Festival internazionale del giornalismo 2017: ecco il programma dal 5 al 9 aprile

Mai uguale a se stesso, sempre fedele allo spirito che negli anni l’ha reso un appuntamento imperdibile nel panorama mondiale, torna il Festival internazionale del giornalismo, quest’anno alla sua XI edizione.

Mai come in questa edizione 2017 nel cuore dell’evento ci saranno le persone. Faremo incontrare a Perugia cittadini di tutto il mondo con storie, testimonianze ed esperienze da raccontare e condividere. Dall’America di Trump alla Filippine di Duterte, passando per l’Africa e il Medio Oriente e ovviamente l’Europa. Racconteremo questi nostri tempi insieme agli oltre 500 speaker in arrivo da tutto il mondo.

E come sempre sarà una riflessione sui temi del giornalismo, i cambiamenti continui della professione, e l’occasione per raccontare le storie e i temi di attualità, le questioni che premono sulle nostre società, sul nostro stare insieme. Il Festival di Perugia è una grande newsroom mondiale, che produce un’immagine del presente in tempo reale, dove professionisti e non si incontrano e fanno giornalismo, informazione, costruendo un ricco e complesso racconto a più voci del mondo.

Trump e la sua sfida continua ai media, la Turchia di Erdogan e la libertà di informazione sotto attacco in tutto il mondo, l’Europa al bivio con Brexit e la spinta dei movimenti populisti, e la pericolosa tentazione di legiferare sulla verità per contrastare le fake news, in una presunta era della post-verità. Questo sarà un argomento che affronteremo in diverse sessioni puntando soprattutto su media literacy (alfabetizzazione ai media) e prendendo posizione, come Festival, contro tentativi di filtri e censure.

Si parlerà di Siria, di Yemen, una delle crisi meno raccontate del Medio Oriente, che sta avendo un impatto devastante sulla popolazione civile, non senza la responsabilità dei paesi, tra cui l’Italia, coinvolti nel commercio delle armi in questo conflitto, organizzato da Medici senza Frontiere, si parlerà delle guerre e della povertà che spingono milioni di persone ad abbandonare i loro paesi, di Africa grazie anche all’incontro organizzato da Amref “Prendersi cura del mondo” con Riccardo Iacona. L’attivismo, i diritti umani, le cyberguerre, la guerra ai signori del narcotraffico, la crisi di fiducia nei media che mette a rischio le nostre democrazie, il cambiamento climatico, la necessità di un giornalismo capace di parlare alle nuove generazioni “digitali”, il ruolo, i rischi e l’etica dei leak e del whistleblowing per il giornalismo. E ancora: modelli di business e ruolo della filantropia nel presente e futuro dei media, disabilità e sport, ISIS e il ruolo delle donne nel terrorismo islamico, ricerca e università, la sfida degli algoritmi  per il giornalismo e la democrazia,  vaccini e la necessità di saper comunicare la scienza.

Arriveranno da tutto il mondo anche i volontari, circa 200 fra studenti, aspiranti giornalisti, fotografi provenienti da 27 diversi paesi: Argentina, Australia, Bangladesh, Belgio, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Canada, Egitto, Francia, Georgia, Germania, Grecia, Camerun, India, Iraq, Italia, Olanda, Pakistan, Polonia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Sudafrica, Spagna, Turchia, Ucraina.

Main sponsor della undicesima edizione del Festival: Facebook, Google si affiancheranno ad Amazon ed Eni, mentre main partner istituzionale è come sempre la Regione Umbria.

Confermati gli sponsor Nestlé, Sky, e per la prima volta WordPress e Ferrovie dello Stato italiane. Partner istituzionale Comune di Perugia.

Grazie al contributo dell’Ordine nazionale dei giornalisti diversi workshop saranno validi per il riconoscimento dei crediti formativi.

Cinque giorni, circa 250 eventi, oltre 500 speaker da 44 paesi diversi, e come sempre tutto rigorosamente a ingresso libero e in live streaming.

#ijfTALK17

Quattro i talk di 17 minuti affidati a personalità del mondo dei media e non solo molto diverse tra loro, che porteranno al festival le loro storie, le loro esperienze, le loro riflessioni. Quattro incontri che affronteranno i temi al centro della discussione pubblica e ci racconteranno storie di impegno per la democrazia e la libertà.

  • Cameron Barr – Managing Editor The Washington Post
    La verità e i ‘fatti alternativi’: la sfida al giornalismo del Presidente Trump
    (introduce e modera Lucia Annunziata, direttrice L’Huffington Post).
  • Adam Mosseri – Vice President of product Facebook
    Tutti i segreti del News Feed
    (introduce e modera Jeff Jarvis, City University di New York)
  • Zaina Erhaim – Institute for War and Peace Reporting 
    Coprire la guerra in Siria da giornalista, attivista e donna
    (introduce e modera Maria Gianniti, Giornale Radio Rai)
  • Evan Greer – Campaign Director Fight for the Future
    Come abbiamo salvato Chelsea Manning: la forza della mobilitazione online di giornalisti, attivisti, avvocati
    (introduce e modera Philip Di Salvo, European Journalism Observatory)

Incontro con

  • Emiliano Fittipaldi
    Da Vaticano a Raggi: le inchieste sul potere. Segreti e tecniche del giornalismo investigativo
  • Alan Friedman, Andrew Spannaus, Caterina Soffici
    Occhi puntati sull’America di Trump
  • La lunga notte di Tiki Taka
    Diretta del match di ritorno della semifinale di Coppa Italia e commento alla partita con Pierluigi Pardo e gli ospiti della serata
  • Giovanni Floris, Pierluigi Pardo, Federico Taddia
    Quella notte sono io. Incontro sul tema del bullismo
  • John Sweeney, Andrei Soldatov
    Trump: il candidato del Cremlino?
  • Firas Fayyad, Amedeo Ricucci
    Gli ultimi uomini ad Aleppo
  • Craig Newmark, Mario Calabresi
    Democrazia e media: riconquistare la fiducia dei cittadini
  • Richard Gingras, Davide Casati
  • Corrado Formigli, Barbara Serra
    Perché non sconfiggiamo il califfato nero
  • Lercio e l’era della post-falsità
  • Pietrangelo Buttafuoco, Silvia Truzzi
    Magic Ensemble
  • Carlo Lucarelli
    Intrigo italiano. Incontro con uno dei più importanti e amati maestri del noir italiano
  • Milena Gabanelli, Bernardo Iovene, Alessio Viola
    Omaggio ai 20 anni di Report
  • Mohamedou Slahi, Barbara Serra, Larry Siems
    15 anni senza accuse: Mohamedou Slahi racconta l’inferno di Guantanamo
  • Mark Thompson, Mario Calabresi
    La fine del dibattito pubblico
  • Owen Jones, Fabio Chusi
    La crisi del capitalismo e la post-democrazia
  • Riccardo Iacona, Roberto Burioni, Andrea Grignolio
    L’importanza dei vaccini. Come superare disinformazione e paure
  • Luigi Contu, Sarah Varetto, Jill Morris, Tobias Piller
    Europa al bivio
  • Ece Temelkuran, Marta Ottaviani
    In Turchia la verità è una battaglia persa. Non lasciate che accada anche a voi
  • Beppe Vessicchio, Antonio Sofi
    Zucchine e pomodori crescono con Mozart
  • Wu Ming 1, Zerocalcare
    Le nuove frontiere del reportage
  • Giulia Innocenzi, Giuseppe Cruciani
    Incontro / scontro fra vegeteriani e carnivori
  • Manuel Agnelli, Luca Valtorta
    Strategie dell’apnea: dal Tora! Tora! a X-Factor passando per Sanremo

A  teatro

  • Lirio Abbate
    Carminati e il caveau dei misteri d’Italia
  • Alaa Arheed e Adovabadàn Jazz Band
    Incontro-concerto: Vi raccontiamo la Siria in musica
  • Marco Travaglio
    Post-verità e post-giornalismo
  • Roberto Saviano
    Quelle storie che non si devono raccontare
  • Diego Bianchi, Makkox, Antonio Sofi, Andrea Salerno…
    Gazebo Live!
  • Beppe Severgnini, Simona Bondanza, Stefania Chiale, Alessandro Collina
    La lingua misteriosa dei binari: i treni tra musica, letteratura, giornalismo

Panel discussion

Fra i panel discussion segnaliamo:

  • Cina: tra media tradizionali e ditigali
  • La libertà di informazione nel sud-est Europa
  • Le fake news e l’ecosistema della disinformazione
  • Investigare sulle mafie più potenti al mondo
  • Come imparare ad informarsi
  • Africa e giornalismo investigativo
  • Dov’è l’esperta
  • Non chiamatelo crimine di passione
  • Come coprire i populisti bugiardi
  • Migranti la storia di chi fa la differenza
  • La Turchia di Erdogan e la guerra ai giornalisti
  • Germania al voto fra miti e pregiudizi
  • Attiviste in prima linea per la libertà di espressione
  • Dall’Europa al Medioriente: cosa raccontano i nostri inviati
  • Elezioni Usa 2016: l’esperienza collaborativa di Electionland
  • Brexit, l’Europa, i media
  • Yemen, il costo umano di un guerra dimenticata
  • Classe dirigente cercasi
  • Digital media e il cambiamento climatico
  • Fact-checking collaborativo
  • Sondaggi o astrologi? Il ruolo delle ricerche nel raccontare la politica
  • Ripensare gli algoritmi e le metriche in redazione
  • Da MPS a M5S: rischi e nemici dei cronisti di inchiesta
  • Hacking democracy: hacker russi, Wikileaks, propaganda, elezioni americane
  • Prendersi cura del mondo
  • Persone LGBT e media nell’era dei diritti
  • Video a 360°, realtà virtuale: presente e futuro del giornalismo immersivo
  • Giornalismo, filantropia, indipendenza
  • Le notizie spiegate a mio figlio (in questo panel ci sarà uno speaker di soli 10 anni)
  • Verità e giustizia per Giulio Regeni (e non solo)
  • Il talento e il coraggio di un fotogiornalista. Storia di Andy Rocchelli
  • Spose schiave cospiratrici: le donne dell’ISIS
  • Terremoto come si racconta una emergenza
  • Il corpo del reato (il caso Cucchi e non solo)
  • Disabilità e sport, la lezione di Rio 2016
  • Banche e giornali, segreti e bugie
  • Da Panama Papers a FootballLeaks

Workshop

Tornano gli appuntamenti di Hackers’ Corner (i maggiori esperti italiani insegnano tecniche e strumenti per la sicurezza delle fonti e nella comunicazione giornalistica), Law&Order, una serie di workshop specifici per approfondire e prepararsi agli aspetti giuridici della professione e il filone Data Journalism e Fact-checking. Quest’anno inauguriamo il filone dedicato all’engagement: al coinvolgimento, alla partecipazione degli utenti, lettori, cittadini. E tutta una serie di appuntamenti dedicati alla media literacy, anche per i più piccoli con due appuntamenti su giornalismo e su coding per bambini e ragazzi fino ai 14 anni.

Previsti anche i workshop formativi tenuti da First Draft Media, Amazon, Facebook e Google.
Oltre 50 workshop gratuiti aperti a tutti, non solo ai giornalisti (per alcuni è previsto il riconoscimento dei crediti formativi da parte dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti).

Presentazioni

Fra le presentazioni segnaliamo:

  • Scintille
    13 ricercatori del Reuters Institute for the Study of Journalism – provenienti da Polonia, Austria, Finlandia, Cina, Corea, Giappone, Kenya, India, Russia – presenteranno le loro ricerche su media e democrazia, robot, video e mobile, informazione e salute, libertà di informazione, economia, agenzie di stampa e tv, sicurezza dei giornalisti in zone a rischio, ruolo dei social media, giornalismo investigativo e open data.
  • Italians and the UK. Storie di Italiani nel Regno Unito ieri e oggi
    Le nuove frontiere del reportage: dal libro al web documentary.
  • #Hacked
    Il news game interattivo di Al Jazeera sulla cyberguerra siriana
  • Inchiesta sugli algoritmi
    Il giornalismo investigativo per indagare sugli algoritmi governativi
  • Scienza, dati e innovazione nel giornalismo digitale
    La versione di Quartz
  • WordPress, le opportunità dell’open web
    La storia di WP, la sua comunità, e il suo contributo al web libero e aperto
  • Truly Media
    Un nuovo tool collaborativo per la verifica dei contenuti generati dagli utenti online
  • Come funziona la bolla?
    Analisi pratica dell’algoritmo di Facebook
  • Giornalismo e graphic novel
    Il graphic novel per raccontare storie realmente accadute. Un giornalismo più avvincente e più coinvolgente soprattutto per le generazioni “digitali
  • Giornalismo offshore
    Salvare gli archivi digitali dalla cancellazione e dalla censura

Film e documentari 

  • I Love Dickin collaborazione con Amazon
    Primo e secondo episodio della serie TV
  • Nobody Speak – in collaborazione con Netflix, per la prima volta al Festival.
    Al centro la vicenda processuale Hogan-Gawker, il conflitto fra diritto alla privacy e libertà di informazione e come avere molti soldi può mettere a tacere i media. Un film sui pericoli e i doveri dell’informazione in un’era di disuguaglianze.
    Interverrà Lisa Nishimura, VP of original documentary for Netflix.
  • Omicidio di Stato al Cairo – Il sequestro, la tortura e l’assassinio di Giulio Regeni –  realizzato da La Repubblica e 42° Parallelo.
    In anteprima al Festival il documentario firmato da Carlo Bonini e Giuliano Foschini.

Libri

Fra le presentazioni di libri segnaliamo:

  • Lacrime di sale: la mia storia quotidiana di medico di Lampedusa fra dolore e speranza
    di Pietro Bartolo, Lidia Tilotta
  • Il cuore del potere. Storia del Corriere della Sera
    di Raffaele Fiengo
  • Bulletproof diaries. Storie di una reporter di guerra
    di Barbara Schiavulli
  • Morte, immortalità e oblio sui social network
    di Giovanni Ziccardi
  • Avremo sempre Parigi
    di Serena Dandini
  • Università futura. Fra democrazia e bit
    di Juan Carlos De Martin
  • Il giornalismo dopo Snowden
    di Taylor Owen

In diretta da Perugia

  • Luca Bottura > Lateral – Radio Capital
  • Paolo Salerno > Le voci del Mattino – Radio Rai 1
  • Massimo Bordin > Stampa & Regime – Radio Radicale
  • RaiNews24
  • SkyTG24

Fonte: FestivalDelGiornalismo.com

Marco Rubertelli

Appassionato di fumetti e informatica. Dopo essere stato un fedele abbonato a Topolino per anni, un giorno, per caso, legge l'albo #224 di Dylan Dog, Sul filo dei ricordi, e inizia a leggere tutta la serie. Presto l'interesse si estende a qualunque tipo di fumetto, soprattutto graphic novel. Nel novembre 2013 fonda insieme all'amico Nicholas il portale C4 Comic.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.