Tunué: “Aveva un volto bianco e tirato – Il caso Re Cecconi” vince il Premio Ghirelli

Aveva un volto bianco e tirato. Il caso Re Cecconi vince il premio Antonio Ghirelli

Domani alle 11 il Circolo dei lettori di Torino ospiterà la cerimonia di assegnazione dei riconoscimenti della sesta edizione del Premio Nazionale Letteratura del Calcio intitolato a Antonio GhirelliAveva un volto bianco e tirato. Il caso Re Cecconi di Guy Chiappaventi uscito nella collana dei Traguardi riceve una menzione speciale consacrando il successo di un volume molto apprezzato sia dai lettori che dalla critica. A quaranta anni da quel 18 gennaio in quella gioielleria della capitale il libro di Chiappaventi ripercorre gli ultimi istanti di Re Cecconi, centrocampista della Lazio e della nazionale.

A distanza di quarant’anni, una lunga analisi sul caso più controverso della cronaca italiana legata al calcio

Il 18 gennaio del 1977 a Roma muore Luciano Re Cecconi, centrocampista della Lazio e della nazionale. Muore per via del colpo di pistola sparato da Bruno Tabocchini, un orafo della capitale. Muore perché – raccontano – stava fingendo un furto proprio in quella gioielleria, e aveva fatto irruzione gridando: «Fermi tutti, questa è una rapina!» Ma il caso non è affatto chiaro, e le testimonianze restano contrastanti. Il giornalista Guy Chiappaventi, facendo larghissimo riferimento a un immaginario filmico preesistente e un citazionismo che tira in ballo il poliziottesco e il giallo, tipici di quegli anni, si muove tra romanzo e inchiesta. E disegna una storia di testimonianze, ricostruzioni e dubbi, tanti dubbi distesi lungo un racconto efficacissimo nel richiamare l’atmosfera che si respirava allora. Lo fa anche grazie a riferimenti autobiografici che costeggiano il resoconto dei fatti senza mai sovrapporsi ad esso, e che anzi si incastrano perfettamente in un quadro narrativo abile a restituirci – a distanza di quarant’anni – i dettagli di quello che resta, tuttora, uno dei più grandi misteri della cronaca italiana.

 

Aveva un volto bianco e tirato.
Il caso Re Cecconi
Tunué, 2016
Collana «Traguardi»
cm 15×21 cm; 192 pagine a colori;
Copertina a colori
Euro 14,90
ISBN 978-88-6790-206-4

Guy Chiappaventi, 47 anni, giornalista. Lavora come inviato al TG La7 e si occupa di cronaca, collaborando nel frattempo al programma settimanale Bersaglio mobile, condotto da Enrico Mentana. La sua carriera l’ha portato a muoversi fra il G8 di Genova, il crollo del regime di Saddam Hussein, la Roma di Mafia Capitale e numerosi altri fatti di notevole rilevanza. Ha pubblicato Baghdad anno zero (Limina 2003), Pistole e palloni (Castelvecchi 2014) e La valigia del centravanti (Limina 2004).

Fonte: Tunué.com

Marco Rubertelli

Appassionato di fumetti e informatica. Dopo essere stato un fedele abbonato a Topolino per anni, un giorno, per caso, legge l'albo #224 di Dylan Dog, Sul filo dei ricordi, e inizia a leggere tutta la serie. Presto l'interesse si estende a qualunque tipo di fumetto, soprattutto graphic novel. Nel novembre 2013 fonda insieme all'amico Nicholas il portale C4 Comic.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.