Recensione Cinecomic: Transformers 4 – L’Era dell’Estinzione

Regia Michael Bay
Paese – Anno – Durata USA – 2014 – 164 min
Stagioni/Episodi
Sceneggiatura Ehren Kruger
Produzione Paramount Pictures, Hasbro
Genere Fantascienza, Azione

Un nuovo inizio che non vuole arrendersi al reboot

UNA NUOVA ERA

Correva l’anno 2011, quando il terzo capitolo della saga si preparava a chiudere il cerchio dei Transformers, invece ci troviamo a tre anni di distanza di fronte a Transformers 4 – L’era dell’estinzione. Il numero 4 può trarre in inganno. ma quello che ci troviamo davanti è un tentativo di rilancio di una saga, senza però puntare direttamente al reboot, ma dando inizio ad un nuovo capitolo.

DOVE ERAVAMO RIMASTI E DOVE SIAMO

tfposterQuesto quarto capitolo ci catapulta a cinque anni di distanza dalle vicende del terzo film, un mondo dove l’esistenza dei Transformers è resa pubblica, già dal secondo capitolo ma  purtroppo per i nostri eroi non sono  più visti come alleati ma come minaccia. Il protagonista di questo quarto capitolo è Cade Yeager (interpretato da  Mark Wahlberg), un uomo del Texas che vive, o per meglio dire sopravvive, grazie alla sua attività di inventore. Al suo fianco abbiamo la figlia  diciassettenne Tessa (Nicola Peltz), di cui il padre nutre un estremo istinti protettivo, facendoci non mancare quindi le battute padre-figlia. La vita della famiglia Yeager pare quasi regolare fino a quando Cade non trova un vecchio camion abbandonato e decide di ripararlo, ovviamente il veicolo in questione non è un semplice camion ma il leader degli ormai fuggiaschi Autobots (i Transformers che stavano dalla parte degli umani).

TRANSFORMERS: AGE OF EXTINCTIONLa trama pare delle più lineari fino a quando non vengono aggiunte due incognite in tutta la vicenda, la prima è la presenza di un nemico che non sono più i Decepticons (i Transformers della fazione opposta agli Autobots) che pare dare la caccia ai pochi protagonisti sopravvisuti, mentre dall’altro lato abbiamo un’organizzazione interessata ad alcuni ritrovamenti che paiono a che vedere con l’estinzione dei dinosauri. Non mi prolungherò a raccontare la trama per intero e a scrivere eventuali spoiler, ma cercherò di illustrarvi in maniera imparziale, gli elementi principali della pellicola.

Difendete questa famiglia Autobot come loro hanno fatto con voi. Difendete ciò che possono essere!
– Da Transformers 4

SI CAMBIA ARIA

tf4Questo quarto capitolo ha la pretesa di andare avanti senza rinnegare le proprie origini, proprio per questo motivo lo sbalzo temporale di cinque anni ha permesso di dare libero sfogo alla regia senza più elementi vincolanti che si erano creati nei primi tre capitoli. Transformers ha sempre affrontato il tema umano con la spinta nel far crescere un personaggio all’interno del film, si prenda per esempio il protagonista Sam Witwicky dei primi tre capitoli, che affronta un percorso di crescita che parte dalla scoperta di se stesso e del proprio potenziale, attraversando nel secondo capitolo la tematica dei rapporti personali con la famiglia e la fidanzata, fino al terzo capitolo dove farà i primi passi verso il mondo degli adulti. Transformers 4 a sua volta vuole affrontare tematiche un po più mirate al cerchio della famiglia,  rapporto padre e figlia, rapporto padre e fidanzato della figlia, scattando in molti cliché che però non stonano così tanto. Cade però non è solo un padre ma un sognatore, un uomo che ha fatto dei propri ideali il suo stile di vita, influenzando anche le persone intorno a lui. Abbiamo Shane Dyson (Jack Reynor), il fidanzato di Tessa che nel contesto è un’ottima calamita per le battute di Cade, mentre consiglio di tenere d’occhio il personaggio di Joshua Joyce (Stanley Tucci) che ci regala una performance completa e che colmerà i vuoti di regia in certi punti.

Optimus, noi siamo umani, gli umani sbagliano e certe volte è dai loro sbagli che danno il loro meglio
– Da Transformers 4

tf1

PRO E CONTRO

tf3Transformers 4 è un film che intrattiene e riempe bene i suoi 164 minuti, la trama mi ha caldamente stupito rispetto a quello che mostrava il trailer, dandomi modo di godermi il film. Ottima la scelta di diminuire i Transformers, dando modo allo spettatore di poterseli memorizzare e di affezionarsi ad alcuni di loro. I contro purtroppo sono i combattimenti che per via della natura dei protagonisti, risultano confusionari e si fa fatica a seguirli, facendoci quindi ringraziare quei momenti di intermezzo in cui vengono inquadrati gli attori in carne ed ossa. I personaggi di Cade e Tessa sono stati introdotti troppo bruscamente e si fa fatica a ad inquadrarli, facendoci venire il dubbio se siano dei geni o personaggi istintivi, dubbio causato forse dal particolare connubio inventore/ex-giocatore di football. Purtroppo il film si conclude troppo bruscamente, lasciando in aria una serie di dubbi e domande a cui si poteva dare benissimo una risposta in pochi minuti. Le musiche in questo capitolo non si fanno sentire, ed è un peccato dato le passate colonne sonore. Per concludere Transformers 4 è un ottimo film d’intrattenimento che può essere visto senza dover per forza ricordare la vecchia trilogia.

Ci sono misteri nell’universo che non siamo destinati a risolvere; ma chi siamo e perché siamo qui non sono tra quelli:queste risposte, ce le portiamo dentro.
Io sono Optimus Prime e questo messaggio è per i miei creatori:lasciate il pianeta Terra in pace, perché sto venendo… DA VOI !

– Da Transformers 4

tf0

TI È PIACIUTO IL FILM ? ALLORA TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Fumetti

Transformers Generation One –  di Chris Sarracini e Pat Lee edito da Dreamwave Productions.

Transformers vs GI Joe – di Tom Scioli edito da IDW Publishing.

Film

Transformers –  il primo capitolo del 2007 sempre diretto da Michael Bay.

Battleship – di Peter Berg.


Transformers – Il Film – Blu-Ray
Transformers – Il Film – DVD
Transformers – La Trilogia – Blu-Ray
Transformers – La Trilogia – DVD
Transformers One Step Magic – Grimlock

LA NOSTRA PAGELLA: 6/10

Francis Leo Tabios

Antihero part-time, awesome designer & artist, gamer inside.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.