Recensione: Diario di un fantasma

Editore Eris Edizioni
Autori Nicolas De Crécy
Prima pubblicazione 2014
Prima edizione italiana 2017
Formato 17 x 24 cm
Numero pagine 224 in bianco e nero

Prezzo 18,00 euro

Non si preoccupi così tanto… Sì, i disegni sono più o meno dei fantasmi.

Chiudete gli occhi. Ora, donate concretezza nella vostra mente alle prime immagini che emergono. Provate a tenerle ferme, immobili, uguali a loro stesse. Difficile, vero? Non sono forse leggere, intangibili, simili a fantasmi che si muovono tra il qui e l’altrove? Avete appena sperimentato un attimo di creazione, toccato con mano quanto essa sia difficile, evanescente: avete trovato il cuore di Diario di un fantasma, di Nicolas De Crécy.

MOVIMENTO

Evanescenza, dicevo: un semplice segno grafico può assumere mille forme a seconda del punto di vista di chi guarda, come le forme nelle nuvole, distesi su di un prato, d’estate. La storia di questo volume è quella del segno grafico a lettere maiuscole , dei suoi desideri reconditi, delle sue aspirazioni, del suo pubblico e del suo autore. Perso in una terra lontana fatta di simboli ignoti, pronto a farsi sfruttare per denaro, vive il marketing come una religione: ma tutto ciò è solo figura, brand, futilità passeggera. Quando il piccolo segno informe, non ancora maturo, sogna nel suo riposo, solo allora riflette in sé stesso, su sé stesso, e da vita all’arte.

SCELTE

Tre sono gli incontri che marcano il suo percorso: il manager pubblicitario, l’agente grafica e l’autore. Il primo è la commercialità dozzinale che ci invade, la seconda lo sforzo estetico e l’ispirazione (la Musa), il terzo la volontà: sono le facce dell’arte contemporanea, gli attori che partecipano a questo grande gioco. Ma è proprio l’autore, in quanto tale, a capovolgerlo, a deciderne le regole, i modi, le tecniche, influenzando non solo il comparto grafico ma anche quello narrativo. Realismo, surrealismo, documentarismo, segni filtrati dal proprio Io, dal colore, dal pennino, dal giorno e dalla notte: tutto è possibile, tutto è ora, tutto è scelta. Nicolas De Crécy interroga così sé stesso, la propria produzione e la Nona Arte, un tassello nel grande mondo della riflessione metafumettistica.


Diario di un fantasma
Il celestiale bibendum
La repubblica del Catch
Quello che mi sta succedendo
E così conoscerai l’universo e gli dei



LA NOSTRA PAGELLA: 8/10



Andrea Tondi

Filologo romanzo, vive nel suo mondo fatto di cavalieri e avventure mistiche nella foresta. Quando torna nel mondo reale, scrive di fumetti.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.