Videorecensione: The graveyard book

Leggere qualcosa di Neil Gaiman è un po’ come ascoltare un nuovo disco di un cantante rock che hai amato per decine d’anni. Sai che non ti piacerà tutto e che molto saprà di già sentito, ma qui e là proverai piccoli brividi che rievocheranno le emozioni passate. È il caso di The graveyard book, romanzo per l’infanzia scritto dal Bardo inglese e trasposto in graphic novel da Paul Craig Russell, coadiuvato da molti bravi disegnatori: Kevin Nowlan, Tony Harris, Scott Hampton, Galen Showman, Jill Thompson, Stephen B. Scott, David Lafuente. Ne viene fuori un’opera coesa a livello grafico pur non perdendo una visione artistica personale (forse il solo Harris stona un poco per lo stile di disegno molto chinato).

Eccellente anche la cura riposta nel volume da Nicola Pesce Editore, con rilegatura cartonata, sopraccoperta serigrafata e carta di elevata grammatura, 360 pagine a colori per uno dei più bei tomi che mi sia capitato ultimamente tra le mani, legittimando il prezzo di 29 euro .

Ecco la nostra videorecensione, realizzata in collaborazione con il canale YouTube Comics101.


The Graveyard Book
Coraline

Max Bonati

Androide proveniente da un extramondo al di là dei bastioni di Orione. Deckard mi sta dando la caccia, nel frattempo cerco di leggere più fumetti possibile.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.