[Speciale Florengers] C4 Chiacchiere con… Stefano Sergiampietri

È giovedì, la settimana lavorativa sta per concludersi, ed è tempo di Florengers e di interviste! Come preannunciato lunedì, questa settimana abbiamo il piacere di ospitare sulle nostre pagine il team di autori dell’ultimo episodio di Florengers, il webcomic figlio di Vivi e Vegeta, uscito settimana scorsa su Verticalismi. Dopo aver chiacchierato con Michele Maria Serrapica, autore della sceneggiatura, oggi abbiamo con noi Stefano “STENTWO” Sergiampietri, una nostra cara e vecchia conoscenza… O, per meglio dire, uno di noi! In che senso? Vi spiegherà tutto lui tra pochissimo, giusto il tempo di ricordarvi che Vivi e Vegeta ha una pagina Facebook dove potete trovare tutte le novità, le uscite dei nuovi episodi e gli extra legati al mondo (noir) vegetale creato da Francesco Savino e Stefano Simeone. Ora lasciamo la parola a Stefano, buona lettura!

Florengers 01

C4 Comic: Ciao, Stefano! Benvenuto sulle pagine di C4 Comic! O meglio… Bentornato, perché qui sei un po’ di casa, giusto?
Stefano Sergiampietri: Ciao Marcello! In effetti non ti sbagli, collaboro con voi per “three for comic”, una sezione in cui stagionalmente, ogni settimana, qualcuno della banda ciquattro (come vi chiamo io amichevolmente) scrive riguardo a un tema scelto di volta in volta e io sono uno dei “three” che illustrano graficamente ogni uscita con un proprio disegno.

C4C: Stefano, hai voglia di raccontarci un po’ di te? Chi sei e come sei arrivato a decidere di fare il fumettista?
S.S.: Dunque diciamo che purtroppo fumettista-fumettista non lo sono ancora a tutti gli effetti (e assolutamente non mi ci sento), anche se di fatto quello dei Florengers è stato il mio esordio assieme anche a quello di Michele ai testi; fatto sta che in sostanza io ho iniziato a disegnare fumetti quando ero molto piccolo, da li è stata una passione che ho coltivato pian piano negli anni e che sto vedendo germogliare solo ora (in un fumetto sui vegetali come questo che ho disegnato, questi verbi ci stanno a fagiolo!).

Alla domanda chi sono io posso risponderti cosi, io sono Stefano a.k.a. StenTwo, mi piace disegnare, dipingere quadri e muri, amo disegnare, dipingere e cucinare, voglio disegnare, dipingere e spero di poter continuare a farlo fino alla fine.

Florengers 01

Wip di Stefano Sergiampietri; prima e dopo – parte 1

C4C: La scorsa settimana è uscito su Verticalismi l’episodio di Florengers su cui hai lavorato, come è nata la collaborazione con la squadra di Vivi e Vegeta?
S.S.: Tutto è nato a Sarzana, dove si è tenuto l’estate scorsa il “C4Comic meets the web”, lì ho conosciuto Stefano Simeone che mi ha ringraziato e si è complimentato per i tributi che avevo fatto a Carl, protagonista di Vivi e Vegeta, e mi ha proposto se mi sarebbe piaciuto far parte della squadra che stavano creando per lo spin-off della serie, ed è stato un piacere dire subito di si!

C4C: Hai realizzato i disegni e i colori dell’ultima puntata di Florengers, come è stato lavorare con Michele (Maria Serrapica, autore dei testi dell’episodio)? Quali sono state le fasi di produzione?
S.S.: Lavorare con Michele a.k.a. lo Sciamano Scribano è stato interessante, piacevole e una sfida con me stesso per poter star dentro a tutti i registri della sceneggiatura da lui scritta. Non amo molto la gabbia che imprigiona le vignette, sono più per la libertà scontornata e compositiva della tavola nel suo complesso, ma mi sono adattato con piacere e ho cercato di dare il meglio, ritagliando ogni spazio libero fuori dall’orario di lavoro da operaio, per la storia dei Florengers, dapprima creando graficamente 4 personaggi nuovi inventati da Michele: Cara, Zuccotto, Myos e padre Marvin, successivamente sono passato ai layout delle singole tavole, proseguendo con le matite e poi con le chine, chiudendo con i colori. Ho impacchettato il tutto, e l’ho passato a Maria Letizia Mirabella che ha concluso il lavoro con la grafica e il lettering.

tav intervist2

Wip di Stefano Sergiampietri; prima e dopo – parte 2

C4C: C4 Comodino: quali sono i tre fumetti che hai letto ultimamente che ti hanno colpito e che consiglieresti ai nostri lettori?
S.S.: Sicuramente Brigada di Enrique Fernandez, tutta la serie tratta dai romanzi del Meraviglioso mago di Oz scritta in origine da L. Frank Baum, adattata da Shanower e disegnata da Skottie Young, e ultima ma non ultima e soprattutto per niente recente come lettura per me, tutto il ciclo de Il collezionista di Sergio Toppi, per me ha un valore veramente indescrivibile a parole, tutta la sua arte e questo ciclo in particolare mi hanno segnato e cambiato a livello artistico.

interv 3

Wip di Stefano Sergiampietri; prima e dopo – parte 3

C4C: Sefano quali sono i tuoi progetti futuri?
S.S.: Per adesso ho delle piccole cose in stand-by e altre in via di sviluppo, ma purtroppo nulla di così eclatante, tuttavia continuo la mia strada e vedremo.

C4C: Lo sai meglio di chiunque altro, Stefano, e ti tocca: qual è la tua kryptonite?
S.S.: La mia kryptonite è il tempo, lo scorrere furioso e troppo spesso ingestibile del tempo, che ti sfascia sempre i programmi e ti costringe a correggere e a tamponare problemi che si creano a castello uno sopra l’altro e uno dopo l’altro, mi piacerebbe avere a disposizione giornate da 48 ore come minimo.

C4C: Grazie per essere stato con noi, Stefano, a presto!
S.S.: Grazie a te, Marcello, ciao!

Marcello Bertonazzi

Newser e recensore milanese. Ha passato due terzi della sua esistenza a drogarsi di fumetti, libri e a collezionare dischi. Entra ed esce in continuazione dal tunnel delle serie tv. Pare purtroppo non ci sia più niente da fare. Felicemente irrecuperabile.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.