Recensione: Fidanzato vampiro

Editore Shockdom
Autori Tiziana De Piero
Prima pubblicazione 2015
Prima edizione italiana 2015
Formato 16×23
Numero pagine 128

Prezzo € 10,00

Non pare intenzionato a ucciderti, piuttosto a violarti.
Ma suppongo gli sia impossibile.

A meno che non sia di quel tipo di vampiri che popolano i vostri romanzetti. Quelli che luccicano e ingravidano donne mortali.
– da “Fidanzato vampiro”

VAMPIRI? ANCORA?

Dove sono finiti i vampiri che fanno paura? Converrete che, nell’ultima decade, il vampiro è passato da creatura della notte in grado di turbare i sogni dei bambini a tronista appena uscito dall’ultima puntata di Uomini e Donne. Proprio per questo, nel momento in cui ho sentito nominare per la prima volta Fidanzato vampiro l’ho guardato con una marcata nota di scetticismo. Volevo davvero leggere una sorta di shojo occidentale che mi racconta l’amore tra la belloccia di turno e un succhiasangue?

PER QUESTA VOLTA…

No, non volevo. Però, in vista dell’incontro con Tiziana De Piero a C4 Comic Meets the Web, volevo capire di che cosa si trattasse: in fondo, parto sempre dal presupposto – scontato nella teoria ma non così semplice da rispettare – che non puoi sapere com’è un’opera senza averla letta. Così facendo, ho scoperto che la De Piero deride proprio i “glitter vampiri” del ventunesimo secolo, mettendo alla berlina tutta quella sterminata produzione che ha invaso librerie e store di ogni genere, guidata da Twilight e supportata da True Blood, The Vampire Diaries e chi più ne ha più ne metta.
FVSi intuisce già dalle prime pagine del fumetto che Fidanzato vampiro è una storia fuori dagli schemi tipici del genere. Non c’è romanticismo melenso, non c’è testosterone straripante, non ci sono frasi mielose e strappalacrime. Fidanzato Vampiro è, al contrario, una parodia di tutti queste caratteristiche, capace di prendere in giro un tipo di narrativa frivola con una vivacità che riesce nella difficile impresa di non scadere nella scontatezza: Nina è effettivamente una bella ragazza e Vladimiro è un vampiro, ma sono quanto di più lontano ci possa essere dai rispettivi stereotipi. Lui, appena uscito da una bara, parla ancora un linguaggio antico due secoli che Tiziana riesce a maneggiare benissimo, rendendolo preciso ma non pesante, divertente ma non monotono. Nina è una bella ragazza che vive l’età più superficiale della propria vita, ma di questa frivolezza non viene fatto il centro della storia: al contrario, è la stessa narrazione a mettere in ridicolo i momenti più leggeri della vicenda e proprio Vladimiro, con la propria evidente sensazione di inadeguatezza, smorza e bilancia gli aspetti più superficiali della sua amata.

… MI CONCEDO UN BUON FUMETTO

“Fidanzato Vampiro” si pone una semplice domanda che riesce a dare alla storia una ragione d’essere: come sarebbe avere “per davvero” una storia con un vampiro? Se state sorridendo, siete nel giusto mood: anche l’autrice prende in giro la questione e lo mette in chiaro sin da subito, presentandoci le amiche di Nina con relativi fidanzati altrettanto mostruosi. Da qua in poi, la ricetta è semplice ed efficace: situazioni normali vissute da personaggi paradossali. Non è naturalmente tutto qua: d’altra parte tutto ciò che è semplice diventa efficace solo se viene declinato in modo originale, e la De Piero ci riesce sempre.
Il risultato è una lettura fuori dai canoni del proprio genere, capace di divertire riuscendo a illuminare situazioni piuttosto standard – e per questo molto esposte al rischio di cadere nella monotonia – con uscite frizzanti e spesso inattese: mi è capitato più volte di trovarmi a leggere “la solita situazione” con poche aspettative e infine a sorridere divertito per la trovata dell’autrice. Trattandosi del primo di tre volumi, ora resta da capire se e come la De Piero riuscirà a rinnovarsi nelle prossime uscite: di certo la formula sfruttata per il primo volume dovrà essere riproposta, ma è altrettanto prevedibile pensare che, fossilizzandosi sul solito schema per un intero secondo volume, la cosa potrebbe venire a noia.
fv2Anche da questo punto di vista, però, c’è un punto a favore dell’autrice. Per quanto, da parte mia, abbia trovato il finale un po’ approssimativo, in particolare per via del ruolo di grande importanza giocato da un personaggio che nella narrazione compare relativamente tardi e, ancor più, nel momento di uno scambio di persona a mio avviso poco credibile, il libro si chiude portando in primo piano quella sofferenza latente che, pur nel contesto generalmente goliardico, si può cogliere nel corso di tutta l’opera negli occhi di Vladimiro.
Le potenzialità per proseguire in modo interessante una saga iniziata bene ci sono tutte: Shockdom propone questo primo volume in un’edizione molto curata sia nella copertina sia per la scelta della carta utilizzata. Consigliato sicuramente a tutti gli amanti delle parodie condite da un pizzico di romanticismo e dalla giusta dose di acidità, Fidanzato vampiro potrebbe essere una lettura piacevole anche per chi i glitter vampiri li ha amati e, proprio per questo, è curioso di scoprire qualcosa di diverso.


Fidanzato Vampiro
Fidanzato Vampiro
Fidanzato Vampiro – Episodio 1
Fidanzato Vampiro – Episodio 2
Fidanzato Vampiro – Episodio 4

C4 MATITE:

Nicholas Venè

Leggo, scrivo, gioco, guardo, commento. Osservo e prendo appunti, provando a fare cose.

Potrebbero interessarti anche...

Nessuna Risposta

  1. 27 settembre 2015

    […] Nostra ospite al C4 Comic Meets the Web con LucioP, Batawp e Prenzy (i Pee Show), Tiziana De Piero (Fidanzato Vampiro) e Stefano Antonucci (Gesù – La Trilogia, V for Vangelo), ma anche con il suo proprietario e […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.