Ticonderoga: Rizzoli Lizard riporta in libreria il capolavoro perduto di Pratt e Oesterheld

Hugo Pratt e Héctor Oesterheld
Ticonderoga

Prefazione di José Muñoz

A sessant’anni dalla sua prima edizione, l’atteso ritorno di un capolavoro perduto.

Ticonderoga risorge finalmente dal fondo umido della memoria, dal centro della costellazione fumettistica argentina, una scuola che ampliò il campo delle possibilità espressive del nostro linguaggio.
– dalla prefazione di José Muñoz

Joe Flint, soprannominato “Ticonderoga”, è un coraggioso giovane suddito di Re Giorgio II di Gran Bretagna. Al fianco dei suoi compagni d’avventura, il cadetto Caleb Lee e il saggio Numokh, combatte nella guerra franco-indiana, il conflitto che – a metà del ’700 – vede opporsi francesi e britannici per il controllo delle colonie americane.

Apparso per la prima volta in Argentina nel 1957, Ticonderoga torna per la prima volta – dopo decenni di oblio – nella sua veste originale, grazie a un monumentale lavoro di recupero e restauro fatto a partire da riviste ormai introvabili. Intense sequenze d’azione si alternano a momenti di grande lirismo grafico. Tra la furia di un’imboscata e i silenziosi paesaggi della regione dei grandi Laghi, Oesterheld e Pratt hanno dato vita a un imperdibile romanzo d’avventura e di formazione, una storia in cui la guerra diventa lo specchio in cui chiunque può scoprire il volto del suo peggior nemico: se stesso.

Hugo Pratt (1927-1995) è tra gli autori di fumetto più noti al mondo. Oltre ad aver creato il leggendario Corto Maltese, ha inventato un’infinità di personaggi entrati nella storia. Tutte le sue opere sono disponibili nel catalogo Rizzoli Lizard.

Héctor Oesterheld (1919-1977?) è il padre del fumetto argentino, noto soprattutto per L’Eternauta, Ernie Pike e Sgt. Kirk. Fiero oppositore del regime militare del generale Videla, il suo nome fa parte del lungo elenco dei desaparecidos.

Cofanetto in due volumi
Formato: 21 x 28 cm
Pagine: 192 + 112 a colori e in bianco e nero
Prezzo: 45,00 €
Uscita: 19 ottobre 2017

Fonte: RizzoliLizard.eu

Marco Rubertelli

Appassionato di fumetti e informatica. Dopo essere stato un fedele abbonato a Topolino per anni, un giorno, per caso, legge l'albo #224 di Dylan Dog, Sul filo dei ricordi, e inizia a leggere tutta la serie. Presto l'interesse si estende a qualunque tipo di fumetto, soprattutto graphic novel. Nel novembre 2013 fonda insieme all'amico Nicholas il portale C4 Comic.

Potrebbero interessarti anche...