C4 CSI comics: il caso di Gwen Stacy

C4 CSI Comics_ (2)

Mai come in questi tempi nel fumettomondo il potere è del popolo. Mi spiego meglio. Ormai non sono più un’eccezione realtà fumettistiche nate a furor di fan, mi riferisco ad esempio al fantascientifico Rim City di Alessandro “DocManhattan” Apreda e Daniele Orlandini o al delirante Felinia della coppia Simona Zulian e Andrea Ribaudo o il dissacrante Jenus di Don Alemanno (solo per menzionarne alcuni fra i molti).

gwen stacy death

Il tragico momento in cui il collo di Gwen Stacy si rompe

Il caso di Gwen Stacy, ha avuto una genesi simile. Le radici del personaggio risalgono ai lontani anni ’60, in cui a Peter (Parker, ovviamente) lo sfigato, viene affiancato la favolosa bionda Gwen Stacy, la ragazza che ben presto diverrà il primo vero amore dell’Uomo Ragno. Il suo destino è ormai noto ai più, anche grazie al poco riuscito cinecomic Amazing Spider-Man 2. Goblin, l’arcinemico del Tessiragnatele, lancia la malcapitata dal ponte di Brooklyn e purtroppo l’eroe non riesce a proteggerla, anzi sembra che la ragnatela lanciata per salvarla le causi il colpo di frusta che le avrebbe poi spezzato l’osso del collo.

I lettori amavano Gwen, e la sua morte scatenò l’ira e le lettere (di carta!) di molti fan. La Marvel ha tentato di riportarla indietro, ma ogni volta che un autore ha provato a riproporla sulle pagine di un fumetto, è stato un flop. Gli iniziali timidi azzardi sono stati fatti nella prima Saga del Clone, in cui compare Gwen Stacy, che viene clonata da quella vera dal pazzo professor Miles Warren, meglio noto come il supercriminale Sciacallo. Il clone di Gwen ritorna anche nella seconda Saga del Clone, ma anche il Fato di questa ragazza è segnato: la degenerazione cellulare dei cloni la trasforma in una pozzanghera di liquido grigio e appiccicoso.

gwen

L’empia relazione tra Gwen Stacy e Norman Osborn

Ahi noi, alcuni anni dopo compare una nuova ragazza dalle fattezze della bionda dal cuore candido. Nella saga Sins Past/Peccati dal Passato, realizzata da un distratto J.M. Straczynski (ho ancora gli incubi se ripenso a questa storia), scopriamo che la vecchia fidanzata di Peter tanto casta e pura non era: in realtà aveva un relazione segreta con Norman Osborn (sì proprio quel Goblin, che poi la lancia dal ponte di Brooklyn). Da questo blasfemo amore, nasce una coppia di gemelli: Gabriel e Sarah, quest’ultima è tale e quale alla mamma e quando Peter l’incontra non può fare a meno di perdere la testa. Neanche a dirlo, anche questo ripescaggio del personaggio è stato un flop totale.

gwen stacy (5)

La sfavillante Spider-Gwen

Non c’è due senza tre, ora però è il turno di RagnoVerso, epopea interdimensionale orchestrata dallo sceneggiatore Dan Slott, in cui scopriamo che su una Terra parallela è stata Gwen a essere morsa dal famoso ragno radioattivo, mentre a Peter è toccato il tristo destino di morire, cadendo dal ponte di Brooklyn. Anche Gwen decide d’intraprendere la “carriera del supereroe mascherato” e diventa Spider-Woman. Il successo di pubblico è immediato e nel giro di poco tempo l’eroina si guadagna una testata tutta sua con il nome di Spider-Gwen. La fama di Gwendolyn cresce e la Marvel decide di dedicarle un mese di variant cover in cui la bionda reinterpreta tutti (o quasi) i supereroi della Casa delle idee.

Tra le molte copertine c’è quella di Gwenpool (per la precisione, si tratta di Deadpool’s Secret Wars): senza nemmeno conoscere le caratteristiche del personaggio, il mesh-up Gwen Stacy – Deadpool è piaciuto così tanto ai Marvel lettori, che la casa editrice ha deciso di dedicarle un fumetto. Inizialmente, un po’ per sondare il terreno, Gwenpool è comparsa come bonus story sulla collana di Howard il Papero, mini serie facente parte delle molte testate nate con Secret Wars. Poi, in occasione del natalizio Marvel Holiday Special – ormai classico appuntamento annuale in cui i supereroi si godono un po’ di vacanze di Natale (si fa per dire) – la nuova mercenaria vestita in rosa avrà un fumetto tutto per sé, tant’è che è stato subito ribattezzato Gwenpool Holiday Special.
Fintantoché il pubblico continuerà a reclamarne le storie, la fama di Gwen Stacy è destinata a crescere. Non importa se nei panni di Spider-Gwen o di Gwenpool, la bionda eroina ha fatto breccia nel cuore di più generazioni di lettori.

gwen stacy (4)

Gwenpool Holiday Special

Marcello Davide De Negri

L'autore è Marcello Davide De Negri, figlio degli anni '80, cresciuto a pane e fumetti. La sua grande passione sono i supereroi e ci sono ben poche cose che sfuggono alla sua conoscenza quasi maniacale dell'argomento.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. 11 gennaio 2016

    […] ve lo avevamo già detto: Gwenpool si conquisterà una serie propria! (vedi lo speciale su Gwen Stacy per saperne di più.) Ricordiamo che la giovane eroina vestita di rosa è nata quasi per gioco su […]

  2. 7 dicembre 2016

    […] all’Universo ragnesco. Sicuramente non può trattarsi della bionda ex di Peter Parker, Gwen Stacy, che anzi, al momento ha ben due serie regolari che raccontano le sue avventure: Gwenpool e […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.