SaldaPress: arriva in edicola Volt – Che vita di mecha

SaldaPress logo nero

Volt sbarca in edicola e in fumetteria

Venerdì 20 gennaio debutta la serie creata da Stefano The Sparker Conte, la prima serie bimestrale tutta italiana targata SaldaPress

Volt - Che vita di mecha #1 cover regularVenerdì 20 gennaio è un giorno importante per il fumetto italiano, per SaldaPress e per Stefano The Sparker Conte. È infatti la data in cui sbarca finalmente in edicola il primo numero di Volt – Che vita di mecha (pagg. 64, euro 2.99, formato 16 x 21), una serie attesa e di cui si è parlato molto dopo l’anteprima all’ultima edizione di Lucca Comics & Games, un’anteprima salutata da un grande successo di vendite e dal favore dei lettori.

Cos’è Volt – Che vita di mecha? È innanzitutto la prima serie regolare bimestrale tutta italiana che SaldaPress porta in edicola e in fumetteria. Segno che la casa editrice crede moltissimo nel titolo e nel suo autore  Stefano The Sparker Conte. Nella sostanza, è la storia di Volt, un robot che ha un sogno: vuole diventare un fumettista. La vita è dura, però, specie quando hai una madre despota dalle fattezze di Darth Vader e la vita quotidiana ti impone di trovare un lavoro. Quale lavoro? Uno dei più difficili e pericolosi in circolazione: il commesso in un negozio di fumetti. Volt dovrà imparare ad affrontare i clienti più bizzarri e le richieste più estenuanti, alternando i problemi di tutti i giorni all’impegno per raggiungere il proprio sogno, passando per divertenti avventure sempre più fantastiche e surreali, destinate a diventare leggenda.

Volt - Che vita di mecha #1 cover variantVolt – Che vita di mecha è una serie divertente e originale che farà molto parlare di sé grazie allo straordinario talento di Stefano The Sparker Conte. Il mix riuscitissimo di temi comuni a tutti i lettori di fumetto – e, più in generale, a tutti coloro che coltivano un sogno – con la cultura pop e manga, e le surreali situazioni in cui si imbatte il protagonista, rendono le storie di Volt un vero gioiello nel panorama del fumetto comico italiano. A rendere ancora più preziosa la serie è proprio l’ambientazione inusuale: la fumetteria, cioè uno dei luoghi prediletti dei lettori e al centro di un importante fermento narrativo e culturale contemporaneo.

In appendice al primo numero, le strisce di Volt – Che vita di mecha (con veri aneddoti di vita vissuta raccontati dalla viva voce dei proprietari di fumetterie), le cinetiche avventure di MangaMan, e quelle di noi robot.

La avventure e disavventure di Volt sono pronte a entrare nel cuore dei lettori. Ogni due mesi a partire dal 20 gennaio.

Fonte: SaldaPress.com

Marco Rubertelli

Appassionato di fumetti e informatica. Dopo essere stato un fedele abbonato a Topolino per anni, un giorno, per caso, legge l'albo #224 di Dylan Dog, Sul filo dei ricordi, e inizia a leggere tutta la serie. Presto l'interesse si estende a qualunque tipo di fumetto, soprattutto graphic novel. Nel novembre 2013 fonda insieme all'amico Nicholas il portale C4 Comic.

Potrebbero interessarti anche...