WOW Spazio Fumetto: il museo festeggia il suo quinto compleanno

In occasione del quinto anniversario della sua fondazione, WOW Spazio Fumetto – Museo del Fumetto, dell’Illustrazione e dell’Immagine animata di Milano chiama a raccolta la cittadinanza per sensibilizzare i milanesi sulla sua situazione

WOW SPAZIO FUMETTO
Museo del Fumetto, dell’Illustrazione e dell’Immagine animata di Milano
Viale Campania 12 – Milano
Info: 02 49524744/45 – www.museowow.it – Ingresso libero

Luigi Bona direttore di WOW Spazio Fumetto con TintinInaugurato il 1° aprile 2011, WOW Spazio Fumetto – Museo del Fumetto, dell’Illustrazione e dell’Immagine animata di Milano (viale Campania 12), fondato e gestito dalla Fondazione Franco Fossati, gemellato con il Museo del Fumetto di Bruxelles, compie 5 anni segnando un traguardo importante nella storia dell’offerta culturale di una città come Milano che ha visto nascere e operare sul proprio territorio le principali case editrici di fumetto. Con 102 mostre al suo attivo, più di 200 incontri ed eventi speciali, per un totale di circa 220.000 visitatori (60.000 solo nel 2015), oggi WOW Spazio Fumetto può infatti definirsi a ragion veduta una delle realtà culturali più attive presenti sul territorio milanese: una dimostrazione concreta di quanto la combinazione di passione, determinazione e professionalità possono consentire di raggiungere traguardi importanti.

Museo del fumetto Milano

Sabato 2 aprile la Fondazione Franco Fossati non ha però ha deciso di chiamare a raccolta i suoi amici e concittadini milanesi soltanto per festeggiare il suo 5° compleanno, e neppure per il 40° anniversario di WOW (la nascita della rivista e del gruppo che è stato l’origine di tante iniziative, sfociate nel progetto museale dopo la scomparsa di una delle sue colonne, Franco Fossati, 20 anni fa), ma per sensibilizzare la cittadinanza e le istituzioni sul rischio concreto che un cammino tanto impegnativo e positivo possa essere fermato: nonostante il sostegno fin qui avuto da partner come la Fondazione Cariplo,  il gruppo FILA-Lyra-Giotto, Epson Italia e in varie forme dal Comune di Milano, il Museo si trova infatti a dover fronteggiare costantemente difficoltà economiche che ne ostacolano la programmazione mettendone a rischio l’esistenza stessa. Lottando nella giungla della burocrazia, una palude che inghiotte qualunque progettualità non a scopi di lucro, diventa molto difficile sostenere l’onere dell’affitto al Comune, pagare le salate bollette per l’energia, soprattutto retribuire dignitosamente e con la necessaria regolarità i giovani che con il loro lavoro nel museo stanno profondendo impegno e creando inedite professionalità.

Quale futuro per WOW Spazio Fumetto, una realtà unica in Italia?

manifesto disegnato da Angelo Stano per la mostra 25 anni nell'incubo dedicata a Dylan Dog (2011)L’invito a venire al museo sabato 2 e domenica 3 aprile, dalle 15.00 alle 20.00, è per raccontare l’operato in questi 5 anni, con uno sguardo su un cammino lungo almeno 40 anni, sempre con l’ottimismo di uno “WOW!” da trasmettere a tutti. Ma anche per avvisare che tutto questo potrebbe finire e chiedere aiuto.

“Per questi cinque anni, grazie soprattutto al contributo della Fondazione Cariplo e ai ricavi della biglietteria e dell’attività didattica, siamo riusciti a sopravvivere e a garantire un alto livello culturale per mostre e laboratori” dichiara Luigi Bona, presidente della Fondazione Franco Fossati e direttore del Museo. “Oggi però ci troviamo a far fronte a una quantità di spese di manutenzione dello stabile e di normale amministrazione che rischiano di prosciugare le poche risorse della Fondazione, costringendoci a prendere seri provvedimenti. Il Comune di Milano, che nel 2011 ci ha affidato lo stabile di viale Campania dopo la vincita di un bando, ci aiuta come può, ma certamente non basta. Gran parte del nostro impegno quotidiano è per risolvere in qualche modo problemi strutturali e gestionali, mentre la Fondazione cerca di salvare altrove, affittando spazi privati, un patrimonio materiale (e immateriale) unico al mondo. Cerchiamo nuovi partner che condividano i nostri progetti e ci sostengano. E sabato 2 aprile chiamiamo a raccolta tutta la cittadinanza per venire a conoscerci, per vedere quello che siamo, quello che facciamo, e scoprire, per chi ancora non lo sapesse, che cosa abbiamo costruito fino a oggi”.

Sabato 2 aprile (dalle 15.00 alle 20.00), negli spazi di WOW Spazio Fumetto, i disegnatori che negli anni hanno collaborato con il museo si alterneranno a disegnare per il pubblico, rendendo speciale il pomeriggio di festa.  Saranno presenti, tra gli altri, Athos, Adriano Carnevali, Sandro Dossi, Daniele Fagarazzi, Maurizio Forte, Benedetta Frezzotti, Kaneda, Enzo Jannuzzi, Anna Lazzarini, Christian Marra, Angelo Montanini, Oskar, Blasco Pisapia, Claudio Sciarrone, Roberta Sottile, Luca Usai.

Manifesto della mostra-omaggio SIAMO TUTTI CHARLIE (2015)Domenica 3 aprile (dalle 15.00 alle 20.00) sarà una giornata dedicata ai bambini, con attività  gratuite alla scoperta del museo e del mondo del fumetto, organizzate dal Settore Didattico di WOW. Disegni e giochi per ricreare Sam, la mascotte di WOW Spazio Fumetto, disegnare il museo del fumetto dei vostri sogni e dare vita a una bellissima illustrazione utilizzando matite, pastelli, stoffe…

Ai 5 anni di WOW Spazio Fumetto e ai 40 anni della rivista WOW, da cui il Museo eredita il nome, è dedicata una mostra a ingresso libero, che sarà visitabile fino a domenica 15 maggio.  Attraverso storici numeri della rivista WOW, inediti materiali dietro le quinte, originali e curiosità, verrà raccontata l’evoluzione della pionieristica rivista, durata dal 1976 al 1983 e ripresa tra il 1989 e il 1994, e il ricordo di tanti eventi epocali, dall’“occupazione” dell’Arengario e del centro di Milano nel 1978 e nel 1979 con una grande festa del Fumetto e perfino la pubblicazione di un Quotidiano dei fumetti diffuso in tutte le edicole, per arrivare al 50° compleanno dei Puffi, nel 2008, quando Milano venne invasa da migliaia di Puffi bianchi, culminando nella festa al Castello Sforzesco.

È questo il terreno fecondo in cui è nata l’Associazione Franco Fossati, poi Fondazione, che dopo 96 mostre ed eventi in Italia e all’estero ha vinto il bando del Comune di Milano e ha creato WOW Spazio Fumetto, inaugurato il 1° aprile 2011 e sinteticamente raccontato nella seconda parte della mostra.

Fonte: WOW Spazio Fumetto

Marzio Petrolo

Appassionato e lettore di fumetti da più di un decennio. Affamato di fumetti intelligenti, bizzarri, magici, ermetici o almeno esoterici. Debitore a vita di Neil Gaiman e della sua prosa.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.