Recensione: Il kung fu per imprenditori del maestro Yan

Editore Tunué
Autori David Cantolla (sceneggiatura), Juan Díaz-Faes (disegno)
Prima pubblicazione 2012
Prima edizione italiana 2015
Formato 15×21
Numero pagine 288 pp.

Prezzo 12,90 euro

Viviamo in un’epoca di cambiamenti. Bisogna reinventarsi.
– da Il kung fu per imprenditori del maestro Yan

UNA TESTIMONIANZA IMPORTANTE

il-kung-fu-per-imprenditori-del-maestro-yanQuella di David Cantolla è una di quelle storie che fanno tirare un sospiro di sollievo a chi versa in pessime situazioni. Una di quelle storie che infondono nel lettore una ormai sconosciuta chiamata speranza.
Per chi non conoscesse questo personaggio, Cantolla è il creatore della serie animata spagnola Pocoyo. Prima di spopolare in tutto il mondo con la serie per l’infanzia dovete sapere che quest’uomo ha toccato il fondo per poi risalire con incredibile capacità e voglia di riscatto.
Il Kung Fu per imprenditori del maestro Yan racconterà la storia di un imprenditore decaduto in grado di reinventarsi e di riportarsi in carreggiata a dispetto della crisi e del poco aiuto ricevuto dalle banche. In un periodo come quello che sta attraversando il nostro paese, testimonianze come quella di David Cantolla sono una vera e propria manna dal cielo. Come si suol dire: se uno su mille ce la fa, tanto vale tentare!

LA SCELTA GIUSTA?

kung-fuL’imprenditore ha deciso di raccontare il proprio vissuto attraverso un graphic novel con l’aiuto di Juan Dìaz-Faes ai disegni.
Per quanto Cantolla sia un personaggio geniale, tuttavia, a parere di chi scrive in quest’opera non riesce a imbrigliare il media fumetto.
La gestione del tempo è disordinata e confusionaria, il ritmo è continuamente spezzato da spiegazioni tecniche riguardanti la borsa che per un non appassionato della materia alla lunga annoiano. Lo stile dei disegni non convince in rapporto al tema trattato, non riescendo ad alleggerire una trama a tratti pesante. Certo, non tutto è da buttare. Ci sono parti di questo graphic novel che da sole reggono il peso dell’intera opera, in particolar modo quelle  in cui Cantolla racconta stralci di autentica vita quotidiana.
Purtroppo la sensazione complessiva è che nel tentativo di raccontare sia l’uomo che l’imprenditore ci sisia un po’ persi per strada.

UNA STORIA CHE MERITA D’ESSERE ASCOLTATA

kung2Nonostante  i difetti sopra elencati Il Kung Fu per imprenditori del maestro Yan saprà emozionarvi e soprattutto insegnarvi molto.
Cantolla, con tutti gli alti e i bassi del caso, compone una vera e propria ode alla vita, alla capacità di rialzarsi dopo essere caduti e alla perseveranza degli spiriti forti. Se siete in un periodo di secca in cui la vostra vita è un mix di porte chiuse, di “le faremo sapere” e di “no”, allora questo fumetto fa il caso vostro e vi mostrerà la retta via per rialzarvi e con vigore tentare ancora, in maniera persino più determinata .
Se Steve Jobs rappresenta colui che con le proprie capacità è riuscito a fondare un impero, David Cantolla rappresenta chi si è realizzato attraverso la capacità di reinventarsi.


Il kung fu per imprenditori del maestro Yan
L’isola senza sorriso
Oliver Twist: 1
Rughe
Watersnakes



LA NOSTRA PAGELLA: 5.5/10



Jacopo Cerretti

Classe '90, cresciuto a pane (tanto) e comics con approccio disinteressato, negli ultimi 3 anni ho sviluppato un vero e proprio amore per il fumetto grazie in primis all'indagatore dell'incubo, i colleghi di casa Bonelli e alle poesie grafiche di Gipi.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.