Una maglia per l’Algeria: ReNoir Comics lancia il nuovo titolo fra sport e politica

ReNoir Comics presenta Una maglia per l’Algeria di Kris, Bertrand Galic e Javi Rey, premiato come Autore rivelazione al Salón del Cómic de Barcelona 2017. È la storia raccontata a fumetti dei giocatori della prima nazionale algerina, campioni di una squadra di un paese che ancora non esisteva.

Nel 1957 l’Algeria è ancora colonia francese. Da tre anni gli algerini combattono contro il governo e i coloni francesi una guerra civile per l’indipendenza. I capi del FLN (Front de Libération Nationale) hanno bisogno di portare sempre di più la loro causa davanti all’opinione pubblica internazionale e decidono quindi di fondare una nazionale di calcio. Vengono riuniti 12 giocatori algerini che militano nel campionato francese, tra cui addirittura 4 convocati dalla nazionale francese per l’imminente Coppa del Mondo, che escono clandestinamente dal paese per militare nella squadra clandestina di uno stato non ancora nato.

L’opposizione del governo francese fa sì che la FIFA sanzioni tutte le squadre che giochino contro l’Algeria; inutilmente, perché il team per quattro anni viaggerà per il mondo sfidando club e selezioni nazionali e ricevendo addirittura il plauso del presidente nord vietnamita Ho Chi Min. Una maglia per l’Algeria racconta la storia degli uomini della prima nazionale algerina, partendo dalle strade di Sétif dove giocano i bambini Rachid Mekhloufi, Hamid Kermali e Amar Rouaï, che diventeranno i giocatori più rappresentativi della squadra del FLN, e arrivando nel 1962 alla fine della guerra, quando l’Algeria diventerà ufficialmente uno stato.

Una storia che intreccia sport e politica, che racconta il coraggio di abbandonare una luminosa carriera per lottare, anche senza armi, per il proprio paese. A completare il volume trova spazio un dossier curato dal giornalista e documentarista Gilles Rof e un’intervista a Rachid Mekhloufi stesso.

Andrea Tondi

Filologo romanzo, vive nel suo mondo fatto di cavalieri e avventure mistiche nella foresta. Quando torna nel mondo reale, scrive di fumetti.

Potrebbero interessarti anche...