Recensione: Fafhrd e il Gray Mouser #1 – Brutto incontro a Lankmar

fafhrd-e-il-gray-mouser-001

Editore Editoriale Cosmo
Autori Fritz Leiber, Howard Chaykin, Mike Mignola e Al Williamson
Prima pubblicazione 1991
Prima edizione italiana Settembre 2016
Formato 16 x 21 cm
Numero pagine 98
Prezzo 4,90 euro

Abbastanza invitati per un gran banchetto, diceva… E non dimenticare il bottino.

C’è stato un tempo decadente, fra Età della Pietra e oscuro Medioevo. C’è stata una città,  Lankhmar, fetida come una fogna, corrotta dai ladri, immersa nel languore della notte. Ci sono stati due avventurieri, e i loro viaggi da mercenari. Stiamo parlando di Fafhrd e il Gray Mouser, miniserie sword & sorcery pubblicata da Editoriale Cosmo e realizzata da Howard Chaykin, Al Williamson e un giovane Mike Mignola, adattamento di una serie fantastica degli anni ’50 del celebre Fritz Leiber.

LA TRAMA

10686Fafhrd, uomo del Nord, alto, rude e rossiccio, incontra un giorno il noto Gray Mouser (l’Acchiappatopi), minuscolo ragazzo del Sud dalla pelle olivastra e la furbizia sconfinata. Entrambi si ritrovano a braccare la Gilda dei Ladri per differenti motivi, ma una schermaglia in città dona vita a un compagnonaggio solido e istantaneo: i due, molti diversi sotto ogni aspetto eppur spregiudicati, amanti dell’alcol e del gioco, creano un’alchimia di spirito perfetta. Vlana, puttana amante di Fafhrd e Ivrian, figlia di duca e compagna del giovane Ladro di tappeti e Signore delle stoffe (come viene conosciuto a Lankhmar), sproneranno per sfida gli avventurieri ha sovvertire l’ordine corrotto della Gilda. Da qui scaturiranno una serie di incontri e viaggi dal sapore mistico, paure secolari e mondi esotici, pronti ad appagare il voyeurismo del lettore e la fama di novità dei protagonisti.

MISTERI & VIAGGI ESOTICI

mignolaillmetbs_7764La trama ricalca quella di migliaia di romanzi di genere: un mondo in rovina, protagonisti senza paura, ribaldi e avventati, magia, mistero, amore e morte. Eppure, personalmente, ho ceduto al fascino di questa miniserie per un semplice motivo. È il maestro Mignola, le cui matite inconfondibili danno vita ad un’atmosfera surreale e profondamente immersiva. La vista viene infatti appagata dagli spaccati del fumettista americano, che spaziano dall’interno cittadino colmo di catapecchie, al lontano est dorato, fino ad una splendida splash-page notturna. Chi legge desidera averne di più, scoprire con Fafhrd e Mouser altri luoghi, o meglio non-luoghi, paesaggi densi di pericoli e incontri enigmatici. In questo primo volume di due, la cui composizione è particolare riguardo ai suoi meccanismi narrativi, credo che la terza e ultima storia sia meritevole sia per creatività che per rappresentazione: da un elemento classico come degli sconosciuti ululati, si arriva ad una risoluzione del caso non banale e avvincente, che apre la porta al secondo arco narrativo della saga, atteso per novembre.

tthb8mi0fwwpkyntixuf


Fafhrd & the Gray Mouser: 1
L’ultimo dio. Ragnarok: 1
Steve Canyon. Tavole giornaliere domenicali 1947-1948
The complete Dick Tracy: 1
Evil Empire: 1




LA NOSTRA PAGELLA: 7.8/10



Andrea Tondi

Filologo romanzo, vive nel suo mondo fatto di cavalieri e avventure mistiche nella foresta. Quando torna nel mondo reale, scrive di fumetti.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.