Recensione: Nocturno – Nuova edizione cartonata

Editore Tunué
Autori Tony Sandoval
Prima pubblicazione 2012
Prima edizione italiana 2012
Formato 19,5 x 27 cm
Numero pagine 240 a colori

Prezzo 24,90 euro

Nocturno cammina nell’oscurità della notte

Ci sono pagine che scorrono via come le onde del mare sul bagnasciuga. Nell’acqua salata si agitano mostri al di là di ogni comprensione umana, eppure resta meraviglioso il solo ammirarli dall’alto, per poi incontrarli. Un giorno Karen li vede dalla sua scogliera interiore spazzata dal vento: i leviatani marini sono Seck e Rojo, cantante e chitarrista dei Kraneus. La ragazza non resiste, ne rimane fulminata e le spire di questi serpenti marini la avvolgono sempre di più, sempre nel profondo. Questo è solo un frammento di Nocturno di Tony Sandoval, riproposto da Tunué in una nuova veste cartonata di pregio, un’edizione che ridona linfa vitale ad una grande opera moderna, fatta di suggestioni, struggimenti e tavole altamente evocative che vi faranno commuovere ad ogni immagine e colore.

ALLEGORIE

Non ha caso ho voluto mettere subito in luce il comparto grafico e ribadisco quanto detto poco fa: suggestione. Se dovessimo prendere semplicemente la trama di questa storia, si potrebbe parlare di Nocturno come il classico intreccio di amore e morte, avvicinamento e allontanamento, odio e passione. Queste coppie antitetiche vengono però sublimate dalle improvvise rappresentazioni oniriche che ne fa l’autore, che crea delle vere allegorie degli eventi sullo sfondo, mentre i protagonisti agiscono in primo piano. La morte viene raffigurata non come una coltellata, ma come una conquista di spiriti maligni sul corpo della vittima, il sesso come lo sconvolgimento profondo dato da vortici ondosi, l’infatuazione come la stretta di un rettile. Ogni personaggio, ogni (anti) eroe è il pendant terrestre di uno spirito, di una sorta di trasfigurazione di qualcosa di altro: le loro storie si intrecciano, si mescolano e si influenzano a vicenda, padri e figli, guerrieri e ragazzi normali.

COLORE E MUSICA

Il mondo di Nocturno è sospeso tra il qui e l’altrove, tra la realtà tangibile, quotidiana e il sogno in tutte le sue frange più estreme e cupe. Il tempo di arresta, scorre secondo il suo umore, come a mio parere rappresenta la tavola 32. I colori, diluiti, scuri o pastellosi, estremamente morbidi ma indefiniti in alcuni punti, permettono una vera immersione in questo oceano di stimoli per il cuore. Un consiglio: da ascoltare con Ezio Bosso e i Disturbed in sottofondo.

PRO CONTRO
– Tavole evocative e da capogiro sentimentale
– Una storia avvincente e accattivante
– Emozioni a go-go
– Bisogna essere nel mood giusto per apprezzare la storia

C4 MATITE:

Andrea Tondi

Filologo romanzo, vive nel suo mondo fatto di cavalieri e avventure mistiche nella foresta. Quando torna nel mondo reale, scrive di fumetti.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.