Recensione: Pecché – La fabbrica dell’incubo (l’incubatrice)

Editore NPE
Autori Carmine Faraco (testi), Marco Martellini e Andrea Rossetto (disegni)
Prima pubblicazione Ottobre 2015
Prima edizione italiana Ottobre 2015
Formato 16,5 x 24 cm
Numero pagine 128 in b/n

Prezzo 12,00 euro

Negli anni ’60-’70 in Inghilterra nascevano i Genesis, i Pink Ford, i Deep Purple… Contemporaneamente in Italia… Orietta Berti… 

CARMINE DIVENTA DYLAN

Pecché-La-Fabbrica-dell-IncuboLa storia inizia con uno spettacolo di cabaret. Carmine Faraco è sul palco e sta proponendo uno dei suoi show dove si chiede il “pecché” di molte canzoni. Finita l’esibizione il comico/cantante si ferma in un’edicola per comprare il fumetto “La fabbrica dell’incubo“. Questo albo cattura il cabarettista e lo trasporta all’interno di un sogno.

Carmine si ritrova, vestito da Dylan Dog, in un cimitero dove su ogni croce è inciso il titolo di una canzone. Da ogni tomba iniziano a spuntare gli autori sotto forma di zombie: da Adriano Celentano a Zucchero, da Albano & Romina a Valeria Rossi.

Il comico inizia a sparare mirando alle teste ma più cantanti uccide più ne compaiono. Appena riesce a rifugiarsi e trovare un po’ di tregua riflette sul fatto che tutti gli zombie sono autori ancora vivi. Carmine inizia dunque a chiedersi dove saranno i cantanti morti da tempo e proprio in quel momento…

IL FENOMENO ZOMBIE SENZA TRAMA

Pecché-La-fabbrica-dell-incubo-pg20Questo fumetto cavalca sia il trentennale successo dell’Indagatore dell’incubo, Dylan Dog, sia quello più recente degli zombie. Una pecca di questo albo è quella di non avere una storia comune. Per tutto il volume sono proposte a ripetizione le battute di Carmine legate tra di loro in modo un po’ troppo forzato.

La mancanza di trama è stata in parte colmata dai continui riferimenti a Dylan Dog e dalla presenza degli zombie, ma purtroppo non sono bastati questi elementi a impreziosire la storia.

Sicuramente non è facile il lavoro dello sceneggiatore e sono convinto che Carmine, se continuerà con questo attività, riuscirà a migliorare.

I disegni di Marco Martellini e Andrea Rossetto sono stati una piacevole scoperta. Li ho trovati molto realistici, i cantanti si riconoscono a prima vista.

CONCLUSIONI

Pecché-La-Fabbrica-dell-Incubo-backTutto sommato si tratta di un fumetto piacevole da leggere. La lettura scorre veloce e ogni tanto scappa la risata.

Le battute che si trovano sono le classiche domande che Carmine rivolge agli autori delle canzoni durante i suoi show. Se amate l’ironia del comico allora vi piacerà sicuramente anche questo volume. L’edizione e la divisione delle pagine ricorda molto un fumetto Bonelli, i riferimenti a Dylan Dog iniziano dalla copertina e praticamente non finiscono mai.

Carmine Faraco è riuscito a fondere la comicità del programma televisivo Colorado con il fumetto, generando una simpatica parodia dell‘Old Boy creato da Tiziano SclaviNicola Pesce Editore ha scommesso un’altra volta sul fumetto comico e sicuramente è riuscito a accaparrarsi qualche nuovo lettore incuriosito da questo progetto.


Pecché. La fabbrica dell’incubo. L’incubatrice
Diabolik. I numeri 1. Ediz. limitata
The Graveyard Book
Tex il grande!
David Bowie. L’uomo delle stelle

C4 MATITE:

Marco Rubertelli

Appassionato di fumetti e informatica. Dopo essere stato un fedele abbonato a Topolino per anni, un giorno, per caso, legge l'albo #224 di Dylan Dog, Sul filo dei ricordi, e inizia a leggere tutta la serie. Presto l'interesse si estende a qualunque tipo di fumetto, soprattutto graphic novel. Nel novembre 2013 fonda insieme all'amico Nicholas il portale C4 Comic.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.