Recensione: Mors Tua #1 e #2

Editore Douglas Edizioni
Autori Giuseppe Andreozzi (testi), Giovanni Lucarelli (disegni e copertina)
Prima pubblicazione Morte che cammina – Maggio 2014, Il gene dell’estinzione – Ottobre 2014
Prima edizione italiana Morte che cammina – Maggio 2014, Il gene dell’estinzione – Ottobre 2014
Formato 16,8 x 24 cm
Numero pagine 44

Prezzo € 3,50 (Morte che cammina) – € 4,50 (Il gene dell’estinzione)

MORS TUA

downloadFacciamo il gioco delle associazioni a tema Zombie. Se dicessi Centro commerciale rispondereste Romero, se dicessi metropoli, sceriffo e Qualcuno ha visto Carl? rispondereste Kirman o The Walking Dead, se dicessi scimpanzé e virus rispondereste Boyle e i suoi 28 giorni dopo. E se invece dicessi Val Gardena? Ecco, lo sapevo. Vi ho spiazzati. Stiamo parlando di Mors Tua la miniserie post-apocalittica ambientata in Italia realizzata dal duo di autori partenopei Giuseppe Andreozzi e Giovanni Lucarelli (già visti all’opera su Verticalismi con Il problema di Dick) e edita dalla Douglas Edizioni. Ehi, ehi ehi! Non sbuffate. Ho visto che avete appena esclamato Che palle un’altra serie sugli zombie, ma devo smentirvi. Si, i coprotagonisti taciturni sono proprio loro, gli insaziabili mangiacarne, eppure gli autori hanno saputo muoversi in direzioni diverse e ancora poco esplorate sul tema.

Le roboanti narrazioni americane ci hanno abituato a storie di zombie ambientate in grandi metropoli e luoghi affollati, proprio per rendere la presenza degli erranti una minaccia costante. Mors Tua si svolge tra i monti (e le caprette che fanno ciao), e nonostante la presenza degli zombie sia numericamente limitata riesce a trasmettere il terrore per un mondo che è giunto al termine.

LA NASCITA E I PERSONAGGI

download (1)Giuseppe Andreozzi, autore dei testi, ha sottolineato che Mors Tua nasce da una commistione di alcuni suoi racconti sul tema e derivata dalla passione per autori come McCarthy e il suo La strada; stuzzicata l’attenzione di Marco Chiucchiarelli, editore della Douglas, insieme hanno posto le basi per le innevate avventure di un ristretto gruppo di sopravvissuti. Dimenticate le grandi carovane alla The Walking Dead, i protagonisti di Mors Tua sono pochissimi, e almeno nei primi due numeri (presentati rispettivamente a Napoli Comicon 2014 e Lucca Comics & Games 2014), si muovono su due linee narrative differenti.

Da un lato abbiamo la glaciale Iulia, calata perfettamente nel mondo in cui si trova, agendo e mai scappando, cercando di limitare gli incontri con gli zombie e ritrovandosi sempre a fronteggiarli. Insieme a Iulia ritroviamo Emma e Adele, madre e figlia, ancora impaurite dal nuovo assetto del mondo, propense alla ricerca di un posto in cui fermarsi e riprendere a vivere piuttosto che muoversi continuamente. Dall’altro lato abbiamo Giorgio, un uomo imprigionato da una banda che cerca di scoprire come sopravvivere e che mostra la perdita dell’umanità dell’essere umano di fronte ad un problema (gli zombie) senza soluzione. Le due storylines rappresentato due aspetti diversi di una stessa situazione. La voglia di tornare ad essere una famiglia e la sopravvivenza a costo della vita altrui. Imprescindibile dimenticare che vale la legge Mors Tua, Vita Mea, soprattutto Giorgio in entrambi i volumi si troverà ad essere ripetutamente vittima di questo concetto.

MORTE CHE CAMMINA…COGLIE IL CENTRO. 

download (2)Leggere Mors Tua è una nuova esperienza per gli amanti del genere. C’è però un cartello con scritto Warning grande quanto una casa. Il ritmo stabilito dall’autore dilata la narrazione, ponendo quasi le basi per una serie molto lunga. La lunga serialità ci ha danneggiato tutti come lettori/fruitori, invece Mors Tua si concluderà con il numero quattro. Delusione e ammirazione, la prima perché terminerà una storia di cui si vuole sapere di più, la seconda perché Giuseppe Andreozzi è riuscito, in soli due volumi, a incuriosire sul passato dei personaggi. Quando il contesto diventa secondario, e i personaggi hanno la meglio, c’è una sola risposta: la narrazione funziona, e fa porre domande cui solo l’autore potrebbe rispondere. E infine i dialoghi, alcuni stereotipati perché derivano da una tradizione lunga ormai quarant’anni, ma efficaci e ben piazzati. Riuscire ad anticipare alcune battute durante la lettura non significa che l’autore ha fatto un lavoro sciatto, bensì dimostra di conoscere bene il mondo dei mangiacarne e affini.

Merito della riuscita dei volumi è anche della controparte grafica. I disegni di Giovanni Lucarelli sono perfettamente in linea con il tema di Mors Tua. Le tavole, che trasudano toni di grigio oltre il visibile, sono interessanti, sia per la struttura che per il dinamismo dei protagonisti. Splendide le numerose splash page che si trovano nei due volumi e le due tavole di apertura a colori. La seguente affermazione è banale ma necessaria: le sequenze che mostrano la bravura di Lucarelli sono infarcite di zombie e di azione.

MORS TUA 3: NAPOLI COMICON 201505_Mors_Tua_3-1

Adesso, vi vedo. Non state più sbuffando, anzi siete interessati.  La serie Mors Tua è acquistabile ed ordinabile nelle fumetterie o attraverso il sito di Alessandro Editore o attraverso la Douglas, passando anche nella sede a Napoli.

E volete saperne di più? Non perdete la presentazione del numero tre Pollice Versum al Napoli Comicon 2015 in data Sabato 02 Maggio alle ore 18. Motivo in più per non mancare? A moderare ci saranno i Nirkiop. Cosa volete di più? Un giretto in Val Gardena in compagnia degli zombie?

Buona Mors Tua a tutti.


Morte che cammina. Mors tua: 1
Il gene dell’estinzione. Mors tua: 2
La scelta
L’amore è…

C4 MATITE:

Luigi Formola

27 Luglio 1986. Musicista, scrittore e comunicatore. All'età di otto anni si diverte a riscrivere i climax di molti film. A dodici anni sceglie Dylan Dog come costante della sua vita. A vent'anni, l'università, Scienze della Comunicazione, una tesi sulla correlazione degli stili di vita e le marche. Nel 2013 studia sceneggiatura alla Scuola Internazionale di Comics di Roma. Nel 2015 e 2016 tiene un ciclo di lezioni sulla scrittura al S.O.B. per il corso di perfezionamento "Editoria per l'infanzia e il pubblico giovanile". Attualmente, collabora con la NPE, come traduttore e autore, è al lavoro sul primo romanzo con l'agenzia letteraria TZLA, e scrive un fantasy su Wattpad dal titolo "Ray Owlers, oltre il buio."

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.