Comics & Music: 5 dischi dalla collezione di… Julia Kendall

Nelle puntate precedenti di Comics & Music abbiamo dato un’occhiata alla collezione discografica di Dylan Dog e di Morgan Lost. Dopo aver ascoltato gli album di due teste di serie degli eroi bonelliani tormentati per eccellenza è il caso di passare alla brillante criminologa di Garden City partorita dalla mente geniale di Giancarlo Berardi. Cosa ascolterà nel suo tempo libero la bellissima eroina ispirata a Audrey Hepburn? Augurandovi buon ascolto vi lascio ai cinque dischi della collezione di Julia.

Supporto musicale utilizzato: lettore mp3

 

1) The Beatles: Sgt. Pepper’S Lonely Hearts Club Band

Non so perché ma ho sempre avuto l’idea che tra Rolling Stones e Beatles la nostra Julia avrebbe sempre scelto i secondi. Nonostante la Kendall sia una criminologa impeccabile e una docente estremamente professionale non disdegna gettare sul mondo uno sguardo sognante e mostrare un atteggiamento di genuina leggerezza. Quest’album è forse quello che descrive meglio questo atteggiamento: brani come Lucy in the sky with diamonds ben descrivono una genuina spensieratezza. Lennon disse che l’origine di questa canzone fu un disegno del figlio Julian che raffigurava una compagna di classe camminare in un cielo cosparso di diamanti. Più di una volta il modo di vedere le cose di Julia l’hanno portata a comprendere cose che altri non hanno capito con più feree analisi. Quest’album per le sonorità solari e spensierate (oltre ad essere una vera e propria pietra miliare della storia della musica) non può sicuramente mancare nella libreria musicale di Julia.

2) Fabrizio De André: Creuza de Ma

Una delle cose più adorabili del personaggio di Julia è il suo prendere il meglio da ogni situazione, ogni persona e ogni luogo. La storia d’amore con Ettore Cambiaso, mezzo napoletano e mezzo genovese, porta non solo una serie di fughe amorose nella nostra bella Italia ma anche il venire a contatto con la crema del nostro cantautorato. Sotto questo punto di vista Creuza de ma rappresenta perfettamente la cultura genovese. Storie di pescatori e di marinai  accompagnate da sonorità mediterranee soddisfano senz’altro la curiosità di Julia riguardo al nostro paese. Alcuni brani di Fabrizio De André vengono citati direttamente nel fumetto. Ascoltare Creuza de Ma è come leggere un buon libro riguardo ad un luogo e alla gente che lo abita.  In quest’album Julia ritrova la parte più “genovese” di Ettore e lo sguardo tipicamente ligure di suo padre.

3) Domenico Modugno: Domenico Modugno

Per i motivi sopra citati  Julia è venuta a contatto sia con la musica Ligure che con quella tipicamente napoletana. Domenico Modugno è conosciuto all’estero: anche fuori dall’Italia tutti almeno una volta nella vita hanno cantato Nel blu dipinto di bluNei brani di Modugno troviamo dipinta l’anima più romantica e sensibile di Julia. Se non ricordo male proprio dalla bocca della criminologa in un albo uscì in un italiano zoppicante un “Tu si ‘na cosa grande” rivolto all’innamorato. Scegliere un album nello specifico tra tutta la produzione di Modugno sarebbe stato impossibile, ogni brano è un classico e ben descrive il rapporto tra la Kendall e Ettore. Non immaginate anche voi Julia sola in casa canticchiare La lontananza pensando all’amore lontano?

4) The Cranberries: Ode to My Family

Abbiamo parlato di Julia come una viaggiatrice, una sognatrice, un’innamorata eppure non è ancora tutto. Julia è una ragazza che ama  divertirsi nonostante i mille impegni, provando dunque ad immaginare un concerto in cui la vedrei bene a saltare e cantare a memoria tutte le canzoni mi sono venuti in mente i The Cranberries: un mix esplosivo di musica coinvolgente, testi tutt’altro che banali e la voce di  Dolores O’Riordan semplicemente mozzafiato. In quest’album troviamo uno dei brani più conosciuti della band: Zombie, brano dal testo molto impegnato: in questa canzone viene denunciata la situazione di violenza in cui ancora versava l’Irlanda del Nord nel 1993.

5) Ludovico Einaudi: I Giorni

Ludovico Einaudi è un pianista strepitoso, molto apprezzato in Inghilterra non avrà mancato di passare dalle cuffie/casse di Julia. Credo che le melodie di Einaudi abbiano il potere di portare la mente in un altrove sgombro da ogni pensiero e rumore. Per questo motivo trovo che I giorni sia un ascolto perfetto per Julia durante le notti insonni passate a lavorare ai casi più complicati. Ho scelto quest’album perché oltre ad aiutare la concentrazione nel suo lavoro è presente il brano Melodia Africana diviso in tre atti. Questo titolo rimanda all’ultimo tassello che compone la vita di Julia: Abebe, il bambino africano che la criminologa ha adottato a distanza per compensare il suo desiderio di maternità.

 

Sperando che gli album selezionati siano stati di vostro gradimento vi rimando al prossimo appuntamento con Comics & Music.

 

 

Jacopo Cerretti

Classe '90, cresciuto a pane (tanto) e comics con approccio disinteressato, negli ultimi 3 anni ho sviluppato un vero e proprio amore per il fumetto grazie in primis all'indagatore dell'incubo, i colleghi di casa Bonelli e alle poesie grafiche di Gipi.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.