Recensione: Blue

Blue banner

Editore Shockdom
Autori Angela Vianello
Prima pubblicazione 18 novembre 2016
Prima edizione italiana 18 novembre 2016
Formato 21 x 29,7 cm
Numero pagine 64 a colori
Prezzo 15,00 euro

Si dice che alla nascita, se veniamo immersi nell’acqua, iniziamo a nuotare. Spontaneamente. Come se in noi riemergesse il ricordo delle nostre origini primordiali. Come se, nell’acqua, ritrovassimo per un breve istante una memoria perduta.

 

PESCE FUOR D’ACQUA

blue-vignetta-aquaAqua è una liceale come tante: non ha troppa voglia di studiare, ha una persona che considera sua migliore amica, Catherine, e adora gli oggetti all’ultima moda. Ma nella città dove vive spesso avvengono delle contaminazioni via area, che costringono la sua scuola a continue evacuazioni. L’unica cosa che preoccupa Aqua e Catherine al riguardo sono le maschere che dovrebbero obbligatoriamente indossare, perché “stanno male”.

Una mattina Aqua si sveglia e nota che le sono comparsi degli strani graffi sui lati del collo, perfettamente simmetrici e che non fanno male.

Preoccupata, si fa visitare da una dottoressa e piano piano scopre che non si tratta di semplici ferite e inizia a stare sempre peggio… A meno che non si idrati molto spesso. Che cosa sta succedendo ad Aqua? E perché il bulletto della scuola d’un tratto è così interessato alla sua “malattia”?

LIFE IN PLASTIC IT’S FANTASTIC

Blue pagina 11Lo stile di disegno è fortemente influenzato dai manga, ma viene sapientemente miscelato con lo stile occidentale, creando un tratto unico ed efficace. Per quanto la Vianello non sia certo la prima a usare questo metodo (mi viene in mente LRNZ, ad esempio), basta un’occhiata per riconoscere immediatamente lo stile e a collegare il nome dell’autrice all’opera. La ragione è una: il colore. Quando mi capita di leggere un fumetto a colori, cerco sempre di rendermi conto del valore aggiunto apportato. In questo caso è immenso: la delicatezza, le sfumature e soprattutto le luci danno una vitalità particolare ai personaggi. La stessa Aqua non avrebbe senso se non vedessimo chiaramente i suoi capelli azzurri e rosa e i suoi occhi che gradualmente cambiano colore, diventando azzurri e lattiginosi. L’effetto, nonostante la carta ruvida e l’acquerello, è plastico e quasi tridimensionale.

Bisogna anche dire che il risultato complessivo è dovuto a un gran lavoro che è consistito nell’utilizzo di ben tre tecniche: matita, acquerello e digitale, rigorosamente su carta ruvida. Un plauso va fatto anche a Matteo Guadagnini per aver contribuito ai colori digitali.

Blue pagina 37TIRIAMO LE SOMME

Dopo aver letto Blue posso concludere che si tratta di un progetto ambizioso, che tratta diverse tematiche importanti, prime fra tutte il difficile periodo dell’adolescenza. Ma anche l’amicizia, la libertà e soprattutto la salute. Confesso che a volte mi è capitato di farmi distrarre dai disegni e di dover tornare a leggere il testo con più calma. E non lo dico per criticare, anzi.

Il volume è il primo capitolo della storia di Aqua. Si tratta di 64 pagine a colori, in volume cartonato. Prezzo: 15 euro. Un prezzo che secondo il mio modesto parere è tutto sommato giusto.

E inoltre vi posso assicurare che non appena avrete finito questo primo capitolo, vorrete già avere per le mani il secondo.


Blue: 1
Wake up! Aeon: 1
Under Control. Aeon: 2
Dark Side. Aeon: 3
Y&M – You and Me




LA NOSTRA PAGELLA: 7.5/10



Elena Astarita

Mi chiamo Elena e sono un' accanita lettrice di libri e fumetti. Nel 2014 ho frequentato il corso di sceneggiatura della Scuola Internazionale di Comics di Reggio Emilia e da allora cerco di farmi strada nel settore. Mi piacciono tutti i generi di storie e mi piacerebbe riuscire a sperimentare ogni mezzo possibile per raccontare le mie.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.