Recensione: Chopperman alla riscossa

Editore Shūeisha
Autori Hirofumi Takei
Prima pubblicazione 2011
Prima edizione italiana 2015 Star Comics
Formato
Numero pagine 150 pag + copertina e sovracopertina

Prezzo € 4,90

Detestabile Chopperman! Non ti permetterò più di intralciare il mio piano di conquista del mondo! Preparati!

PER TIRARE UN PO’ IL FIATO

CHOPPERMAN001One piece ci tiene compagnia oramai da quasi quindici anni. L’inesauribile vena creativa di Eiichiro Oda ci ha abituati a situazioni così bizzarre e stravaganti, e allo stesso modo profonde e impegnative, che ha proclamato il suo fumetto a icona mondiale, riconosciuto e idolatrato come si merita. Le centinaia di personaggi che abbiamo amato nelle molteplici avventure, ci hanno raccontato un universo parallelo proiettato da una mente visionaria, eppure assai simile a tanti folli e pazzi che ogni giorno ognuno di noi ha la possibilità di accostare alla propria vita. Quanto spesso avremmo voluto sapere di più, andare ancora più sotto alla ricerca di notizie più dettagliate, quasi che quei personaggi relegati ad un’esistenza di carta esistessero davvero? Hirofumi Takei, collaboratore mangaka dello stesso Oda, propone un fumetto tutto suo (storia e disegni) ispirato direttamente agli attori della saga principale, solamente rivisti e revisionati sotto una lente deformante che ce li restituisce in una veste marcatamente ironica e notevolmente più distaccata. “Chopperman alla riscossa” è una raccolta di mini avventure ambientate in una scuola elementare dove Chopper la renna è il dottore della scuola e Nami la direttrice. Tra i piccoli alunni della classe è possibile inoltre identificare molti altri protagonisti dalle sembianze infantili ma comunque delineate e riconoscibili. Le avventure non hanno minimamente lo stesso spessore di One piece, mantenendosi su un livello quasi “bambinesco” che in una certa maniera fa sorgere qualche dubbio sulla bontà del prodotto.

NIENTE DI PIU’ NIENTE DI MENO

Chopperman_preview_01L’autore del fumetto attinge a piene mani nel vocabolario grafico caro a Oda, codificandolo in un personalissimo idioma più semplice e meno magico. Il problema di fondo è che le situazioni sono innescate da motivazioni infinitamente banali nelle quali non si registra uno spirito comico atto a giustificarne la semplicità. Per intenderci, è quello che succedeva anche nel famoso manga di Akira ToriyamaDottor Slump e Arale“, con la grande e incolmabile differenza che quest’ultimo era sostenuto da gags clamorosamente stupide e allo stesso tempo irresistibili. Chopperman_preview_02La lettura è leggera e spensierata, una raccolta di pagine buona per non impegnare il cervello, per non appesantire momenti difficili della giornata, insomma un’alternativa di una ventina di minuti per distendere i nervi e godersi in santa pace una realtà deformata di quegli eroi che amiamo vedere in tutt’altro contesto. Come ulteriore considerazione, credo che si possa comprendere a tutto tondo questo prodotto osservando le pagine seguenti  la conclusione dell’ultima storia: due disegni uno da colorare e uno da completare lungo le linee tratteggiate, giochino che da sempre è rivolto verso un pubblico di bambini (cosa che ho il sospetto deve essere accaduta in Giappone), ma vera o no, tanto quando teniamo un fumetto tra le mani è proprio quello che ci sentiamo di essere, o no?


Chopperman alla riscossa
One piece. New edition: 1
One piece. New edition: 2
Chopper-man (X’mas ver.) (japan import)
Chopperman Change Color Mascot (japan import)



LA NOSTRA PAGELLA: 6/10



Riccardo Lucchesi

Tutto ha avuto inizio un giorno del 1988; ho comprato il numero 18 di Dylan Dog, Cagliostro! e non ho più smesso. Dylan ancora si trascina stanca, ma nel frattempo mi sono lasciato prendere la mano e ho invaso casa/e, non solo di fumetti ma ci ho messo un po' di sogni, di ricordi, di momenti, insomma ho misurato la mia vita tra pubblicazioni settimanali e mensili. E ora sono qua a scriverne per ricordarmi che ho fatto semplicemente la cosa giusta

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.