Recensione: Arcangelo

Editore Magic Press
Autori William Gibson e Michael St. John Smith (soggetto e sceneggiatura) e Butch Guice (disegni)
Prima pubblicazione Maggio 2016
Prima edizione italiana Ottobre 2017
Formato 17 x 26 cm brossurato
Numero pagine 128 a colori

Prezzo 15,00 euro

Quando lessi per la prima volta Neuromante fu un esperienza disturbante. Non solo l’ambientazione e l’atmosfera che si respirava nel racconto di William Gibson erano oscuri e opprimenti, la stessa narrazione era forte come un pugno nello stomaco. Finito il volume mi trovai spiazzato, era qualcosa di completamente differente da quanto avevo letto e visto fino ad allora. Era il mio primo contatto con il cyberpunk e, successivamente, avrei scoperto che proprio questo autore ne era uno dei pilastri. A distanza di anni ho sentito lo stesso colpo al ventre quando annunciarono un fumetto scritto da Gibson. Finalmente Magic Press porta in Italia un volume tremendamente atteso e la lettura non poteva attendere.

FEBBRAIO 2016, DIMENSIONE SCONOSCIUTA

Lo ammetto, sarà passato ben più di un anno, ma lo ricordavo diverso. Il mondo è devastato da quella che può sembrare la conseguenza di una guerra nucleare, nessuno esce di casa e chi si muove si tiene ben distante dalla superficie, sia viaggiando nel cielo che rintanandosi sotto terra. Un presente terribile che, forse, è troppo tardi per recuperare. Il vice presidente Henderson si è sottoposto a un’operazione di chirurgia estetica e ora si ritrova con il volto identico a quello di suo nonno. Il maggiore Torres è pronto e dà il via alla missione:  Henderson e suo padre si recheranno in una dimensione alternativa, creata grazie ai poteri del biforcatore, e prenderanno in mano la situazione per creare un nuovo governo mondiale così da vivere un nuovo avvenire senza gli errori passati. Tutto sembra andare per il verso giusto quando la Torres compromette la missione. Di chi fidarsi, come funziona il biforcatore e quali potenze ci sono in gioco? Ma, soprattutto, quale dimensione vincerà?

Questo è l’universo nel quale si svolgono le vicende raccontate nel volume. La geopolitica raggiunge un nuovo stadio spostandosi dalle forze terrestri a quelle interdimensionali. Un gioco di intrighi senza certezze ambientato durante una seconda guerra mondiale osservata da un nuovo punto di vista.

RISIKO INTERDIMENSIONALE

L’intera narrazione soffre di un grave problema di ritmo che, per quanto la regia di Guice provi a risolvere errori di sceneggiatura, non riesce a definire un preciso piano sequenziale. Le vicende si susseguono senza alcun riferimento temporale e quando la storia si gioca su due dimensioni diverse, beh, il tempo è un’indicazione con un certo peso. Parlare di viaggi nel tempo interdimensionali non è certo uno scherzo e il rischio di incorrere in grossi buchi di trama è dietro l’angolo, soprattutto se i tuoi lettori sono abituati a strutture complesse come nelle precedenti opere dell’autore.

Gibson riesce comunque a creare un intreccio avvincente e al cardiopalma, creando una miniserie che soddisfa il lettore pagina dopo pagina. Sarete messi alla prova dall’autore che, come suo solito, non mancherà di regalarvi diversi spunti di riflessione morale e civica, davanti allo spaccato di una nuova dimensione dove la distanza tra noi loro è decisamente flebile. Il volume è inoltre uno spettacolo per gli occhi non solo grazie agli ottimi disegni di Guice ma, soprattutto, grazie ai colori di Dzioba e Rodriguez.

L’edizione Magic Press si dimostra all’altezza dell’opera grazie all’inserimento di ottimi comparti redazionali ed extra. La carta spessa e di qualità dona ai colori una resa eccellente.

Arcangelo si dimostra un discreto esordio per William Gibson che si allontana dalla comfort-zone del cyberpunk per entrare in una nuova dimensione fatta di mistero e sangue versato.

PRO CONTRO
– Intreccio narrativo avvincente
– Disegni spettacolari
– Molteplici spunti di riflessione
– Ritmo a tratti sbilanciato
– Qualche problema con la credibilità dei viaggi interdimensionali

C4 MATITE:

Roberto Diglio

Sceneggiatore e, prima di tutto, accanito lettore di fumetti. Frequento la Scuola Internazionale di Comics, progetto e scrivo molteplici fumetti, studio storia e analisi della nona arte. Ogni tanto dormo e sogno di diventare un autore famoso tanto da farmi insultare da quei maledetti recensori. Nel frattempo recensisco.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.