[Top & Flop #5] I migliori e i peggiori fumetti usciti negli USA questa settimana

Siamo giunti dunque al nostro quinto appuntamento con Top & Flop, la serie che analizza le uscite degli USA. Per questa settimana, segnata permanentemente dalla scomparsa prematura di Darwyn Cooke, si segnalano le nuove uscite di alcune delle serie più interessanti del momento (Black Panther, Vision, Southern Bastard) e qualche esordio interessante, come il primo numero della rivista Heavy Metal ora sotto la cura editoriale di Grant Morrison.

TOP

  • Vision #7. Un numero di intermezzo per la splendida serie di Tom King e Gabriel Hernandez Walta (in questo caso sostituito da Micheal Walsh), ma altrettanto potente ed interessante. Ci allontaniamo un attimo dalle vicende create in questo nuovo status quo, per l’androide della Casa delle Idee, per concentrarci sul suo complicato rapporto con Scarlet Witch. Come sempre l’incredibile atmosfera costruita nel corso dei mesi permea anche queste pagine, che riescono a fondere dei testi carichi e con un uso sapiente di ogni minima parola con un disegno fresco, accompagnato da una paletta di colori molto retrò. Imperdibile.
  • The Fix #2Nick Spencer Steve Lieber, conosciuti principalmente per la loro interessante run di The Superior Foes of Spider-Man, ritornano in Image Comics con la serie creator owned The Fix. Quella presentata è una storia ricca di poliziotti e politici corrotti, mafiosi e violenti e molto molto altro. Questo secondo numero conferma quanto di buono visto con l’esordio del mese scorso, verrete trascinati con veemenza nelle vicende di Roy e Mac imparando ad amarli (ed odiarlo allo stesso tempo). I nostri protagonisti, tra bugie e altre forzature, stanno per mettere in atto un piano a lungo termine per compiere una scalata sociale. Spencer si conferma un maestro nella scrittura di questo tipo di racconto, molto vicino a serie televisive come “The Shield”. Nell’attesa di un annuncio per l’arrivo nel nostro paese, vi straconsigliamo di recuperare questa piccola perla.
  • Black Panther #2. Continua l’annus mirabilis di questo personaggio, dopo il roboante esordio in Captain America: Civil War. Nel secondo capitolo del suo racconto il giornalista e scrittore Ta-Nehisi Coates imbastisce un racconto più incentrato sul suo protagonista, precedentemente lasciato nell’ombra per una panoramica più ampia sul Wakanda e i suoi abitanti. Il carico di responsabilità sulle spalle di T’Challa si fa sempre più pesante, i movimenti che stanno scuotendo il suo regno non sono destinati ad essere sedati con semplicità e le pedine in gioco dovranno arrivare ad un inevitabile scontro. Brian Steelfreze rende onore alla profonda tradizione di grandi disegnatori che hanno lavorato sul personaggio, utilizzando in maniera magistrale i colori e il nero.

FLOP

  • Guardians of the Galaxy #8. Se alle matite il nostro Valerio Schiti fa un lavoro egregio, non si può dire lo stesso di Brian M. Bendis. L’autore, una vera e propria autorità nella Casa delle Idee, sembra muoversi in continuazione tra idee di dubbio gusto e di poco interesse. Questa volta la narrazione è incentrata sul team up tra Venom (ormai membro fisso del team) e Groot, che però non ha mordente e sopratutto è troppo legato alle sconvolgenti rivelazioni dei numeri precedenti. Una testata che avrebbe bisogno di una vera e propria ventata d’aria fresca, sopratutto dal punto di vista delle idee.
  • Action Comics #52. Il cross-over Last Days of Superman è esemplificativo sui problemi che hanno caratterizzato le Super-testate a partire dal New52, una linea editoriale molto confusa e sopratutto condizionata dalla costante presenza di eventi che complicano la scrittura delle diverse serie. Peter J. Tomasi, che dovrà ereditare la pesante eredità di Kal-El con il Rebirth, riesce comunque a scrivere dei testi interessanti e facendo interagire il protagonista con Wonder Woman e Batman. Sembra comunque tutto un grande riempitivo in vista del prossimo starting point.

Pietro Badiali

Nato e cresciuto con Batman-The Animated Series ed i film di Tim Burton mi approccio ai fumetti anche grazie ai supereroi. Alla 150esima resurrezione decido di lanciarmi anche in altri campi. Ora sono un onnivoro: manga, graphic novel, BD, comics...l'importante è la qualità.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.