Recensione Cinecomic: Akira

Regia Katsuhiro Otomo
Paese – Anno – Durata Giappone – 1988 – 124 minuti
Stagioni/Episodi
Sceneggiatura Katsuhiro Otomo
Produzione Akira Committee Company Ltd.
Genere Animazione, Azione, Fantascienza

UN FILM FONDAMENTALE

animeEccoci ritornati alla rubrica Cinecomic.
Per questo 2015 vogliamo iniziare con un film fondamentale per quanto riguarda le trasposizioni cinematografiche dei fumetti. Stiamo parlando di Akira il film di animazione giapponese del 1988 scritto e diretto da Katsuhiro Otomo, autore e disegnatore anche dell’omonimo manga da cui è tratto, qui trovate la nostra recensione.
Basterebbe questo elemento a far capire l’eccezionalità di quest’opera, che vede l’autore del fumetto coinvolto al 100% in prima persona alla realizzazione della trasposizione cinematografica. akira Oltre ad essere un caso più unico che raro di fumettista coinvolto pienamente nel progetto, il risultato del passaggio da manga a film è ottimo, infatti Akira è una pietra miliare del cinema di animazione che ha definitivamente lanciato la diffusione del manga e dell’animazione giapponese nel resto del mondo.

Il futuro non è una linea dritta, ma è piena di incroci. Deve esserci un futuro che possiamo scegliere da soli.
da Akira

UNA STORIA RICCA E COMPLESSA

akiraIl manga è uscito per la prima volta in Giappone nel 1982, mentre in Italia è uscito solo nel 1990, portando alla luce un’opera molto ricca e complessa, con una storia fanta-socio-politica molto originale e uno stile grafico particolare e bellissimo. La trama che si sviluppa, come abbiamo detto, è molto complicata tanto da farne un fumetto dalla non facile fruibilità e rivolto ad un pubblico maturo, con tematiche alte e che si sviluppano tutte intorno al ruolo dell’uomo e dell’umanità in generale.

In breve, la storia del manga inizia nel 2019 in una Neo-Tokio nata sulle ceneri della città distrutta in un’esplosione nucleare che nel 1982 aveva dato il via alla Terza Guerra Mondiale. Sulle strade della nuova metropoli si aggirano bande di giovani teppisti in sella alle loro moto. Proprio una di queste bande in cui troviamo due dei protagonisti principali, Kaneda e Tetsuo, si imbatte in uno strano bambino con il numero 26 impresso su una mano che in qualche modo attiva i poteri psichici di Tetsuo.

tumblr_ln7xghw2hs1qjpyqpo1_1280Da quel momento il giovane viene preso in custodia dall’esercito sotto il comando del Colonnello Shikishima, che scopriremo essere coinvolto in degli esperimenti su questi soggetti “speciali”. Kaneda alla ricerca dell’amico viene coinvolto suo malgrado nella ribellione e fa la conoscenza della giovane e anche lei “speciale” Kei. Nel frattempo Tetsuo sembra aumentare i suoi poteri mettendo in moto una serie di eventi che portano al risveglio del temuto Akira. Questo farà precipitare la situazione, trascinando il mondo verso quello che sarà o un nuovo inizio o la definitiva fine.
Questo è ovviamente un riassunto molto riduttivo della vicenda, che sarebbe troppo ardua da raccontare e che quindi vi invito caldamente ad approfondire leggendo il manga e vedendovi il film.

Questa città è un frutto troppo maturo che sta per cadere nelle nostre mani, ed il vento che soffierà si chiama Akira.
da Akira

UN GROSSO PROGETTO PER UNO SPETTACOLO VISIVO

AkiraLa storia narrata nel film ha le stesse basi e premesse e i medesimi personaggi della versione cartacea, la vicenda però viene molto semplificata e sviluppata in una maniera che differisce sostanzialmente dal manga, sia per darne una rilettura diversa, sia per permettere alla complessa trama di poter rientrare in un prodotto cinematografico. Il film procede con un’alternanza di ritmi che impegnano non poco lo spettatore: si passa infatti velocemente da sequenze molto serrate e di piena azione a sequenze più riflessive e psicologiche che avanzano lentamente. In questo modo anche la visione del film risulta essere un’esperienza totale che coinvolge, se disposto, lo spettatore in maniera profonda.

Akira-bg-4Ma più che la storia, che si conferma sociologicamente impegnata, le cose che colpiscono di più sono la qualità grafica e il livello delle animazioni che caratterizzano quest’opera. Infatti il lungometraggio di Akira è passato alla storia grazie allo spettacolo visivo che Otomo, alla guida di uno staff artistico enorme, è riuscito a regalare agli spettatori. Bisogna dire che dietro a questo film ci fu un grosso progetto, con una casa di produzione nata per l’occasione, la Akira Committee Company Ltd. , dotata di un grosso budget, circa 1 miliardo di yen, ovvero cinque volte il budget medio di un film dell’epoca nel paese del Sol Levante. Grazie a queste premesse fu possibile coinvolgere nel processo artistico ben 1300 animatori di vari studi nipponici che collaborarono insieme al maestro giapponese per una resa grafica stupefacente, grazie anche all’innovativo uso della CGI (ovvero grafica computerizzata) per gli effetti speciali e per molte sequenze complicate dal punto di vista visivo. Un lavoro enorme che però ha dato grossi frutti, che chiunque ha visto o vedrà il film non potrà non riconoscere.

Io … Sono … Tetsuo!
da Akira

neo-tokyo

UN VERO CAPOLAVORO

In definitiva nel caso di Akira possiamo usare la parola capolavoro senza timori, per un’opera cartacea e cinematografica eccellente dal punto di vista delle vicende narrate, delle tematiche trattate e delle tecniche e qualità grafiche. Un fulgido esempio di perfetta fusione tra cinema e fumetto che non vi possiamo non, che dico consigliare, obbligare, a vedere e rivedere.

TI È PIACIUTO IL FILM? ALLORA TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Fumetti 

Akira – di Katsuhiro Otomo, ovviamente, qui trovate la nostra recensione.

Memories – sempre di Katsuhiro Otomo, dallo stesso autore un’opera insolita e divertente.

The Legend of Monster Sarah – ancora Otomo, per un manga breve ma intenso.

Film

Blade Runner – di Ridley Scott,  una storia distopica per un altro capolavoro della fantascienza ambientato anch’esso nel 2019.

The Day After – di Nicholas Meyer, film del 1983 sul tema della Apocalisse nucleare.


Akira 25th Anniversary Limited Edition Box (Blu-Ray+Dvd+Cd+Libro)
Akira Blu-Ray
Akira DVD
AKIRA n.1 PLANET MANGA
AKIRA KANEDA ON MOTORCYCLE PVC Painted (japan import)

LA NOSTRA PAGELLA: 9.5/10

Alessandro Di Giulio

Il mondo del fumetto l'ho sempre amato da quando mia madre mi portò al primo Lucca Comics della mia vita, penso che ora si odi per questo; da allora li compro li leggo e li colleziono e non me ne sono mai pentito. Ho 31 anni mille passioni e una vita sola per poterle coltivare; questo è il cruccio di molti di noi. Cosa c'è di meglio allora di scrivere di una di queste grandi passioni?..

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.