetti. Missione decisamente compiuta, dato che i titoli che escono per Le città sono tra i più venduti del catalogo della casa editrice milanese.

Da sinistra: Marta Baroni, Flavia Biondi, Elisabetta Romagnoli

Da sinistra: Marta Baroni, Flavia Biondi, Elisabetta Romagnoli

Al-Sole-Come-i-Gatti-coverMa qual è stato lo spunto da cui sono nate le tre storie?
Marta dice di aver voluto realizzare sin da subito un libro che uscisse proprio per la collana, in modo da poter parlare della sua Roma. L’evento scatenante, che viene raccontato nella storia, è stato il trasloco in un’altra città, esperienza che l’artista ha vissuto Finisco di contare le mattonelle - coverproprio mentre lavorava sul libro. All’interno di Al sole come i gatti, realtà e finzione si mescolano tra loro in un coloratissimo sguardo, quello dell’autrice nei confronti della sua città. Flavia invece spiega che la riflessione che ha dato lo spunto per il volume è nata dalla visione di “Radiofreccia”, il film di Ligabue con Stefano Accorsi, e in particolare da una frase detta dal protagonista, Freccia, che recita così: “Se hai voglia di scappare da un paese di ventimila abitanti, significa che hai voglia di scappare da te stesso”. La generazione - coverUn input forte che ha toccato qualcosa di molto vicino e importante per l’autrice, che ha aperto un dibattito interno che è poi confluito nella realizzazione de La generazione. È il turno di Elisabetta e l’autrice romana racconta che la sua opera, Finisco di contare le mattonelle, è nata da un’esigenza personale, quella di tirare fuori le proprie storie e dar loro una forma, e quella più giusta per l’artista è quella di un libro a fumetti.

Tre libri emozionanti, tre autrici capaci di raccontare e di valorizzare i momenti di quiete, tre storie diverse; è stata una serata bellissima, raccolta e genuina, ma è tempo di far felici i presenti accorsi per la presentazione e di dedicare i libri. Vi lasciamo con un breve video con Marta, Flavia ed Elisabetta all’opera. Il prossimo evento è sabato 19 alle h 16.30, sempre alla Boutique, con Elena Casagrande e Matteo Scalera, che dedicheranno le copie di Suicide Risk e Black Science.

Marcello Bertonazzi

Newser e recensore milanese. Ha passato due terzi della sua esistenza a drogarsi di fumetti, libri e a collezionare dischi. Entra ed esce in continuazione dal tunnel delle serie tv. Pare purtroppo non ci sia più niente da fare. Felicemente irrecuperabile.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.