[Lucca Comics & Games 2017] 4 Hoods: di tunnel, troll e grandi promesse

Ah, l’Avventura…. Tutto comincia quando ero appena iscritto alla Laurea Magistrale. Ricordo distintamente che, nel giro di pochi giorni, apparvero su Facebook quattro personaggini nati dalla mente di Roberto Recchioni, quattro avventurieri che sospiravano esaltano l’Avventura con la A maiuscola, pronti a grandi imprese… che però ancora non arrivavano.

Ricordo ancora come RRobe ne diede il libero utilizzo, ricordo come addirittura qualcuno programmò un minigioco in cui si poteva comandare Viola. Ma mancava ancora quello che volevo, il fumetto. Se ne iniziò a parlare qualche mese più tardi fino a che non fu annunciata una serie a tal proposito per i tipi di Sergio Bonelli Editore. Oggi l’albo numero 0 è qui, in occasione del Lucca Comics, Games & Heroes 2017.

 

Verde l’arciere, Rosso il mago, Viola il ladro, Barba il barbaro: ecco il team delle meraviglie, qui presentato in una mini avventura di sapore classico, breve ma intensa. C’è una cosa che colpisce subito, evidenziata anche dalla guida/making-of alla fine dell’albetto: il contrasto fra semplicità dei protagonisti e stile vario e ricercato, talvolta pittorico, di scenografia e avversari, un dualismo che funziona bene a livello grafico, rendendo il tutto così giocoso. Certo, è una serie per bambini/ragazzini, ma si sa, il buon RRobe trae spunto dai giochi di ruolo (e a tal proposito c’è una tavola che lo chiarisce) e farcisce il tutto con alcune battute che fanno ridere anche i più grandi. cos’è dunque 4 Hoods #0? Una promessa per il futuro, di molte risate e quarti d’ora piacevolissimi.

Andrea Tondi

Filologo romanzo, vive nel suo mondo fatto di cavalieri e avventure mistiche nella foresta. Quando torna nel mondo reale, scrive di fumetti.

Potrebbero interessarti anche...