Alberto Madrigal: uno sguardo alle 3 storie sul suo blog

Madrigal - Dedica“Ah, sì, lo conosco Madrigal. Bravissimo. Ora pubblica le sue storie su un blog!”

Come, pubblica su un blog? E soprattutto, perché non ne sapevo niente? A volte per farti sorridere bastano quattro parole con una persona che fino a dieci minuti prima non sapevi neppure leggesse fumetti.

Appena riesco a dedicare un momento alla lettura chiedo a Google di darmi una mano. Sbarco sul blog di Alberto, leggo senza tregua i tre episodi che ha pubblicato e non vedo l’ora di parlarvene.

Bastano poche vignette per trovarsi immersi nel tratto leggero come una piuma, a confronto con la vita di tutti i giorni. Noioso? Non proprio. Perché probabilmente sta proprio qua la magia di Madrigal: quello che raccontato da molti di noi sarebbe banale, narrato da lui diventa appassionante. È come se affrontando le sue difficoltà Alberto desse coraggio a tutti noi, che non possiamo che fare il tifo per lui.

Se conoscevate già Alberto Madrigal, quindi, avete appena letto una bella notizia. Se invece non avete idea di chi sia, è arrivato il momento di fare un salto in fumetteria e chiedere di “Un lavoro vero” (2013) o “Va tutto bene” (2015).

Nicholas Venè

Leggo, scrivo, gioco, guardo, commento. Osservo e prendo appunti, provando a fare cose.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.