Recensione: Dylan Dog e Sherlock Holmes: indagare l’incubo

Dylan Dog e Sherlock Holmes - Seconda edizione banner

Editore Nicola Pesce Editore
Autori Luigi Siviero
Prima pubblicazione Ottobre 2012 (prima edizione), settembre 2016 (seconda edizione)
Prima edizione italiana Ottobre 2012 (prima edizione), settembre 2016 (seconda edizione)
Formato 15 x 21 cm, brossurato
Numero pagine 256 in b/n
Prezzo 16,90 euro

Questo libro non è solo una guida al labirintico universo di Dylan Dog, ma un saggio che getta nuova luce sui significati profondi della serie, sulle ragioni che hanno fatto il più grande e innovativo successo del fumetto italiano degli ultimi trent’anni. 

INDAGARE L’INCUBO

Dylan Dog e Sherlock Holmes - Seconda edizione fronteDestrutturare un fumetto spesso può essere controproducente. Tutto si riduce ad una fredda analisi in cui gli elementi e i personaggi, che hanno emozionato un numero sconfinato di lettori, perdono la loro forza. Si rischia di ritrovarsi a leggere un noiosissimo elenco di dettagli cui, onestamente, si può fare a meno. Adesso, prendete questo breve incipit e cancellatelo dalla vostra memoria perché con il volume Dylan Dog e Sherlock Holmes: indagare l’incubo, scritto da Luigi Siviero, edito da Npe, ci si può solo immergere nel mondo del celebre Indagatore dell’incubo e amarlo come mai prima.

La cura con cui è analizzata la nascita, l’ascesa e l’evoluzione del personaggio ideato nel lontano 1986 da Tiziano Sclavi rende il volume un piccolo must per chi ama l’inquilino di Craven Road, ma non solo; anche chi è a digiuno dell’icona fumettistica anni ’90 può ritenere il volume un buon punto di partenza per conoscerne le origini.

Siviero apre la sua analisi con un excursus sulla vita di Sclavi. La sua formazione, i suoi studi, gli ambienti che ha frequentato, i primi lavori editoriali permettono al lettore di avere un quadro perfettamente chiaro dell’idea che ci fu alla base della nascita della prima serie horror in casa Bonelli. In alcuni punti del primo capitolo (Tiziano Sclavi e Dylan Dog) la spiegazione della nascita del personaggio diventa avvincente e fluida al punto da sembrare quasi un racconto di quelli che i cultori della serie conoscono bene.

Ancor più interessante è l’analisi dettagliata e approfondita di alcune storie che hanno reso Dylan Dog un cult; Morgana e Storia di Nessuno su tutte. Destrutturare pagina dopo pagina, svelare alcuni trick narrativi, spiattellare tutte le citazioni e i riferimenti ad un mondo letterario spesso lontano dalla consuetudine dei lettori di fumetti, in questo caso, è un meccanismo talmente efficace che – personalmente – mi ha spinto a rileggere le storie analizzate confrontandole con le teorie di Siviero.

Il terzo capitolo (Struttura narrativa di Dylan Dog) mostra come la narrazione di Tiziano Sclavi sia sempre diversa; in alcune storie parte da un punto e giunge alla fine catapultando il lettore in un gioco di rimandi e realtà che diventano sogni e viceversa. Siviero dimostra come Sclavi riesca a creare mondi narrativi che somigliano quasi alla realtà ideata da Nolan in Inception, per poi passare a vicende malinconie e ancorate al passato del personaggio (Il lungo addio, Il lago nel cielo, Finché morte non vi separi) che fanno breccia nel cuore di chi ama Dylan in ogni suo aspetto.

DYLAN & SHERLOCK

Dylan Dog e Sherlock Holmes - Seconda edizione retroCosa c’entra la leggendaria figura ideata da Arthur Conan Doyle con questo mondo pieno di incubi? Sherlock Holmes, scrive Siviero, è il capostipite del detective deduttivo, è figlio del positivismo filosofico della metà dell’Ottocento, mentre Dylan Dog è figlio della crisi di questo pensiero. Due personaggi antitetici e allo stesso tempo simili su più livelli; le indagini di Dylan sono totalmente diverse da quelle di Holmes, le atmosfere sono più oniriche e inquietanti, eppure il personaggio di Sclavi mantiene un brio e un’ironia di fondo che pervade anche le sue storie più scure.

Il quarto capitolo (Da Sherlock Holmes a Dylan Dog) è probabilmente tra i più interessanti proposti dall’autore; non solo spiega chiaramente il metodo abduttivo utilizzato da Doyle nei suoi racconti, ma dimostra anche come Sclavi nelle sue storie riesca ad utilizzarlo e allo stesso tempo ribaltarlo. Spesso alcune vicende in cui è calato l’Indagatore dell’incubo sembrano totalmente casuali e derivate da fortuite coincidenze, invece, analizzandole, scopriamo quanta maestria abbia usato Sclavi nella definizione delle sceneggiature.

Il volume, pubblicato per la prima volta nel 2012, torna in libreria in concomitanza con i festeggiamenti del trentennale di Dylan Dog. Non è un canonico saggio esclusivamente sul percorso editoriale del personaggio, è molto altro, è un mondo che ha dentro un mondo che porta ancora con se altri mondi. E con questo continuo generarsi di nuove dimensioni vi lascio con la solita domanda.
Consiglieresti l’acquisto? Elementare! Ovvio che sì.

L’autore del libro

Luigi Siviero è nato a Trento il 6 giugno 1977. Laureato in giurisprudenza. Ha realizzato il breve saggio Analisi del fumetto. La composizione delle coppie di tavole (Abigail Press, 2007), il fumetto sperimentale (C6H10O5)n (Abigail Press, 2009) e degli interventi critici pubblicati nell’antologia Garth Ennis. Nessuna pietà agli eroi (Edizioni XII, 2010) e nel catalogo della mostra Interni immaginari dedicata ad Ausonia dal festival Lucca Comics & Games (Associazione culturale DOUble SHOt, 2010).
Nel 2012 è uscito Dylan Dog e Sherlock Holmes: indagare l’incubo (Edizioni NPE), un libro che contiene un’analisi del Dylan Dog di Tiziano Sclavi accompagnata da un’intervista al creatore dell’indagatore dell’incubo.
Nel 2013 è stato pubblicato il saggio Dall’11 settembre a Barack Obama. La storia contemporanea nei fumetti (Edizioni NPE), dedicato ai fumetti che hanno come temi gli attentati terroristici dell’11 settembre 2001 e la Guerra al Terrore.
Ha pubblicato racconti, poesie, fumetti e articoli nelle riviste «Lahar Magazine», «Fumo di China» e «Trentino Mese», nei siti Fumetti di Carta, Lo Spazio Bianco e BilBOlBul e in diverse antologie.
Nel 2016 ha vinto il Premio Fogazzaro nella sezione Microletteratura e social network – Premio speciale umorismo.


Dylan Dog e Sherlock Holmes: indagare l’incubo. Il tramonto del detective nell’opera di Tiziano Sclavi
Dall’11 settembre a Barack Obama. La storia contemporanea nei fumetti
Pecché. La fabbrica dell’incubo (L’incubatrice)
Tex. I predatori del deserto
Tex. Fiumi di china italiana in deserti americani




LA NOSTRA PAGELLA: 7/10



Luigi Formola

27 Luglio 1986. Musicista, scrittore e comunicatore. All'età di otto anni mi divertivo a riscrivere i climax di molti film. A dodici anni scelgo Dylan Dog come costante della mia vita. A vent'anni, l'università, Scienze della Comunicazione, una tesi sulla correlazione degli stili di vita e le marche. A ventun'anni la mia prima ed unica band i Dreamway Tales. Nel 2013 studio sceneggiatura alla Scuola Internazionale di Comics di Roma. Attualmente collaboro con la NPE, come traduttore e autore, e sono al lavoro sul mio primo romanzo con l'agenzia letteraria TZLA.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.