Roma Cartoon Festival: dal 23 al 25 giugno 2017 presso il Guido Reni District

Roma Cartoon Festival
23 – 24 – 25 giugno 2017
Guido Reni District

Il Roma Cartoon Festival sbarca per la prima volta nella Capitale, dal 23 al 25 giugno, al Guido Reni District, uno spazio espositivo nel cuore di Roma, con tutti i servizi utili ai grandi eventi culturali.

Roma Cartoon Festival è una miscela di ingredienti di prima scelta, una tre giorni dedicata al mondo dell’intrattenimento: comics e games. Appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati di fumetti, cosplay, boardgames, retrogames, wargames, musica, collezionismo e cultura tradizionale giapponese.

Gli ospiti
Ad animare le tre giornate, i più grandi del fumetto nazionale ed internazionale. Direttamente dal Giappone in esclusiva al Roma Cartoon Festival, Masami Suda, il disegnatore e animatore di alcuni dei cartoni animati più famosi, noto al grande pubblico per la serie animata di “Ken il guerriero”. Masami Suda presenterà al pubblico del Roma Cartoon Festival una selezione dei suoi più celebri disegni. Altra famosa firma dell’iper pop contemporaneo, dal Canada presente a Roma, Camilla D’Errico che esporrà alcune delle sue bellissime opere. Diversi anche i nomi che rappresenteranno il panorama italiano del fumetto, come Gabriele Dell’Otto, Giada Perissinotto, Emiliano Tanzillo, Marco Gervasio, Stefano Intini, Corrado Mastantuono e Lorenzo Pastrovicchio. Immancabile la partnership con la Scuola romana dei fumetti, che offre agli artisti della nuova generazione la prestigiosa occasione di collaborare con docenti conosciuti a livello internazionale. E la preziosa collaborazione con la Scuola internazionale di comics, famosa nel mondo per fumetto, illustrazione, animazione, grafica… E molto altro.

Area Games
Per gli amanti dei giochi, il Cartoon Festival è un vero e proprio parco dei divertimenti. È prevista un’area dedicata ai giochi da tavolo, ai wargames e ai retrogames, dove campioni di oggi e di ieri potranno sfidarsi e confrontarsi con l’aiuto delle associazioni culturali romane presenti e i giochi che i più grandi editori nazionali porteranno in demo per tutti coloro che vorranno partecipare. La manifestazione collabora, infatti, con le più grandi case editrici: Asmodee, uno dei principali editori e distributori di giochi europei con una rete di vendita estesa in 44 nazioni e Giochi Uniti, casa editrice italiana e distributore di giochi da tavolo, di ruolo e di miniature.

Area Cosplay
Parteciperanno al Roma Cartoon Festival anche numerosi gruppi da tutta Italia, del coloratissimo mondo dei cosplayer, che intratterranno i grandi e i più piccoli, portando in vita i personaggi più amati e conosciuti dei film, telefilm e fumetti con scenografie e attività. L’Area Cosplay ospiterà Lightning Cosplay, direttamente dalla Germania, per la sua prima volta in Italia, con uno stand in cui venderà i suoi libri sul cosplay. Sarà, inoltre, Presidentessa di giuria per la Gara Cosplay di domenica 25 Giugno, insieme ad una giuria selezionata dei migliori cosplayer nazionali e internazionali che assegnerà, oltre ai premi classici, il premio speciale RCF: un viaggio in Giappone.

Area Junior
Finalmente per questa occasione è stato ideato uno spazio per le famiglie, l’area Junior, Lego, partecipare alla lotteria Area Junior, che metterà in palio il premio dei desideri di ogni bambino: 4 ticket per il parco Disneyland Paris per un nucleo familiare. All’interno dell’area sarà presente anche Boomerang, il canale 609 di Sky per tutta la famiglia che intratterrà i bambini con tante divertenti attività e giochi che permetteranno ai partecipanti di aggiudicarsi fantastici gadget. Inoltre, i bambini potranno frequentare lab di fumetti su misura. Cosa volere di più?

Concerti
Cartoon Festival è anche musica. Con un concerto live ogni sera: Giorgio Vanni animerà il sabato sera (24 giugno) con le sigle dei cartoni animati e la domenica (25 giugno) si chiuderà in bellezza con i Gem Boy, il gruppo bolognese famoso per le sue canzoni parodia. Venerdì sera un’ospite d’eccezione! Per i più curiosi nella tre giorni del fumetto verranno presentate le ultime novità del mondo dei giochi e dei fumetti con un’area dedicata agli espositori del settore e stand originali giapponesi, dove poter trovare e comprare fumetti da collezione, gadget e tante altre sorprese.

Mostre, spettacoli, incontri, workshop interattivi, spazi food, musica e molto altro ancora, questa è la prima edizione del Roma Cartoon Festival. Un’energia nuova e colorata che sarà da stimolo a tutti i Peter Pan di ogni età per incontrarsi, appassionarsi e darsi appuntamento all’anno seguente.

Area Disegnatori

Marco Gervasio
Marco Gervasio nasce a Roma il 4 settembre 1967. Laureato in Economia e commercio, nel 1996 frequenta la Scuola Romana dei Fumetti (dove attualmente insegna). Da quel momento l’artista collabora assiduamente con la Disney disegnando numerose storie e copertine oltre che per Topolino, anche per le altre testate disneyane. Realizza anche alcune storie con PaperTotti. Da agosto 2013 Gervasio collabora come sceneggiatore e disegnatore con la società finlandese Rovio Entertainment, realizzando storie a fumetti per la serie Angry Birds Comics, pubblicata in tutto il mondo. Dal 2015 collabora anche con IDW realizzando le copertine per le edizioni USA dei fumetti Disney “Uncle Scrooge”, “Donald Duck”, “Mickey Mouse” e “Walt Disney’s Comics”.

Corrado Mastantuono
Corrado Mastantuono è nato a Roma il 20 dicembre 1962. Nel 1980 si diploma all’Istituto nazionale per la cinematografia e la televisione come disegnatore di cartoni animati, attività che lo forma professionalmente e che svolge dal 1980 al 1989. Nel 1990 debutta sul n. 92 della rivista l’Eternauta che, insieme all’altra rivista della stessa casa editrice, Comic Art, segna il passaggio nel mondo del fumetto. Nello stesso anno esordisce su “Topolino” n.1805 con la storia “Zio Paperone e l’unica giovialità”. La collaborazione con Walt Disney lo porta sulle pagine di “Minni & company”, “Giovani Marmotte”, “PK”, “MM” . Dal 1993 fa parte dei disegnatori della casa editrice Bonelli collaborando alle testate “Nick Raider” e “Magico Vento” sia alle storie che alle copertine. Con lo speciale n.21, “Il profeta Walpai” (07.2007), si dedica ai disegni della testata storica “Tex”.

Stefano Intini
Nasco a Padova nell’ottobre del 1968, nel corso degli anni 80 qualche piccola collaborazione per il Messaggero dei Ragazzi, nel 1989 arriva l’agognato esordio sul settimanale Topolino con la storia “Paperino e la trota quasi d’oro”. In questi quasi 30 anni, realizzo storie, copertine, poster e redazionali e nel 1996 partecipo al progetto “PK New Adventures” All’infuori dell’ambito Disney prima e Panini poi, cito alcune storie per il giornalino di Prezzemolo, mascotte di Gardaland, un lungo episodio di Yellow Kid per la rivista Comic Art, e qualche storia con i personaggi di Pif ed Hercules per la rivista francese Pif. Ho realizzato su ideazione di Rudy Salvagnini vignette e la striscia “Men at Work” per un supplemento del quotidiano “Unione sarda”, ho creato un Gioco dell’Oca e una Tombola per Dal Negro, per la Gallucci editore ho illustrato due libri per bambini, Ciao mare , I sette nani e per i più grandi Il calcio del campetto. Per Les Humanoides Associés nel 2009 ,in collaborazione con Corrado Mastantuono ho disegnato Le Petit Pierre pubblicato in Italia nel 2013 da Tunuè. Per la Gibus da una decina di anni disegno con i colori di Nicola Pasquetto il calendario con il personaggio mascotte. Collaboro inoltre con la Rovio realizzando storie con i personaggi degli Angry Birds e con la rivista francese Super Pif per la quale realizzo la copertina.

Giada Perrissinotto
Dalla fine del 2001 lavora per la Walt Disney Italia e America come illustratrice – fumettista per W.i.t.c.h. Magazine, illustra numerose storie a fumetti e copertine per Topolino e Fairies magazine,partecipa nella realizzazione di progetti interni alla Diney Italia e America.Attualmente continua a lavorare in contemporanea per Topolino magazine e Disney America tra cui Frozen, Oceania e Finding Dory, disegnando graphic novel e libri illustrati. Ha realizzato recentemente le copertine della collana “Scoprire l’arte Disney” di Giunti Editore.

Emiliano Tanzillo
Emiliano comincia il suo percorso alla Scuola Romana dei fumetti, dove adesso insegna ormai da sette anni. Lavora con i l disegno da quando di anni ne aveva 24: come illustratore per Newton&Compton, Eli, La Spiga e Oxford University Press; nel ruolo di concept artist per i film Bar Sport (Aurora Film), Good Hero e Mekamask (con Italian Job), e in quello di colorista per Glenat, Sergio Bonelli e Delcourt. Come disegnatore di fumetti, ha pubblicato Abissinia!, scritto da Claudio Nizzi, per la collana Le storie di Sergio Bonelli e il recente numero 354 di Dylan Dog -Miseria e crudeltà, scritto da Gigi Simeoni. Emiliano è anche il copertinista della riedizione Deluxe in 4 volumi di Valter Buio per Star Comics. Attualmente sta realizzando il suo terzo albo di Dylan Dog, due libri illustrati per Oxford University Press e altri progetti ancora top secret!

Ospite internazionale
Masami Suda
Nato nella prefettura di Saitama il 16 settembre 1943, è un veterano dell’animazione. Il maestro Suda è infatti oggi conosciuto come uno dei più grandi animatori mai esistiti. Il suo nome è indissolubilmente legato alle grandi opere della storica casa di produzione Tatsunoko Production e Toei Animation. Entrò a lavorare alla Tatsunoko fin dagli esordi della casa, nei primi anni sessanta. Qui iniziò ad apprendere i primi rudimenti di regia dell’animazione e character design. Tra le serie TV alle quali ha lavorato nel “periodo Tatsunoko”, ricordiamo in particolare: Mach Go Go Go del 1967, meglio conosciuta in occidente come Speed Racer dove ricopre il ruolo di animatore e disegnatore; Uchu No Kishi Tekkaman (Tekkaman, il cavaliere dello spazio) del 1975 in cui è disegnatore; Hakushun Daimaō (Il Mago Pancione) del 1969 in cui è disegnatore. Il suo talento e la sua capacità di modificare il proprio stile non passarono inosservati e iniziò a lavorare come libero professionista per la Toei Animation. Nel 1984 gli venne affidata l’epica impresa di realizzare le animazioni per Ken Shiro, il protagonista del manga Hokuto No Ken. Masami Suda diventò character design e realizzò la serie animata “Hokuto No Ken“, conosciuta da noi come Ken il Guerriero, nel 1984 nonché il film animato del 1986 “Hokuto No Ken – The Movie“, il quale raggiunge una qualità che fino ad oggi resta ineguagliata sotto il profilo delle animazioni. Negli anni 80 si è occupato anche di altri lavori conosciuti, come Ganbare Genki (Forza Sugar) del 1980 di cui era direttore dei disegni, Aishite Knight (da noi Kiss Me Licia) del 1983 di cui ha animato i titoli di testa, Time Patrol-Tai Otasukeman (I Predatori del Tempo) del 1980 di cui era animatore, Dr. Slump: Hoyoyo! Space Adventure del 1982 e Dr. Slump & Arale-chan Hoyoyo! Sekai Issuu Dai Race del 1983, due film di animazione sui personaggi del Dr. Slump e Arale di cui il maestro Suda ha fatto da animatore. In questi anni il numero di collaborazioni del maestro si riduce rispetto al passato e non tutte riscuotono successo. È il caso ad esempio di Gundou Musashi e, purtroppo, Souten No Ken, dal manga omonimo, che se sulla carta avrebbero dovuto rappresentare dei grandissimi progetti, nella realtà si sono dimostrati dei flop. Nota positiva per i fan di Ken, il maestro ha dato il suo contributo nello splendido OAV Toki Den, sul destino del fratello di Ken Shiro. Per l’occasione, Suda si reincontra con il mitico Junichi Hayama, suo allievo prediletto proprio ai tempi della serie televisiva storica e qui a dargli una mano anche lui come direttore dei disegni e character designer.

Area Cosplay

Il Roma Cartoon Festival organizza numerosi eventi legati al cosplay, fenomeno ormai sempre più diffuso. Ospiterà infatti un’Area Cosplay, a cui parteciperanno numerosi gruppi da tutta Italia portando in vita i personaggi più amati e conosciuti dai film ai fumetti, per animare l’evento con scenografie e attività. Ci sarà il gruppo di Marvel Cosplay Italia con la fantastica Hulkbuster, i BICS che si occupano di cosplay dai film e telefilm DC, il gruppo di Doctor Who con il Tardis e tantissimi altri. In collaborazione con i gruppi cosplay, saranno organizzati dei raduni per tutti i cosplayer in uno spazio dedicato nell’Area Cosplay con la possibilità di un fotografo
ufficiale dell’evento per una foto ricordo di gruppo.

Gara Cosplay
Inoltre, la domenica si terrà la Gara Cosplay presso l’Area Palco, la giuria sarà composta da cosplayer conosciuti a livello nazionale e internazionale. Ciao a tutti sono Tatiana, Layla nell’ambiente cosplay, e sono nel mondo del cosplay da più di 10 anni. La mia passione per il cosplay nasce come conseguenza del mio amore per anime e manga giapponesi, non essendo una sarta ho imparato da sola a cucire perfezionandomi pian piano. Ho iniziato frequentando le fiere del fumetto a Roma e poi in tutta Italia, vincendo numerosi premi in singolo e in gruppo e facendo parte di diverse giurie cosplay. Ho partecipato inoltre a diverse competizioni internazionali: nel 2010 sono stata selezionata come rappresentante italiana all’Euro Cosplay di Londra, nel 2012 come rappresentante all’ECG di Parigi e l’anno scorso come rappresentate al campionato mondiale del WCS a Nagoya. Daisy è nel mondo del cosplay dal 2012, ma la sua passione per la creazione di costumi e accessori risale a molto tempo prima! Ha studiato e lavorato nei migliori teatri e sartorie cinematografiche fra Palermo e Roma per arricchire in modo professionale le sue conoscenze in campo sartoriale, e si diletta spesso anche nella costruzione di armature e accessori. Quello a cui fa più attenzione nella realizzazione di un costume sono la pulizia, la fedeltà all’originale per forme e colori, e i dettagli. Amante dei videogames, dei comics e del cinema, predilige costumi tratti da questi. Viaggia spesso per le fiere europee poiché una delle cose che preferisce del cosplay è visitare nuovi posti e conoscere nuove persone da tutto il mondo che condividono la sua stessa passione! Nel 2015 insieme al suo compagno di cosplay e di vita Vale Imriel, ha vinto la selezione per i mondiali di cosplay e ha rappresentato l’Italia al World Cosplay Summit 2016 in Giappone!

Artemis Entreri ha iniziato circa 5 anni fa a coltivare la passione per il mondo del cosplay. Fino ad ora ha realizzato molti costumi tra cui: Khal Drogo da Game of Thrones, Dracul da Castlevania Lords of Shadows 2, Jarvan IV e Tryndamere da League of Legends. La sua specialità è creare armi ed armature cercando di provare nuovi metodi e materiali. Essendo appassionato di anime, manga e vigeogames ha sempre frequentato l’ambiente delle fiere del fumetto e ne ha visitate diverse anche all’estero. Ha partecipato a pochi contest fino ad ora, ma ha comunque vinto diversi premi tra cui: lo “Special Award Comicon” al Napoli Comicon del 2014, il “Best Male Cosplayer” al Cartoomics del 2015, il secondo posto all’ECG di Lucca 2016 ed il primo posto al Campionato italiano ICC 2016.

Orari: 10.00 – 20.00
Ingressi:

  • individuale giornaliero: 10 euro intero
  • 7 euro ridotto cosplay
  • 5 euro ridotto bambini dai 3 ai 10 anni non compiuti
  • gratuito per bambini da 0 a 3 anni non compiuti
  • abbonamento individuale 3 giorni: 22 euro

Guido Reni District
Via Guido Reni 7 – 00196 – Roma – Italia

Fonte: RomaCartoonFestival.com

Marco Rubertelli

Appassionato di fumetti e informatica. Dopo essere stato un fedele abbonato a Topolino per anni, un giorno, per caso, legge l'albo #224 di Dylan Dog, Sul filo dei ricordi, e inizia a leggere tutta la serie. Presto l'interesse si estende a qualunque tipo di fumetto, soprattutto graphic novel. Nel novembre 2013 fonda insieme all'amico Nicholas il portale C4 Comic.

Potrebbero interessarti anche...

1 Risposta

  1. Davide ha detto:

    Occhio che è stata la peggiore fiera del fumetto mai organizzata!!! Una vergogna per chi ha pagato il biglietto d’ingresso e per gli standisti. Area di cibo giapponese praticamente inesistente. Asmodee e Giochi uniti non pervenuti, di fatto il secondo giorno della fiera qualcuno glielo ha fatto notare e l’hanno tolti dalla descrizione dell’evento (!!!!). Dimostrando evidente malafede.
    Cristina D’Avena non sono riusciti a farla esibire (ma naturalmente solo dopo aver pubblicizzato l’evento) e lo hanno comunicato il giorno dopo (!!!). Giorgio Vanni ha cantato 5 sigle e poi è sceso dal palco. La fiera era VUOTA e piccola… probabilmente non valeva neanche l’ingresso gratuito (immaginate gli 11€, come il comicon di Napoli). Areazione spenta, nei padiglioni si grondava sudore.. alcuni standisti si sono organizzati con i ventilatori… In tanti anni mai mi era capitato di vedere tanta disorganizzazione e tanta pubblicità ingannevole ad una fiera (la grande area Games era fornita di 6 tavoli e 9 giochi…).
    Un sito di divulgazione dovrebbe scrivere e descrivere l’evento non limitarsi alla copiatura del comunicato stampa ( o della descrizione sul sito).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.