Recensione Cinecomic: Old Boy

Regia Park Chan-wook
Paese – Anno – Durata Corea Del Sud – 2003 – 120 min
Stagioni/Episodi
Sceneggiatura Hwang Jo-yoon, Im Joon-hyung, Park Chan-wook
Produzione Showeast
Genere Thriller, Drammatico

I LOVE KOREA

Ci sono storie che, anche se non riguardano niente del nostro passato o della nostra vita, riescono comunque a toccare le corde della nostra esistenza e quindi a colpirci. Questo è il caso di Old Boy film del 2003 del regista coreano Park Chan-wook, tratto dall’omonimo manga di Nobuaki Minegishi e Garon Tsuchiya del 1997. Ok ormai mi avete scoperto i registi coreani mi piacciono molto, ma non c’è niente da fare tecnicamente e artisticamente sono spesso impeccabili.

Sorridi e il mondo sorriderà con te, piangi e piangerai da solo.
– Da “Old Boy”

DUE STORIE PER UNA VENDETTA

old boyNel film e nel fumetto vengono narrate due storie molto simili ma in cui vengono cambiati molti aspetti. Probabilmente i cambiamenti effettuati nella pellicola vengono fatti per una resa cinematografica migliore. Infatti il senso di fondo della storia non cambia, cambia nettamente semmai il ritmo,oldboy sicuramente più scorrevole e ben bilanciato nell’opera di Park Chan-wook che nel manga di Mineshi e Tsuchiya. Tutte e due le vicende vedono protagonista, Goto nel fumetto e Oh Dae-su nel film, un uomo imprigionato misteriosamente, che dopo lunghi anni di prigionia viene improvvisamente liberato. Da quel momento ha inizio la vera storia, Goto/Oh Dae-su ha l’opportunità di vendicarsi del proprio carceriere, può iniziare infatti ad indagare sul suo passato per scoprire chi e perché gli ha fatto tutto questo.

Ti voglio raccontare la mia storia, dovrai aspettare a morire.
– Da “Old Boy”

LA VIOLENZA È UGUALE PER TUTTI

old boyQuesto è il secondo film del regista coreano della sua così detta Trilogia della Vendetta, dove il primo è Mr. Vendetta del 2002 e il terzo è Lady Vendetta del 2005. Se vogliamo in questi film, così come nel fumetto, non è solo la vendetta il fulcro tematico della storia, ma tutti gli elementi tipici dell’uomo che lo portano a voler trovare a tutti costi soddisfazione in merito al torto subito. Il dolore altrui non ci tocca se è “giustificato” e necessario a raggiungere la nostra salvezza. La violenza la fa da padrone, insaziabile e inevitabile, colpisce tutti senza distinzione, perché la violenza chiama violenza e la vendetta chiama vendetta. Se il fumetto è graficamente e stilisticamente ben fatto, il film è stupendo.Old boy Il montaggio, la fotografia, e la regia in generale sono praticamente perfetti, scandiscono i tempi della narrazione e mettono in risalto tutti i momenti fondamentali. Le molte immagini di cruda violenza che ci sono, non risultano mai gratuite e sono sempre funzionali al procedimento della storia. Gli attori, con Choi Min-sik in testa, sono coinvolgenti e credibilissimi, contribuendo allo spessore drammatico della vicenda narrata.

Ricorda, sia un granello di sabbia che una roccia, nell’acqua affondano allo stesso modo.
– Da “Old Boy”

IL FILM CHE TARANTINO AVREBBE VOLUTO GIRARE

old boyInsomma come avrete capito il film è veramente bello per cui la visione è d’obbligo, come molto interessante è anche il fumetto edito in Italia per la prima volta dalla Coconino Press e ora riedita da J-Pop, etichetta di BM Edizioni, di cui parliamo qui, per un manga che non può mancare nella vostra collezione. La pellicola di Park Chan-wook si è anche aggiudicata il Grand Prix Speciale della Giuriadel Festival di Cannes nel 2004, premio al film più originale o con maggior spirito di ricerca, di cui l’allora presidente Quentin Tarantino ha dichiarato “Old Boy è il film che avrei voluto fare”. Da vedere e leggere assolutamente. Nel 2013Spike Lee ha fatto il remake hollywoodiano, io sinceramente non ho ancora avuto modo di vedere la pellicola, inoltre i vari commenti on-line non sembrano lodare questa operazione. Mi riservo di dare un giudizio in futuro, intanto vi prego di guardare assolutamente la versione originale coreana. Pena la mia tremenda VENDETTA!

TI È PIACIUTO IL FILM ? ALLORA TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Fumetti 

Old Boy – il manga di Nobuaki Minegishi e Garon Tsuchiya, ovviamente.

Ichi The Killer – di Hideo Yamamoto, altro manga dalla storia cruda e violenta.

V per Vendetta – scritto da Alan Moore e illustrato da David Lloyd, quando si parla di vendetta non può mancare.

Film

Mr Vendetta, Lady Vendetta  – sempre di Park Chan-wook,  gli altri due film della Trilogia della vendetta.

Django Unchained – di Quentin Tarantino, vendetta in stile Tarantino.

V per Vendetta – di James McTeigue, vedi sopra.

Snowpiercer – di Bong Joon-ho, lasciamo la vendetta ma restiamo su un bravo regista coreano alle prese con un altro cinecomic. Qui trovate la nostra recensione.

Old Boy – di Spike Lee, il remake da vedere solo dopo l’originale.


Old Boy
Oldboy – Spike Lee
Old boy: 1
Old boy: 2
Old boy: 3

C4 MATITE:

Alessandro Di Giulio

Il mondo del fumetto l'ho sempre amato da quando mia madre mi portò al primo Lucca Comics della mia vita, penso che ora si odi per questo; da allora li compro li leggo e li colleziono e non me ne sono mai pentito. Ho 31 anni mille passioni e una vita sola per poterle coltivare; questo è il cruccio di molti di noi. Cosa c'è di meglio allora di scrivere di una di queste grandi passioni?..

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.