Recensione: Nanowar – I custodi dell’acciaio inox #1

Editore Magic Press Edizioni
Autori Roberto Cirincione, Carlo Alberto Fiaschi, Walter Baiamonte e Stefano Valentini
Prima pubblicazione Ottobre 2016
Prima edizione italiana Ottobre 2016
Formato 17 x 26 cm spillato
Numero pagine 48

Prezzo 6,66 euro

HAPPY METAL IL MIO FOLK

Chi non conosca i Nanowar of Steel corra, e in fretta, a sciacquarsi il volto con metallo fuso. Tutti glinanowar_cover-1 altri lo bevano direttamente da boccali in pietra. Ora potete continuare nella lettura.

La band happy metal fonde le anime con Magic Press dando vita a una vigorosa serie a fumetti con protagonista il sex symbol delle televendite, quel Giorgio Mastrota protagonista del loro pezzo “Giorgio Mastrota – The Keeper of Inox Steel” che in questa serie cerca di entrare a Phonopolis, città multimusicale in cui ogni genere di musica convive liberamente con gli altri, a bordo di un aereo pilotato da Bruce Dickinson e il buon Eddie. Ma la sua vocazione per le pentole d’acciaio segnerà il suo destino.

ACE OF PADELLES

Il primo numero della serie è piuttosto scoppiettante. Vi ritroverete a seguire una movimentata serie di eventi che culmineranno in un’esplosione di energia, proprio come un brano metal, il tutto arricchito dagli arpeggi ironici e dalle pennellate citazioniste in pieno stile Nanowar: Richard Benson, Barbie, Mark Lenders, il film Up e un certo B.B.R (pronunciate le lettere all’inglese) sono veri e propri motori rombanti dell’azione. Il fumetto diviene così un ribaltamento della nostra realtà in un calderone fantastico, ove tutto è possibile, dove una speranza di puro rock’n’roll è ancora auspicabile. Ecco, I custodi dell’acciaio Inox punta proprio a quegli appassionati che si battono ogni giorno contro la bassezza musicale dilagante.

nanowar

ROCKAWAY COMIC

A livello di trama, se scremiamo la forte personalità del gruppo e la contaminazione di riferimenti culturali, ci troviamo di fronte a un corso di eventi piuttosto leggero. Diciamo che queste sono le origini dei super poteri del protagonista, il finale lascia intravedere spiragli di antagonisti alle spalle e non resta che augurarsi una buona solidità per tutto l’arco narrativo.  In fondo tutto il progetto ruota attorno all’acciaio inossidabile.

Le basi, per ora, si fondano soprattutto sulla comicità e sulla riverenza al trash. Una nota di merito va ai disegni e alla colorazione luminosa che rende molto piacevole e lascia scorrere la lettura.

In sostanza, un prodotto per una ben precisa nicchia, da evitare se pensate che Sanremo sia un festival di alto profilo musicale. Occhio, qua e là ci sono richiami ai brani della band stessa: urge un ripasso!

 
Nanowar. I custodi dell’acciaio inox: 1
La scintilla. Simple & Madama
Felinia. Il demone dei 30 anni
Jenus di Nazareth. Redux. Leo Ortolani variant: 1
Jenus presenta. Exodus

C4 MATITE:

Orzo Nimai

Mi chiamo Nimai. E' il mio vero nome. Sul serio! Scrivo storie e un giorno vorrei farlo diventare un lavoro. Uno dei miei sogni è accumulare abbastanza materiale per riempire almeno una pagina su Wikipedia.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.