Wolverine: le 10 migliori storie di sempre

Come molti eroi Marvel che vivono la loro prima avventura su un fumetto di cui non sono titolari, Logan fa il suo debutto sul mensile dell’incredibile Hulk.
Il gigante di giada sconfina dagli Stati Uniti “invadendo” il territorio canadese e indovinate chi trova ad accoglierlo? Proprio lui: Wolverine, che prima di entrare negli X-Men militava nel gruppo Alpha Flight.
Qui di seguito troverete la lista delle migliori storie mai scritte sul mutante artigliato.

Arma X

La storia che racconta per filo e per segno come Wolverine ha ricevuto lo scheletro di adamantio.
Il complesso militare Arma X conduce in segreto esperimenti sui mutanti per creare nuovi invincibili soldati. Logan ha il potere di guarire anche dalle ferite più mortali: la cavia da laboratorio ideale per gli scienziati del progetto!
Il fumetto è magistralmente scritto e disegnato dal famoso artista inglese Barry Windsor Smith, che non risparmia al lettore sangue, violenza e dolore.
Wolverine è completamente immerso nelle macchine del laboratorio, sommerso da cavi e infilzato dagli aghi, non è più un uomo, non ha più dignità e nemmeno diritti: è diventato solo un oggetto nelle mani di persone senza scrupoli e senza morale.

Nemico pubblico

Wolverine è chiaramente il “migliore in quello che fa” ma se non dovesse più agire per i buoni?
Il cartello terroristico internazionale dell’Hydra riesce, tramite un lavaggio del cervello, a controllare Logan, mettendolo contro i supereroi Marvel. Chi riuscirà a fermare la furia artigliata?
Storia scritta dall’eclettico Mark Millar (che da lì a poco sfornerà una certa “Civil War”) e alle matite troviamo il figlio d’arte John Romita Jr in grande spolvero.

I cavalieri di Madripoor

Quando: Anni quaranta, il mondo è in conflitto. Dove: Madripoor un’isola del sud est asiatico.
Qui avviene il primissimo incontro tra Wolverine e Capitan America. Il giovane soldato è ancora inesperto, indossa da poco i panni della bandiera americana e non è proprio sicuro di quale sia il suo ruolo. Logan, invece, non ha ancora subito il trapianto dell’adamantio e i relativi lavaggi del cervello, è l’uomo che ha combattuto molte guerre e sa come va il mondo. Insieme dovranno salvare la vita di una bambina che altri non è che la Vedova Nera!
Questa piccola perla è stata realizzata dal duo che ha reso famosi gli X-Men, piazzandoli al primo posto della classifica dei fumetti più venduti per quasi un intero decennio, stiamo parlando ovviamente di: Chris Claremont e Jim Lee.

La morte di Wolverine

Come si uccide un uomo che può guarire da qualsiasi ferita?
Beh, facile: basta privarlo dei poteri!
Essere depotenziato non fermerà Logan, che metterà a repentaglio la propria vita per salvare quella degli altri.
Forse non è la storia più bella dell’artigliato, ma è indubbiamente un tassello fondamentale della sua vita.

Origini

Per anni i lettori dei fumetti Marvel si sono chiesti chi fosse in realtà Wolverine! Di lui infatti, si sapeva ben poco: i suoi ricordi erano stati cancellati da Arma X.
Originisolleva il velo che celava il suo passato e racconta come tutto ha avuto inizio, svelando: il suo vero nome, i primi anni di vita, la famiglia e le tragedie che ha vissuto. Testi di Paul Jenkins e disegni di Andy Kubert.

Vecchio Logan

È una storia che si svolge al di fuori della continuity standard dei fumetti Marvel, perché è ambientata in un futuro cupo e triste, in cui gli eroi hanno perso e il mondo è stato spartito tra i supercriminali. In California vive Wolverine, ormai anziano e avvizzito, per il bene della sua famiglia ha deciso di ritirarsi e non combatte più. Purtroppo anche se non cerchi guai, sono questi che vengono a trovarti! Sarà di nuovo costretto a estrarre gli artigli e opporsi alle forze del male.
Ai testi troviamo l’inimitabile Mark Millar, che con i disegni dell’ottimo Steve McNiven realizza quella che è forse la storia meglio riuscita di Wolverine.

Wolverine vol. 1

Cresciuto sulle fredde montagne canadesi con un branco di lupi, Wolverine deve esercitare continuamente un forte autocontrollo per non lasciare briglia sciolta alla bestia che cela in sé.
In questa miniserie vedremo come Logan combatterà il suo animo selvaggio per salvare la vita donna che ama, lottando da solo contro i letali ninja della Mano, l’organizzazione criminale che controlla tutti i traffici illegali a Tokio.
La miniserie è realizzata da Chris Claremont, l’uomo che ha reso grandi gli X-Men e la super star del fumetto Frank Miller, qui ufficialmente in veste “solo” di disegnatore.

Evoluzione

È la saga che racconta il più brutale scontro tra Wolverine e Sabretooth.
I due si odiano dal profondo dell’animo, nonostante siano delle creature dagli istinti bestiali con lo stesso potere di guarigione e abbiano vissuto un passato molto simile costellato da violenza, guerre e morte.
Ai testi c’è Jeph Loeb, autore di storie acclamate sia per Marvel che DC e ai disegni Simone Bianchi, con il suo inimitabile stile pittorico.

Logan

Siamo in Giappone, per la precisione a Hiroshima. La narrazione si divide sue due linee temporali: il presente e gli anni quaranta, pochi giorni prima del lancio della Bomba Atomica.
Nel secondo conflitto mondiale Wolverine è nel corpo dei paracadutisti dell’esercito canadese, ma è fatto prigioniero dai giapponesi. Anni dopo torna in Giappone per regolare dei conti rimasti in sospeso.
Lo sceneggiatore Brian K. Vaughan racconta una storia drammatica, (ma dall’animo poetico) il tutto sapientemente disegnato dall’argentino Eduardo Risso.

The End

Siamo in un futuro in cui Logan è vecchio, molto vecchio! Ogni volta che sguaina i suoi artigli, l’artrosi gli provoca dolori lancinanti. Si è ritirato dalla vita da supereroe da anni ormai, ma un antico nemico esce dall’ombra per tormentarlo ancora.
Questa miniserie racconta l’ultima avventura del mutante artigliato e lo fa in grande stile: Paul Jenkins, l’autore di “Origini”, continua a svelare segreti dal passato di Logan e alle matite troviamo il maestro dalle anatomie perfette: Claudio Castellini.

Marcello Davide De Negri

L'autore è Marcello Davide De Negri, figlio degli anni '80, cresciuto a pane e fumetti. La sua grande passione sono i supereroi e ci sono ben poche cose che sfuggono alla sua conoscenza quasi maniacale dell'argomento.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Stefano Canale ha detto:

    Ne devo recuperare un paio !

  2. Francesco Trione ha detto:

    Bell’articolo e ottima sintesi, Marcello. Concordo in pieno!
    Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.