Collezionismo: Barracuda – Serie secret agent

STORIE DI AGENTI SEGRETI

barracudaLa pubblicità del tempo introduceva la nuova uscita con queste parole: “BARRACUDA è il nuovo mensile che raccoglie le imprevedibili gesta di uno straordinario agente segreto“. E in fondo era così davvero. Come spesso accade, quando un genere trova uno spiraglio di fertilità, si diffonde e mette radici salde e profonde, così il tema dello spionaggio si aggrappa agli anni ’60 con bramosa tenacia. La coppia di agenti della C.I.A. Barracuda e Frollo, il suo utilissimo assistente, si prodiga in numerose incredibili avventure, le solite verrebbe da dire, probabilmente sì, ma è un gioco al quale siamo abituati. La serie si esaurisce in soli 6 numeri, la collana denominata “Secret Agent“, inizia le pubblicazioni il 30 giugno 1967 e le termina il 30 novembre.

Il fumetto è un onesto prodotto editoriale, i disegni a cura di Antonio Sciotti non sono affatto male, la mimica è molto apprezzabile e non ci sono scene o tavole trascurate, così i fondali risultano essere molto curati e ben amalgamati con i personaggi. Forse il fumetto rimane un po’ troppo verboso, i periodi sono lunghi e il pubblico non sempre apprezza soffermarsi in maniera insistita sulla stessa pagina per troppo tempo. Se non da leggere un bell’oggetto da collezionare. Interessanti le copertine.

Editore Meroni
Autori Antonio Sciotti
Prima pubblicazione 30 giugno 1967
Prima edizione italiana 30 giugno 1967
Formato 12 x 17 cm
Numero pagine 132 b/n
Poster nessuno
Adesivi nessuno
Gadget nessuno
Reperibilità
Quotazione La serie completa in ottimo stato arriva a valere € 100

COSA DEVI SAPERE:

La prima cosa che si deve sapere è che i sei numeri della serie hanno una numerazione alternata, cioè nei numeri dispari usciva la serie "Marines" contenenti gli episodi de "Gli invincibili", mentre nei numeri pari si trovava appunto il fumetto di Barracuda. Il consiglio è quello di cercarla completa evitando ricerche affannose che possono durare decenni. Lo stato di conservazione è come al solito il punto che determina il valore del singolo albo, non si registrano numeri chiave.

Riccardo Lucchesi

Tutto ha avuto inizio un giorno del 1988; ho comprato il numero 18 di Dylan Dog, Cagliostro! e non ho più smesso. Dylan ancora si trascina stanca, ma nel frattempo mi sono lasciato prendere la mano e ho invaso casa/e, non solo di fumetti ma ci ho messo un po' di sogni, di ricordi, di momenti, insomma ho misurato la mia vita tra pubblicazioni settimanali e mensili. E ora sono qua a scriverne per ricordarmi che ho fatto semplicemente la cosa giusta

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.