Recensione: One-Punch Man #1

Editore Panini Comics
Autori ONE e Yusuke Murata
Prima pubblicazione Giugno 2009
Prima edizione italiana Aprile 2016
Formato 11,5 x 17,5 cm
Numero pagine 208

Prezzo 4,50 euro

Un’altra lotta che finisce dopo solo un pugno

One-Punch Man_02Una recensione di One-Punch Man ora ha senso?
Mi spiego meglio: è troppo tardi perché abbia senso una recensione del primo numero (siamo al sesto!) e troppo presto per una recensione della serie intera.
Allora perché farla?
Per colmare un vuoto; escono molti fumetti, alcuni interessanti, altri meno, e non sempre nonostante in redazione ci si impegni, riusciamo a leggerli o a scrivere su tutti.
La mancanza della recensione di OPM #1 è ora terminata!
(Per l’importanza di OPM per l’animazione, invece, un interessante articolo qui!)

OPM

One-Punch Man rientra in quel piccolo novero di opere manga che difficilmente rientrano in una categoria ben specifica.
Chi legge abitualmente fumetti giapponesi sa che gli abitanti del Sol Levante suddividono i manga per età e genere sessuale dei lettori (kodomo/shonen/shojo/seinen/josei) e per genere letterario (battle/harem/majokko/spokon ecc…); le divisioni sono chiaramente indicative ma in linea generale riescono a descrivere l’andamento del mercato del fumetto.
One-Punch Man_04In che rientrerebbe OPM? Sicuramente nello Seinen* Battle, e ha fra i suoi illustri predecessori fumetti come Dragon Ball, Saint Seyia, Bleach (i quali però sono Shonen**).
Dicevamo però che è difficile categorizzare OPM.
L’affermazione nasce da una considerazione: OPM è la narrazione nella forma del seinen battle manga di cosa sia uno shonen battle manga e, più in generale, uno shonen.
ONE, autore dell’opera, non nasconde mai il suo scopo: usare tutti gli elementi tipici del suo genere di appartenenza esasperandole, per creare un fumetto che parli, in via indiretta, dei meccanismi di narrazione dei suoi predecessori.
La chiave di lettura è quindi duplice: da un lato un ottimo seinen, leggero e scanzonato; dall’altro un eccellente manuale/saggio su cosa sia uno shonen nel ventunesimo secolo.
Come ben descritto anche qui, One-Punch Man prende in prestito da vari altri fumetti situazioni, trame, grafica, per sviluppare una sua trama; allo stesso tempo, sviluppa in eccesso le caratteristiche base dei predecessori.

Se il meccanismo narrativo di Dragon Ball Z è “eroe -> nemico più forte -> allenamento -> sconfitta nemico -> comparsa di un nemico più forte” in una infinita corsa alla potenza, allora in OPM troveremo la stessa cosa (la scala di forza della gilda degl eroi) ma “rotta” (Saitama è già invincibile).
Un manga che quindi mostra i suoi meccanismi e li sfrutta, sulla scia di “Manga Bomber” o, in misura minore, Bakuman.

One-Punch Man_03TRAMA

Va da sé che la trama sia il punto forte di OPM pur essendo descrivibile in poche parole:
Saitama è l’eroe più forte del pianeta, capace di distruggere qualunque nemico con un unico pugno, e ciò lo rende insoddisfatto per la mancanza di sfida.
Da qui in poi lo sviluppo di un universo con sue regole (folli) ma ferree.
Il primo volume è introduttivo e, nella semplicità della trama, essenziale per entrare nel mondo di OPM.

DISEGNI

La storia è nota: ONE pubblica One-Punch Man sul suo blog con suoi (pessimi) disegni. La trama è tanto interessante da richiamare migliaia di lettori e il disegnatore Yusuke Murata si offre di ridisegnarlo.
Il tratto di Murata è netto, veloce, pulito, capace di adeguare il registro comico derivante dall’esasperazione delle caratteristiche dei personaggi all’azione vera e propria.
Geniale, inoltre, il modo in cui rende graficamente alcuni nemici parodie degli shonen più famosi. OPM copia e distrugge anche graficamente i suoi “genitori”: puro riciclo creativo.

CONCLUSIONE

One-Punch Man mi piace; il suo uso della tradizione per innovare è perfetto. La struttura dell’universo narrativo è coerente e, ancora di più, credibile. La “sospensione della credulità”, elemento necessario per la creazione di un’opera di questo genere, non viene mai rotta, nemmeno da situazioni eccessive.
Una ventata di aria fresca in un mercato che, perlomeno nell’ambito del “battle”, non riesce più a rinnovare se stesso.

* Seinen= manga indirizzato a un pubblico maschile adulto
** Shonen= manga indirizzato a un pubblico maschile adolescente

One-Punch Man_05


One-Punch Man: 1
One-punch man: 2
One-punch man: 3
One-Punch Man: 4
One-Punch Man: 5

C4 MATITE:

Potrebbero interessarti anche...

Nessuna Risposta

  1. 2 febbraio 2017

    […] Frank Miller, Kobane Calling di Zerocalcare, Orfani: Juric di Roberto Recchioni e Paola Barbato, One-Punch Man di ONE e Yusuke Murata, La terra dei figli di Gipi solo per nominarne […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.