Collezionismo: L’Eternauta

IL SETACCIO DELLE IDEE

eternauta_presenta139Gli anni ottanta hanno rappresentato molto in termini di trovate e proposte. Moltissimi giovani autori muovevano i primissimi passi, e innovativi personaggi destinati a imprimere nella storia del fumetto un’impronta decisiva varcavano il tunnel della luce. Il fermento era tangibile, così come quel senso effimero di libertà che pareva alla portata di ogni pensiero stravagante, emancipato, infinito. Quelli della mia generazione che da ragazzi frequentavano le poche fumetterie esistenti non potevano rimanere indifferenti verso certi prodotti che popolavano gli scaffali; esistevano allora diverse riviste dedicate alle magnifiche sfaccettature che il mondo delle strisce disegnate, grandi pubblicazioni brossurate, di un formato grande, ampio, lucido, patinato.

eternautaL’Eternauta era così, un titolo che strizzava l’occhio ad un famosissimo personaggio della cultura latina dell’America, un universo parallelo che solo grazie a pochissimi fumetti avevamo intuito, difatti la rivista poneva in risalto per lo più i grandissimi autori argentini, prediligendo il filone fantascientifico, horror o di avventura. La sfilata di nomi che si successero rese onore ad autori del calibro di Segrelles, Lopez, Del Castillo, Breccia, Hermann, Corben, Mandrafina, Fernandez, Zanotto, Altuna etc. In seguito non mancarono anche eccellenze di casa nostra tipo Buzzelli, Serpieri, Trevisan, Toppi, Gaudenzi e Jacovitti. Le copertine erano varie e sempre splendenti, vibranti, circondate da un alone lucente di fronte al quale era impossibile rimanere indifferenti. L’Eternauta uscì per 189 numeri a cavallo tra il 1982 e il 1999 a cura della scomparsa casa editrice Comic Art.

eternau21


L’eternauta
L’eternauta. Il ritorno
L’eternauta, il romanzo
El Eternauta
El Eternauta 2 / The Eternauta 2

Editore Comic Art
Autori Vari autori
Prima pubblicazione 1980
Prima edizione italiana 1980
Formato cm21,4 x cm 27, 7 poi cm 21,7 x cm 31
Numero pagine da 112 a 128 pagine + copertine
Poster nessuno
Adesivi nessuno
Gadget nessuno
Reperibilità
Quotazione Completa e comprensiva del numero 0 si aggira sui 600€

COSA DEVI SAPERE:

Purtroppo questa serie non ha il seguito che meriterebbe, decaduta questa tipologia di rivista contenitore anche l'interesse per la stessa è venuto meno. Per quanti decidessero di avventurarsi in questa affascinante avventura consiglio di dare inizio dal numero più di difficile in assoluto, e forse proprio l'unico: il numero zero, uscito in edicola nel 1980. Inoltre ricordo che esisteva un supplemento allegato ad alcuni numeri della rivista chiamato SPOT, all'interno del quale autori esordienti avevano un spazio per potersi mettere in evidenza; proprio su quelle pagine è possibile incontrare le prime disavventure di Rat man di Leo Ortolani.

Riccardo Lucchesi

Tutto ha avuto inizio un giorno del 1988; ho comprato il numero 18 di Dylan Dog, Cagliostro! e non ho più smesso. Dylan ancora si trascina stanca, ma nel frattempo mi sono lasciato prendere la mano e ho invaso casa/e, non solo di fumetti ma ci ho messo un po' di sogni, di ricordi, di momenti, insomma ho misurato la mia vita tra pubblicazioni settimanali e mensili. E ora sono qua a scriverne per ricordarmi che ho fatto semplicemente la cosa giusta

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.