Napoli Comicon 2017: ecco le candidature ai premi Attilio Micheluzzi

Napoli Comicon: candidature Premi Attilio Micheluzzi 2017
Nella giuria di quest’anno Alessandro Borghi, Marianne Mirage, Licia Troisi e Ferruccio Giromini

Napoli Comicon – Salone internazionale del fumetto (28 aprile – 1 maggio) ha il piacere di annunciare le candidature ai Premi Micheluzzi 2017, il prestigioso riconoscimento che viene assegnato ogni anno dalla manifestazione partenopea ad autori e pubblicazioni del mondo del Fumetto che si sono distinti nell’ambito della nona arte durante lo scorso anno. I vincitori saranno scelti dalla giuria capitanata dal Magister Roberto Recchioni e che vedrà al suo fianco: Alessandro Borghi, attore noto per le sue valide interpretazioni in Non essere cattivo e Suburra, Marianne Mirage, cantante reduce dall’ultimo Festival di Sanremo, la scrittrice Licia Troisi e l’esperto di fumetto Ferruccio Giromini.

Dedicati ad Attilio Micheluzzi, uno degli autori completi più incisivi e originali del fumetto degli anni Settanta e Ottanta, che ha vissuto a lungo a Napoli fino alla sua scomparsa nel 1990, i Premi Micheluzzi giungono quest’anno alla loro XIX edizione. Le candidature sono state definite dal Comitato di selezione composto da: Loris Cantarelli (Direttore di Fumo di china), Laura Pasotti (speaker radiofonica del Garage ermetico), Andrea Antonazzo (esperto di fumetto e critico), Susanna Scrivo (traduttrice ed esperta di manga), Stefano Perullo (giornalista e libraio) e Raffaele De Fazio (esperto).

Premi Attilio Micheluzzi 2017
Le candidature

Miglior fumetto

  • Cosmo – Marino Neri – Coconino Press / Fandango Editore
  • Da quassù la terra è bellissima – Toni Bruno – Bao Publishing
  • Duckenstein (Topolino nn. 3179 – 3180) – Bruno Enna, Fabio Celoni, Luca Merli – Panini Comics
  • Kobane Calling – Zerocalcare – Bao Publishing
  • Sputa tre volte – Davide Reviati – Coconino Press / Fandango Editore

Miglior disegnatore

  • Paolo Bacilieri (More FUN) – Coconino Press / Fandango Editore
  • Lorena Canottiere (Verdad) – Coconino Press / Fandango Editore
  • Gigi Cavenago (Dylan Dog n. 361) – Sergio Bonelli Editore
  • Gipi (La terra dei figli) – Coconino Press / Fandango Editore
  • Angela Vianello (Blue n.1) – Shockdom

Miglior sceneggiatore

  • Alessandro Bilotta (La macchina umana su Dylan Dog n. 356) – Sergio Bonelli Editore
  • Casty (Topolino e qualcosa nel buio su Topolino n. 3146) – Panini Comics
  • Bruno Enna (Duckenstein su Topolino 3179 – 3180) – Panini Comics
  • Leo Ortolani (Rat-Man 113 a 117) – Panini Comics
  • Davide Reviati (Sputa tre volte) – Coconino Press / Fandango Editore

Miglior serie dal tratto realistico

  • Cardo / Decumano 1-2 – Andrea Settimo – Delebile edizioni
  • Dampyr 196 a 199 – AA. VV. – Sergio Bonelli Editore
  • Dragonero 32 a 43 – AA. VV. – Sergio Bonelli Editore
  • Nathan Never annozero (nn. 1 a 6) – Bepi Vigna, Roberto De Angelis – Sergio Bonelli Editore
  • Noumeno 4 – Lucio Staiano, Marco Rincione, Vincenzo Balzano, Giulio Rincione, Francesco Chiappara – Shockdom

Miglior serie dal tratto non realistico

  • Fantomius (Topolino nn. 3139 – 3142- 3145) – Marco Gervasio – Panini Comics
  • Millennials 1 e 2 – Lorenzo Ghetti, La Nuke (Claudia Razzoli) – Autoproduzione
  • Quando c’era Lvi 1 a 3 – Daniele Fabbri, Stefano Antonucci – Shockdom
  • Rat-Man Collection 113 a 117 – Leo Ortolani – Panini Comics
  • Slam Duck (Topolino nn. 3158, 3159, 3160, 3161) – Francesco Artibani, Claudio Sciarrone – Panini Comics

Miglior fumetto estero

  • Avventure polari. Esteban – Matthieu Bonhomme – ReNoir Comics
  • I guardiani del Louvre – Jirō Taniguchi – Rizzoli Lizard
  • La casa – Paco Roca – Tunué
  • Morire in piedi – Adrian Tomine – Rizzoli Lizard
  • Patience – Daniel Clowes – Bao Publishing
  • Tungsteno – Marcello Quintanilha – Edizoni BD

Miglior serie straniera

  • Gintama 11 a 22 Hideaki Sorachi – Star Comics
  • Injection 1 – Warren Ellis, Declan Shalvey, Jordie Bellaire – SaldaPress
  • Last Man 5 a 7 – Balak, Bastien Vivès, Michaël Sanlaville – Bao Publishing
  • Southern bastards 1 e 2 – Jason Aaron, Jason Latour – Panini Comics
  • Sunny 3 a 6 – Taiyo Matsumoto – J-Pop
  • Un po’ peggio di un uomo. n. 1 – Tom King, Gabriel Hernandez Valta – Panini Comics

Miglior webcomics
(su indicazione dei portali: Bad Comics, Comicus, C4 Comic, Fumettologica, Lospaziobianco, Mangaforever, Orgoglio Nerd)

Miglior edizione di un classico

  • Bravo for adventure. L’integrale – Alex Toth – Nona Arte
  • Edgard Allan Poe – Dino Battaglia – Nicola Pesce Editore
  • Jones e altri sogni – Franco Matticchio – Rizzoli Lizard
  • L’integrale – Juan Sasturian, Alberto Breccia – 001 Edizioni
  • The complete Terry e i pirati (1934-1936) – Milton Caniff – Editoriale Cosmo
  • Una gru infreddolita. Storia di una geisha – Kazuo Kamimura – J-Pop

Miglior storia breve

  • Come diventai fumettista (su Corriere della sera – La Lettura 24/4/2016) – Tuono Pettinato – RCS
  • Il John Ford Point (su Armata Spaghetto1) – Maurizio Lacavalla, Michele Bolzani – Sciame Press
  • Manzone (su Manzone1) – Ugo Schiesaro – delebile edizioni
  • Nobisi (su Le Piccole Morti) – Brian Freschi, Flavia Biondi – Manticora Autoproduzioni
  • Topolino e qualcosa nel buio (su Topolino 3146) – Casty – Panini Comics

Fonte: Comicon.it

Marco Rubertelli

Appassionato di fumetti e informatica. Dopo essere stato un fedele abbonato a Topolino per anni, un giorno, per caso, legge l'albo #224 di Dylan Dog, Sul filo dei ricordi, e inizia a leggere tutta la serie. Presto l'interesse si estende a qualunque tipo di fumetto, soprattutto graphic novel. Nel novembre 2013 fonda insieme all'amico Nicholas il portale C4 Comic.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.