“E la chiamano estate”: il graphic novel escluso dalle biblioteche scolastiche

this-one-summer1-211x300Turbine di polemiche per This One Summer (da noi E la chiamano estate, edito da Bao Publishing), graphic novel delle cugine Jillian e Mariko Tamaki, vincitore di un Eisner Award. Infatti il titolo è stato escluso da due biblioteche di altrettanti istituti scolastici a causa di un reclamo sottoposto a una di esse da parte di una madre, Melissa Allison, il cui figlio frequenta la Sabal Point Elementary School a Longwood.

ThisOneSummer-blue_100-272La donna ha presentato un esposto contro il libro, affermando che non è affatto adatto per un bambino dell’età di nove anni, quando, a tutti gli effetti, l’editore First Second aveva proposto un target tra i dodici e i diciotto anni. La storia d’altronde è incentrata su Rose, giovanissima adolescente in vacanza al lago con la sua famiglia, attratta dalla vita dei ragazzi locali; il linguaggio è spesso crudo, realistico e incentrato su questioni sessuali scomode.

Dalla parte di questa madre premurosa, che si è giustificata chiedendosi come mai avrebbe potuto spiegare quelle cose a suo figlio (Louis C. K. docet), si è schierato Michael Lawrence, dell’ufficio comunicazione della Seminole County Schools, confermando la rimozione del libro; tuttavia la questione si è allargata, e il libro è stato vietato anche alle superiori in tutto il distretto.

tos3

A tal proposito Esther Keller, bibliotecaria di una scuola media, ha voluto dire la sua: la funzionaria ha espresso la sua comprensione per la vicenda, ma ha anche dissentito dall’allargamento del divieto a ogni livello scolastico, che suona come una sorta di censura. La vicenda è quindi estremamente delicata e mostra come, a volte, un senso di protezione smodato rischia di diventare una crociata al sapere.

Fonte: robot6.comicbookresources.com

Andrea Tondi

Filologo romanzo, vive nel suo mondo fatto di cavalieri e avventure mistiche nella foresta. Quando torna nel mondo reale, scrive di fumetti.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.