Recensione Cinecomic: The Mask – Da Zero a Mito

Regia Chuck Russel
Paese – Anno – Durata USA – 1994 – 97 min
Stagioni/Episodi
Sceneggiatura Mike Werb
Produzione New Line Cinema
Genere Commedia, Fantastico

HA LA FACCIA VERDE MA NON SI CHIAMA HULK

In questi giorni troppo caldi ho preferito buttarmi su un film leggero e divertente ma comunque molto valido: The Mask – Da Zero a Mito diretto da Chuck Russell, tratto dall’omonimo personaggio della serie a fumetti scritta da John Arcudi per la matita di Doug Mahnke ed edita dalla Dark Horse Comics.

Non sono stato io, è stato Hulk il verdastro!
– Stanley Ipkiss

DA ZERO A MITO

2189367-masktpb_00L’origine di questo personaggio risale al 1987, quando Mike Richardson e Mark Badger crearono il fumetto The Masque sempre per la Dark Horse Comics, ma la forma definitiva, ovvero quella che noi conosciamo grazie anche al film, è quella del 1989 sviluppata dal duo Arcudi e Mahnke.
Il personaggio de La Maschera, chiamato Big Head nel fumetto, sale comunque alla ribalta nel 1994 grazie al film e alla interpretazione strepitosa di Jim Carrey che con la sua mimica riesce a conferire una credibilità e uno spessore importante al personaggio.485295 Il film riscuoterà un grande successo di pubblico e critica che porteranno anche allo sviluppo di un seguito cinematografico, The Mask 2, che però è veramente poca roba tanto che non si merita ulteriori analisi.

Ssssspumeggiante! È il momento di fare casino… C, A, S, I… no? Mi dispiace lo faccio!
– Stanley Ipkiss

DA FUMETTO VIOLENTO A EROE CINEMATOGRAFICO

3465589-teleportationLe vicende narrate nel fumetto hanno lo stesso incipit di quelle della pellicola: Stanley Ipkiss è un nevrotico e debole impiegato di banca, che passa la vita ad abbassare il capo ai soprusi degli altri; un giorno però si imbatte in una antica maschera: indossandola scoprirà di ottenere poteri incredibili che piano piano andranno tuttavia a consumare ed intaccare la sua sanità mentale.148
Le differenze sostanziali tra fumetto e film, stanno proprio nel fatto che lo Stanley “cartaceo” viene sopraffatto dal delirio di onnipotenza che lo porterà a vendicarsi di ogni torto subito seminando morte e distruzione e quindi dando vita a delle vicende molto violente che non troviamo nella pellicola di Russell181471Nel film infatti grazie alla maschera Stanley diventerà un vero e proprio eroe spinto non dal desiderio di vendetta ma dal desiderio di successo. Resteranno le atmosfere cupe e suburbane tipiche del fumetto e della black-comedy noir americana, ma scompariranno le scene violente, mentre lo spirito distruttivo di Loki, contenuto all’interno della maschera, si sfogherà tramite il malavitoso Dorian Tyrell che risulterà il più classico degli antagonisti.
mask-02-gLe atmosfere cupe che ritroviamo nella pellicola vengono però fagocitate dall’esuberanza di un Jim Carrey eccezionale e dalla bellezza mozzafiato di un’esordiente Cameron Diaz; inoltre gli elementi e costumi presi dai cartoon americani, che troviamo anche nel fumetto, vengono portati qui ad un livello molto più alto.

Abbracciami forte Red, si sta facendo buio, di’ a zia Emma di lasciare fuori Zanna Gialla, di’ a Cenerentola che non passerò a provare la scarpetta, e di’ a Rossella che francamente me ne infischio!
– Stanley Ipkiss

IL FILM DIVERTENTE E BEN FATTO DI UN PERSONAGGIO MALLEABILE

mask-the-mask-503992668Se non lo avete già fatto vi consigliamo quindi la visione. Oppure anche rivedetelo magari associandoci la lettura del fumetto. Il film infatti è molto divertente e ben curato, belli sopratutto gli effetti speciali. Inoltre risulta interessante anche l’operazione di trasposizione dal fumetto alla pellicola, dove si è voluto tralasciare la tematica della violenta vendetta e del super-io, in favore di un film che vuole essere rivolto a tutta al famiglia, dimostrandoci come questo personaggio ben si presti ad ogni interpretazione… e chissà che proprio grazie a questa sua caratteristica The Mask non torni in un’altra forma in un futuro prossimo.

TI È PIACUTO IL FILM ? ALLORA TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Fumetti

The Mask – di John Arcudi e Dough Mahnke, ovviamente;

Dio In Terra – di John Arcudi, Peter Snejbjerg e Bjarne Hanse, dallo stesso autore un’altra storia di passaggio da uomo normale a super-eroe.

Film

Ace Ventura L’acchiappanimalidi Tom Shadyac, altro film divertentissimo con un super Jim Carrey.

La Mummia –  di Stephen Sommers, divertimento e azione per tutta la famiglia.


The Mask – Da Zero A Mito – DVD
The Mask Omnibus
The Mask 2
Dio in Terra
Ace Ventura – L’Acchiappanimali

LA NOSTRA PAGELLA: 7/10

Alessandro Di Giulio

Il mondo del fumetto l'ho sempre amato da quando mia madre mi portò al primo Lucca Comics della mia vita, penso che ora si odi per questo; da allora li compro li leggo e li colleziono e non me ne sono mai pentito. Ho 31 anni mille passioni e una vita sola per poterle coltivare; questo è il cruccio di molti di noi. Cosa c'è di meglio allora di scrivere di una di queste grandi passioni?..

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.