Recensione: Jones e altri sogni

Jones 3

Editore Rizzoli Lizard
Autori Franco Matticchio
Prima pubblicazione 2016
Prima edizione italiana 2016
Formato 26 x 19 cm
Numero pagine 256
Prezzo 25,00 euro

THE BALLAD…

Jones 1I racconti sulla vita e sulla carriera di Franco Matticchio ci parlano di un uomo, un artista, schivo e lontano dalle logiche forzatamente sovraespositive che ormai coinvolgono una certa fetta del fumetto e dell’illustrazione, capace di far divenire la sua timidezza proverbiale. Dopo aver esordito sulle pagine del Corriere della Sera, comincia nel 1986 la sua collaborazione Linus arrivando alla creazione del suo lavoro più celebre, Mr. Jones. La sua lunga ascesa lo ha portato con il tempo a raggiungere il The New Yorker (1999), per il quale ha realizzato una cover, e la Biennale di Venezia (2011).

Rizzoli Lizard ha recentemente ristampato tutta la produzione che riguarda l’istrionico gatto antropomorfo, in uno splendido volume cartonato.
Jones e altri sogni è il ritratto di un personaggio dalle mille sfaccettature, a metà tra il racconto sognante di Little Nemo in Slumberland di Windsor McCayFritz il Gatto di Robert Crumb, suddiviso in storie di media o breve lunghezza intervallate da illustrazioni.
Il protagonista, eterno fanciullo in continua lotta con i demoni del sonno (tra cui un malvagio cuscino), ci cala nel suo mondo di fantasia dove la realtà e la fantasia sono divise da un filo sottile. Da una tranquilla gita all’inferno al fianco del suo misterioso amico Bull Dog, fino ad un salto in una dimensione dove tutti i personaggi parlano al contrario.

…OF A THIN…

Jones 4L’eleganza unica di questo prodotto traspare fin dalle prime pagine, il disegno arricchito da uno stile dedito al tratteggio accompagna un testo volutamente scarno e privo di sottotesti che provano ad analizzare lo scibile. Jones e i suoi amici sono dei fini conoscitori della realtà, che la raccontano in maniera fredda e distaccata. La ricerca del Mostro di Lochness o il fantomatico John Fitzgerald Jones Show sono il simbolo di una disillusione verso la follia dell’uomo, che si riversa nell’ostentata ricerca della verità dietro alle leggende metropolitane o in assurdi talk show televisivi dove gli strambi ospiti invitati, come il folle cavallo Samuel Beck, il Signor Ahi o il Professor Triceratopo non destano più scalpore nello spettatore medio.

Matticchio attinge a piene mani da diversi medium per le ispirazioni delle sue storie, se da un lato The Ballad of a Thin Man di Bob Dylan (1965) sembra aver aiutato nella progettazione dell’aspetto del personaggio catapultato in una dimensione carica di stranezze che lo disorientano, Samuel Beckett la sua profonda analisi della dialettica, l’importanza fornita alla mimica e al silenzio ci forniscono un quadro completo sull’unità d’intenti della poetica dell’artista. Come se non bastasse bisogna aggiungere a questo elenco il fermentare nel nostro paese di un certo tipo di fumetto sperimentale, che parte da Krazy Kat fino ad arrivare a Maus, e che sicuramente lo ha aiutato nei 6 anni che lo hanno visto popolare le pagine del giornale di Snoopy.

Jones 2…CAT.

Una frase, che potete scovare nel retro del vostro volume mi ha segnato particolarmente durante la lettura “Franco Matticchio, il più grande tesoro nascosto del disegno italiano”. Parlando di grandi nomi che hanno contribuito alla crescita artistica della Nona Arte sulla nostra penisola, questo autore è spesso volutamente ignorato. Forse per la sua natura introversa ed estrosa, forse per il poco risalto avuto durante anni di infinite ristampe e riedizioni. Trovo doveroso un plauso a Rizzoli Lizard per la scommessa e per aver accompagnato un ragazzo nella scoperta di un MAESTRO nel vero senso della parola.


Jones e altri sogni
Polpette spaziali
Corto Maltese. Una ballata del mare salato
S. La nave di Teseo di V. M. Straka
Qui




LA NOSTRA PAGELLA: 8.7/10



Pietro Badiali

Nato e cresciuto con Batman-The Animated Series ed i film di Tim Burton mi approccio ai fumetti anche grazie ai supereroi. Alla 150esima resurrezione decido di lanciarmi anche in altri campi. Ora sono un onnivoro: manga, graphic novel, BD, comics...l'importante è la qualità.

Potrebbero interessarti anche...

1 Risposta

  1. 24 agosto 2016

    […] Franco Matticchio Jones e altri sogni […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.